DAL GENOVESE ALL'ESPERANTO E LA VITA DI ZAMENHOF

I popoli del mondo sono ancora tanto divisi, sempre più si costruiscono muri tra i popoli, si fanno sempre più forti i sentimenti che vogliono dividere i popoli in nazioni. Avere un nemico e il modo più semplice per distrarre il popolo dal malfunzionamento dello stato. Crea un nemico e il popolo che governi sarà dalla tua parte. I popoli divisi sono più facili da governare, specie se si sentono nemici.

Se governi uno stato in difficoltà, cosa c'è di meglio che attribuire le tue mancanze e le tue incapacità a qualcun altro. C'è’ un nemico che trama contro di noi! E’ cosi!

Mi permetto di ricordare a quanti accusano l’Unione Europea di ogni nostro problema, che al di la’ di tante critiche che gli si possono fare, questa Unione Europea ha permesso il più lungo periodo di pace dai tempi dell’Impero Romano. Secoli e secoli di guerre, dove non c’erano generazioni che non ne conoscevano gli orrori, la mia generazione non ne ha vissuto le barbarie.

La guerra e’ una fonte di ricchezza straordinaria, mai le fonti di informazione ci ricordano: a chi giova tutto questo. Chi ci guadagna? Abbiamo invaso l'Iraq per trovare le armi di distruzione di massa, non c’erano, non ci sono, e allora abbiamo deciso di esportare democrazia. E tutte quelle bombe, quegli effetti collaterali (bambini, donne, uomini che non hanno capito la perdita della propria vita) a chi hanno donato ricchezza?

Quando ho riletto La Vita di Zamenhof (1859 -1917) ho rivissuto quello che oggi viviamo: che cosa divide l’uomo? La religione, la lingua, e che altro? Ho cosi deciso di tradurla in italiano per Voi, per darvi materia di riflessione.

Coraggio, Mauro Gaggero.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli