Ossessionato

Sentendomi deluso, le lascio appesa mentre vado a letto e dormo fino a mezzogiorno. Due notti perse, cinque ne rimangono. Devo iniziare a usarla davvero. Vado a friggere del bacon per colazione e preparo un altro frappè per Rossa. Quando scendo le scale, lei si blocca come se fosse morta, se non fosse per il petto che si espande e si contrae. L'arachide dell'ombelico è ancora al suo posto, quindi mi chino per succhiarla.

Lei è sveglia in un istante, agitandosi e girandosi. Puro shock è nei suoi occhi, il suo respiro è rapido e superficiale come se stesse vivendo un incubo.

"Colazione", dico nella mia voce più allegra. Ci mette un po 'a calmarsi. Ha difficoltà a deglutire e la colazione le gocciola intorno alla palla gag, giù per il mento, nel sacchetto di noccioline che è la sua camicia. "Non farlo di nuovo, lo lascerò scivolare questa volta," e le lecco un po 'di frappè dal suo mento. Cerca di resistere, ma mi limito ad accarezzare la sua coda di cavallo e dopo qualche grido lei è immobile.

"Hai bisogno di fare pipì?" Lei annuisce. Di nuovo, lascio il sedile alzato. Esita, indicando il suo cavallo. "Dovrai fare pipì intorno al dildo, e non osare spingerlo fuori." Si adegua, ha un sacco di pipì, essendo stata senza cibo solido per un giorno. Un'altra vampata mentre lei è in quella toilette e di nuovo devo pulire la sua figa. Il dildo scivola via da lei un po 'e devo spingerlo indietro e poi schiaffeggiarle il culo.

La appendo di nuovo, sono circa le 13:00. Non riesco a capire cosa fare così la frusto un sacco e le lancio le noccioline fino a cena, che mangio di fronte a lei, assaporando ogni boccone. Appoggio i suoi piedi nell'altro gancio, ma nonostante la maggior forza degli attacchi, non ha quel rimbalzo che è stato così divertente con le sue mutande. Inoltre sembra a posto, non si lamenta molto e sembra abituarsi alla sua posizione.

Sono diventato compiacente. È solo la mia terza notte con lei e sto già iniziando a sentire che il domani mi vedrà a corto di idee. Ho bisogno di una pausa per schiarirmi le idee.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Pensieri Illeciti

Pensieri Illeciti di

Ero insensibile alle sue parole, concentrandomi invece sul suo palmo fresco che continuava a vagare tra il mio ginocchio e la parte superiore della mia coscia. Il suo tocco, come sempre, aveva un modo particolare di trascinarmi in uno stato ipnotico, levitante dalla normalità della vita che vivevo. E mentre continuava ad accarezzarmi, stuzzicandomi con la punta delle dita contro le labbra nude ...

Passione Selvaggia: Parte Terza - Verso Una Nuova Vita

Passione Selvaggia: Parte Terza - Verso Una Nuova Vita di

Si era sistemata sulla sua nave di sua spontanea volontà, assicurandosi così di essere in grado di mantenere se stessa una volta che non era più sotto la sua responsabilità, eppure l'aveva assunto aprendo un conto in banca per Willy. Girò e rigirò nel letto cercando di dare un senso a tutto, ma sembrava che, per quanto duramente provasse a vederlo in modo diverso, tornava sempre ad apparire che...

Esibisciti Per Me

Esibisciti Per Me di

"Mi piaci da molto tempo Jay," fece una pausa. "E speravo che anche io piacessi a te. Ero terrorizzata che se tu avessi saputo della mia altra vita avresti pensato che ero una specie di stramba puttana, o qualcosa del genere, e non volessi starmi intorno. Ora che sai e non sei corso via urlando, nè mi hai fatto la predica, o niente di simile, spero che potremo conoscerci meglio. "Il mio cuore ...

Senza Nome

Senza Nome di

Guardò verso di me e sollevai il bicchiere appena in alto. Inclinò leggermente la testa e si alzò, facendomi cenno di andare da lei. Beh, perché no, questa cosa potrebbe andare in qualsiasi modo. Mi alzai e la osservai mentre si faceva strada tra la folla, la ragazza sembrava bellissima da tutti gli angoli. Era un vero ballo per lei, ed era una bellissima ballerina.Si sedette ad un tavolo vuoto...

Yes, Sir

Yes, Sir di

Sento rimestare in un bicchiere, o comunque qualcosa di vetro, poi una fitta pungente come un ago mi colpisce improvvisa il capezzolo destro. Ghiaccio. Lo sento rigirarsi prima su un seno e poi sull’altro, mentre sciogliendosi lascia cadere gocce gelate sul mio stomaco e giù fino al mio pube. Lo strofini sull’areola, facendomi ansimare per il freddo ed il desiderio. Si scioglie, lasci cadere l’...

Incursione Armata

Incursione Armata di

Continuava a muovere solo la testa e solo leggermente guardava me. Un movimento della sua testa mi ha comandato di alzarmi. Senza una parola, mi portò da lei. Voleva che fossi io a finire di svelarla. Trattenendo il mio respiro ho sollevato con attenzione la maglia di un pezzo rivelando il suo seno. Ho avuto il coraggio di toccarlo mentre sollevavo la maglia sopra la sua testa. Posandola da par...