Quegli Insoliti Martedì

"Mi chiamo Paulita," disse. Il suo accento spagnolo sembrava sciogliersi su tutto il mio petto nudo. Annuii e mi diressi velocemente verso il bagno, con la faccia che bruciava per l'imbarazzo. Mentre la superavo, abbassai lo sguardo verso il punto in cui era ancora inginocchiata e notai che i suoi occhi erano fissi sul mio asciugamano. Quando aprii la porta del bagno, capii che stava fissando la sagoma del mio culo.

Quando sono uscito dal bagno non era nei paraggi. Non riuscivo a sentire alcun rumore dal piano di sotto, quindi ho pensato che se ne fosse andata. Sono entrato nella mia stanza e ho iniziato ad asciugarmi. Stavo pensando a lei nella doccia e mi ero molto eccitato. Non potevo fare a meno di fantasticare su tutti i modi in cui volevo scoparla. Mentre mi voltavo per raggiungere il mio deodorante, ho preso un riflesso di qualcosa nel mio specchio. Ho subito guardato la porta e l'ho vista aperta. Paulita era lì in piedi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Il Pieno Controllo

Il Pieno Controllo di

" Ragazza, puoi vestirti ora." Disse e poi andò a farsi una doccia. Guardando indietro a Charlene e Nicole, disse loro: "voi due potete fare la doccia e vestirvi, ma avete solo venticinque minuti". Poi scomparve nello spogliatoio degli uomini.Nicole si guardò intorno e notò che Charlene non esitava ad afferrare la sua borsa da ginnastica e a dirigersi immediatamente verso lo spogliatoio delle d...

Beatrice: I Bisogni Di Una Moglie

Beatrice: I Bisogni Di Una Moglie di

Francesco aveva avuto più donne di quante ne potevi contare, era diabolicamente bello in un modo da zingaro, capelli neri ondulati arruffati, carnagione scura, alto 1,85 trasudava sex appeal, trasudava… infatti, ne aveva abbastanza da affondare una nave da battaglia! Un sorriso assolutamente coinvolgente e un corpo per cui morire. I suoi pari lo odiavano per questo, e diventavano gli uomini del...

Ogni Venerdì Sera

Ogni Venerdì Sera di

"Sei bella in ogni modo, Eva." La sua faccia si avvicinò alla sua e le sue labbra sfiorarono la punta del suo naso, e poi le sue labbra. Le mani di Alex si avvicinarono per coprirle i seni, e quando Stefan si tirò leggermente indietro, Alex usò quelle mani per accoccolarsi la schiena contro il suo petto. Poi le labbra di Stefan erano al suo capezzolo destro, succhiavano avidamente e leccavano. ...

Contro Ogni Probabilità

Contro Ogni Probabilità di

Il generale Desmond provò un brivido di attesa mentre guardava il display; aveva aspettato molto tempo per questo. Per quasi un anno la stava facendo a pezzi con quasi nessun progresso. Se i rapporti erano accurati, il programma aveva gestito anche ciò che non poteva, nonostante l'assimilazione. I suoi capelli castani catturarono il suo sguardo nella cella spoglia. Era seduta su una sedia bassa...

Rosso Per Smettere

Rosso Per Smettere di

È andata da lui quella notte. Non aveva nemmeno preso in considerazione la possibilità, quando alla fine era collassato nella sua branda consumata dal giorno. Si arrampicò su di lui mentre i suoi occhi si aprivano sulla sua forma sfocata che si stagliava contro il bagliore delle luci del diluvio all'esterno. "Ti dispiace se mi inserisco?" disse lei, lasciando cadere la sua faccia vicino a quell...

Verso La Libertà

Verso La Libertà di

Una corsa pazza contro il suo aguzzino, una casa appena comprata per sfuggire al suo destino...Le sensazioni salivano dal suo inguine, spronate in avanti ad ogni giro, ogni tocco della sua lingua, ogni gemito vibrante. Quando arrivò, sentì che sarebbe potuta svenire, la testa china, il sangue che le scorreva dentro. Il suo corpo tremava sotto la sua bocca. Sembrava artigliare sulle sue costole ...