Morte di un antiquario

Compra su Amazon

Morte di un antiquario
Autore
Paolo Regina
Editore
SEM
Pubblicazione
10/05/2018
Categorie
Che cosa distingue l’antiquario dal semplice collezionista? Il gusto della ricerca tra le cose dimenticate alla scoperta dell’oggetto unico e magari irripetibile, prezioso. Ma anche la suggestione per il mistero che avvolge gli oggetti perduti e poi ritrovati: da dove vengono, chi li ha posseduti, quanta passione o dolore hanno ‘visto’. Testimoni muti delle vite passate, gli oggetti antichi attraversano il corso del tempo con il loro carico di segreti.
Uber Montanari, tra tutti gli antiquari, è il più solitario, il più geloso delle scoperte che ha fatto, il più misterioso. Quando viene ritrovato cadavere nella sua bottega, a Ferrara, in molti si domandano quali tesori siano all’inizio della sua sventura.
Gaetano De Nittis è un brillante capitano del Corpo più ‘odiato’ d’Italia: la Guardia di Finanza. D’origine pugliese, da poco trasferito a Ferrara, ama la buona cucina, cioè solo quella della sua terra, e odia l’agrodolce estense.
Ha poco tempo libero e lo dedica tutto alla sua vera passione: la chitarra e lo stile blues del grande B.B. King, il suo idolo.
È lui a scoprire, durante un’indagine di routine, il corpo di Montanari, l’antiquario dalla personalità ambigua, protetto da esponenti dell’alta borghesia ferrarese con cui aveva rapporti d’affari non sempre limpidi. Tra i molti segreti di questa vicenda, raccontata con calibrata maestria da Paolo Regina, il primo sta proprio nella vita dell’antiquario, coltissimo e misantropo, e nel suo insaziabile desiderio di collezionare opere d’arte proibite.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Review Party: Morte di un antiquario di Paolo ReginaStamberga d'Inchiostro

Questo romanzo, oltre ad essere un buon giallo, è anche un tributo a Ferrara, una città perfetta per un’indagine in cui è coinvolto un vecchio antiquario. L’autore la dipinge con i suoi pregi e difetti, accentuando l’uno e l’altro man mano che De Nittis va avanti con l’indagine ed è bello poter vagabondare nei vicoli, udire le chiacchiere delle persone e bearsi dei profumi, immergersi nella realtà di una città dalla storia antica e sicuramente ricca di fascino. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.