Contro Ogni Probabilità

Il generale Desmond provò un brivido di attesa mentre guardava il display; aveva aspettato molto tempo per questo. Per quasi un anno la stava facendo a pezzi con quasi nessun progresso. Se i rapporti erano accurati, il programma aveva gestito anche ciò che non poteva, nonostante l'assimilazione.

I suoi capelli castani catturarono il suo sguardo nella cella spoglia. Era seduta su una sedia bassa e fissava il muro più lontano come se fosse una finestra, a guardare attraverso piuttosto che a quella. Il resto della stanza sembrava intatto come se fosse appena arrivata.

"Che cosa ha fatto per due giorni?" Il generale chiese, realizzando in ritardo che aveva saltato il rapporto di inversione.

"Ricordando, raccontandosi storie, alcune dalla sua vita, qualche fantasia, ha cantato canzoni e sembra che" il tecnico fece una pausa " stesse dicendo addio”.

Il generale non spostò lo sguardo dalla donna sul display. "Che cosa vuol dire?"

"Non lo so." Il tecnico non l'ha mai detto. Hanno sempre avuto un lungo e complicato modo di dirlo mentre rassicuravano i lacchè dell'amministrazione e i tipi militari che avevano ancora la situazione in mano. Non per questo. Stava scherzando con l'intera squadra. "Ancora una volta, non è un comportamento che abbiamo mai visto prima in nessun altro soggetto, ma attraversa i suoi pensieri in modo sistematico e non ritorna mai a quelli che ha recensito, come se stesse dicendo loro addio". Era troppo poetico, ma una delle persone l'aveva detto in una riunione su di lei stamattina ed era l'unico modo convincente per descrivere il comportamento.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Il Fugace Ritorno

Il Fugace Ritorno di

Una telefonata, poche parole ed il passato ritorna, vivido, impetuoso...Mi sentivo a disagio sul pavimento, legata impotente, in attesa che uno di loro effettuasse la prossima mossa. Non ci è voluto molto. Sentii una lieve punta del polpastrello accarezzare a tentoni la mia guancia quasi un attimo dopo che l'oscurità mi aveva bloccata al suo interno. Rimasi senza fiato per colpa del bavaglio al...

Il Quiz

Il Quiz di

Ho deciso di farle un regalo che solo io posso fare - me stessa. Cioè, le ho dato un coupon virtuale che poteva usare ogni volta che desiderava. Questo coupon le ha dato il diritto di usarmi, in qualsiasi modo desiderasse, per un giorno. Andava tutto bene. Un coupon che rappresentava "consenso al non consenso" per una sessione. Ha scelto oggi. Mi ha detto come vestirmi e quando arrivare. Fedele...

Un'Indagine Finita Male

Un'Indagine Finita Male di

Il tipo muscoloso l'ha sollevata da terra con una mano, raccogliendo la borsa con l'altra, penzolando entrambe a mezz'aria. Il padre di Maurilio declinò persino di guardarla. "Maurilio, vai nella tua stanza e gioca con la tua piccola amica, tieniti semplicemente fuori dai piedi” disse con voce esasperata. Rosaria si sentiva piccola e insignificante, essendo maltrattata e poi congedata così alla...

L'Incantesimo Di Anais

L'Incantesimo Di Anais di

Si sedette, ovviamente consapevole del fatto che stessi studiando il suo corpo, e senza fare alcuno sforzo per nascondere qualcosa al mio sguardo. La scollatura della tunica si allargò piacevolmente, dandomi una piacevole visione della sua scollatura. La sua vita era stretta e divampava sui fianchi in un modo che sembrava supplicare di essere trattenuta. Una creatura seducente, davvero. Ho gent...

Seduzione

Seduzione di

L'insieme del vestito era aperto, mostrando il reggiseno e le mutandine delicati. Sebbene non sembrasse notarlo, era terribilmente consapevole della sua quasi nudità davanti a un estraneo. Un flusso silenzioso di lacrime le scorreva lungo le guance. Sentendosi così umile e patetica, fece un singhiozzo sincero. "Ecco, signorina, non morirai dissanguata," le disse. La sua voce era a malapena cald...

Le Lezioni Di Suor Helena

Le Lezioni Di Suor Helena di

Due settimane prima era finita la prima lezione. I ragazzi, diciottenni, avevano ridacchiato e fatto domande imbarazzanti, come previsto. Sebbene suor Helena pensasse che l'ora fosse andata bene. "Giovanotto, voglio scambiare una parola con te", annunciò suor Helena. Cercò di aggiungere un tono aspro e deciso alla sua voce, anche se una soffusa dolcezza contadina mascherò il tentativo. Dylan st...