Fermata Di Autobus

Uno strano individuo, un sequestro lampo che diventa una storia d'amore.

"Non devi fare nulla", le disse Fabrizio. "Ti lascerò andare quando sarò pronto a lasciarti andare."

Aurora sbuffò alla risposta criptica. "E 'questo quello che fai per il tuo divertimento, Fabrizio? Incatenamenti di persone ignare alle pensiline degli autobus per poter giocare a piccoli giochi malati con loro?"

Il respiro di Fabrizio lo lasciò con un'altra risata mentre sollevava il dito indice e lo sfregava contro la parte inferiore della bocca. "Questa è in realtà la prima volta per me", ha ammesso.

Il suo labbro si arricciò con disprezzo alle sue parole. "Bene, grazie per avermi inclusa in questa corsa di prova, è bello sapere che sto contribuendo alle tue capacità come futuro serial killer".

La sua fronte si aggrottò mentre la guardava. "Sai, Aurora, hai davvero una bella bocca su quel tuo viso, sono un po' stupito che questo tuo ex fidanzato sia così ansioso di rimetterti in sella."

Alzando il cellulare, lo cacciò in mano mentre sorrideva.

La bocca di Aurora si aprì mentre lo guardava. "Come l'hai avuto?" lei respirava affannosamente, ora.

La risposta divenne ovvia dopo un momento. L'aveva tirato fuori dalla tasca quando si era chinato per sussurrarle parole da maniaco nel suo orecchio. Non si era nemmeno accorta che lo stesse facendo.

"Restituiscilo," chiese.

Il sorriso di Fabrizio divenne beffardo mentre rispondeva. "Vieni a prenderlo."

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Vette Di Piacere

Vette Di Piacere di

Quando raggiunsero gli ascensori dell'hotel, Alba allungò il dito e premette l'unico pulsante per l'undicesimo piano. Guardò negli occhi di Alberto e mentre l'ascensore si spostava in fretta, il suo viso si trasformava in un sorriso dolce. Le mani di Alberto si spostarono per tenerla, prendendola delicatamente per mano e conducendola ai pochi gradini lungo il corridoio fino alla sua stanza.Ment...

L'Educatore

L'Educatore di

Venerdì 18 giugno l'ho chiamato. Gli ho detto cosa avevo programmato e quale risultato gli ho assicurato che avrebbe avuto. Sua moglie non avrebbe mai più speso più di mille euro al mese senza il suo permesso, non l'avrebbe mai più tormentato per i soldi, sarebbe tornata ad essere la donna sottomessa che era quando si erano sposati. Gli piaceva quello che gli avevo promesso e mi ha chiesto come...

Il Mostro Dentro Di Lui

Il Mostro Dentro Di Lui di

Una fuga nei boschi, inseguita da un uomo astuto e forte pota Claudia a scoprire di più della sua stessa sessualità, a scoprire che il mostro che alberga dentro di lui forse è molto simile a quello che vive dentro di lei...Claudia corse via veloce, disperata, con grandi balzi affannati. Corse come se la sua vita dipendesse da ciò. Corse come se non avesse bisogno di respiro, poi corse ancora pi...

Un'Indagine Finita Male

Un'Indagine Finita Male di

Il tipo muscoloso l'ha sollevata da terra con una mano, raccogliendo la borsa con l'altra, penzolando entrambe a mezz'aria. Il padre di Maurilio declinò persino di guardarla. "Maurilio, vai nella tua stanza e gioca con la tua piccola amica, tieniti semplicemente fuori dai piedi” disse con voce esasperata. Rosaria si sentiva piccola e insignificante, essendo maltrattata e poi congedata così alla...

Il Fugace Ritorno

Il Fugace Ritorno di

Una telefonata, poche parole ed il passato ritorna, vivido, impetuoso...Mi sentivo a disagio sul pavimento, legata impotente, in attesa che uno di loro effettuasse la prossima mossa. Non ci è voluto molto. Sentii una lieve punta del polpastrello accarezzare a tentoni la mia guancia quasi un attimo dopo che l'oscurità mi aveva bloccata al suo interno. Rimasi senza fiato per colpa del bavaglio al...

Seduzione

Seduzione di

L'insieme del vestito era aperto, mostrando il reggiseno e le mutandine delicati. Sebbene non sembrasse notarlo, era terribilmente consapevole della sua quasi nudità davanti a un estraneo. Un flusso silenzioso di lacrime le scorreva lungo le guance. Sentendosi così umile e patetica, fece un singhiozzo sincero. "Ecco, signorina, non morirai dissanguata," le disse. La sua voce era a malapena cald...