FILOGASO -La grande storia di un piccolo paese. : ( Riforma cappuccina,catastrofi naturali,cultura,usi e costumi)

Il libro si compone di tre capitoli. Nel primo capitolo vengono descritti gli usi, i costumi, l’economia, le arti ed i mestieri e le condizioni socio-economiche del paese nel XVI e XVII secolo, e citati i personaggi illustri di quel periodo : Davide Romaei, Domenico De Sanctis, il vescovo Tiberio Carafa. Il secondo capitolo è dedicato alla Riforma dei Cappuccini e ad al suo fondatore, padre Ludovico Cumi o Comi, alle attività svolte dai frati, al ruolo fondamentale avuto dal Duca Ferrante Carafa. Il terzo capitolo si sofferma su alcuni reperti storici scampati alle catastrofi subite dal paese. Il libro si compone di tre capitoli. Nel primo capitolo vengono descritti gli usi, i costumi, l’economia, le arti ed i mestieri e le condizioni socio-economiche del paese nel XVI e XVII secolo, e citati i personaggi illustri di quel periodo : Davide Romaei, Domenico De Sanctis, il vescovo Tiberio Carafa. Il secondo capitolo è dedicato alla Riforma dei Cappuccini e ad al suo fondatore, padre Ludovico Cumi o Comi, alle attività svolte dai frati, al ruolo fondamentale avuto dal Duca Ferrante Carafa. Il terzo capitolo si sofferma su alcuni reperti storici scampati alle catastrofi subite dal paese.
Il lavoro è stato lungo e faticoso in quanto ha comportato, usando lo stesso criterio scientifico normalmente utilizzato per testi scientifici, la verifica e l’attendibilità delle notizie, la ricerca documentale degli avvenimenti accaduti a Filogaso in tempi cosi lontani in biblioteche, librerie e siti sparsi in diversi luoghi della Regione e d’Italia.
Molti ed importanti sono stati gli avvenimenti che hanno interessato in quel periodo storico Filogaso. C’è stato il terremoto del 1638, quello del 1659,di grande intensità sismica, con epicentro proprio a Filogaso, che rase interamente al suolo il paese e provocò ben 800 vittime, praticamente la maggioranza degli abitanti. I cronisti del tempo dichiararono Filogaso fuit. Seguì il terremoto del 1783 con intensità minore ma con uguale capacità distruttrice. In seguito a quest’ultimo terremoto, i tecnici del tempo osservarono in un sopralluogo, all’uopo esperito, che le case costruite , in particolar modo il castello del duca Carafa, con materiale in legno e malta bastarda avessero resistito al sisma e proposero lo stesso modello costruttivo, salvo lievi modifiche, definito antisismico o “casa baraccata” per le future costruzioni. In più fu scritto ed adottato il regolamento edilizio, primo in Europa, con le prescrizioni da adottare per i nuovi fabbricati e con degli schemi urbanisticici per le città da edificare ( distanze fra strade principali e secondarie, centri sociali di ritrovo, piazze e spazi pubblici). L’altro episodio di grande importanza storica riguarda la nascita della riforma cappuccina conclusasi con la cerimonia della vestizione dei frati cappuccini con l’abito dal cappuccio aguzzo tagliato e confezionato a Filogaso, tuttora portato dai frati. Infine sono stati descritti alcuni reperti storici, in maggioranza di arte sacra, scampati ai terremoti che rivestono grande interesse artistico. Il libro si propone, nell’intenzione degli autori, di rievocare la storia del paese, finora dimenticata e caduta nell’oblio e mai raccontata da alcuno, che riveste un’importanza che travalica i confini del paese e dare spunto a chi volesse continuare quest’opera di ricerca o agli studiosi meridionali più titolati degli autori ad approfondire e divulgare con maggiore competenza ed orgoglio la storia del Meridione d’Italia e della Calabria.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli