Coinquiline

Stefania si svegliò al fruscio della sua compagna di stanza, Lucinda, che stava armeggiando dentro il cassettone per i vestiti dopo essersi fatta una doccia. Stefania aprì leggermente gli occhi e guardò la sua compagna di stanza mentre si sedeva sul letto che era dall'altra parte della stanza. Non poteva fare a meno di guardare il bel corpo di Lucinda coperto solo da un paio di mutandine striminzite e un reggiseno di pizzo nero che a malapena riusciva a contenere le sue tette. Non sapeva perché, ma si ritrovò attratta da Lucinda. Non aveva mai guardato una donna in quel modo prima o aveva provato attrazione per una donna prima di Lucinda.
"Buongiorno Stefania, mi dispiace, ti ho svegliata?"
"Sì, l’hai fatto Lucinda, ma va bene, ho bisogno di alzarmi anche io." Stefania sentì un leggero formicolio attraversarle il corpo mentre osservava ogni movimento di Lucinda . Cercò di non fissare il suo bellissimo corpo, ma non riuscì a staccare gli occhi da lei.
"Ti piace quello che vedi, vero?" Chiese Lucinda.
Stefania sentì che la sua faccia cominciava a diventare rossa. "Um, cosa vuoi dire?"
Lucinda sorrise mentre si alzava e iniziava a camminare verso Stefania. "Ti ho vista fissare il mio corpo, ma va bene, non mi dispiace, penso che anche tu sia bella, Stefania."
Lucinda si sporse e fece scorrere dolcemente le sue dita sul braccio di Stefania, mandandole brividi nella spina dorsale. Stefania cercò di trattenersi dal rispondere, ma il suo corpo la tradì mentre lei inarcava la schiena.
"Ti piace essere toccata, non è vero Stefania? Dovremo prenderti un uomo per il tuo compleanno."
Stefania rispose rapidamente: "Troverò un uomo, non ho bisogno di aiuto, ma grazie per l'offerta".

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Cornuto

Cornuto di

Abbiamo parlato a lungo ed è diventato chiaro che la causa alla base delle nostre pause regolari era la semplice frustrazione sessuale. Mi amava, ma questo era un problema serio per lei, il che significava che non potevamo avere futuro. Voleva che tornassimo insieme, ma aveva concluso che era finita; la natura accendi-spegni, accendi-spegni della nostra relazione era troppo dolorosa, per entram...

Il Mostro Dentro Di Lui

Il Mostro Dentro Di Lui di

Una fuga nei boschi, inseguita da un uomo astuto e forte pota Claudia a scoprire di più della sua stessa sessualità, a scoprire che il mostro che alberga dentro di lui forse è molto simile a quello che vive dentro di lei...Claudia corse via veloce, disperata, con grandi balzi affannati. Corse come se la sua vita dipendesse da ciò. Corse come se non avesse bisogno di respiro, poi corse ancora pi...

Il Fugace Ritorno

Il Fugace Ritorno di

Una telefonata, poche parole ed il passato ritorna, vivido, impetuoso...Mi sentivo a disagio sul pavimento, legata impotente, in attesa che uno di loro effettuasse la prossima mossa. Non ci è voluto molto. Sentii una lieve punta del polpastrello accarezzare a tentoni la mia guancia quasi un attimo dopo che l'oscurità mi aveva bloccata al suo interno. Rimasi senza fiato per colpa del bavaglio al...

Il Quiz

Il Quiz di

Ho deciso di farle un regalo che solo io posso fare - me stessa. Cioè, le ho dato un coupon virtuale che poteva usare ogni volta che desiderava. Questo coupon le ha dato il diritto di usarmi, in qualsiasi modo desiderasse, per un giorno. Andava tutto bene. Un coupon che rappresentava "consenso al non consenso" per una sessione. Ha scelto oggi. Mi ha detto come vestirmi e quando arrivare. Fedele...

Un'Indagine Finita Male

Un'Indagine Finita Male di

Il tipo muscoloso l'ha sollevata da terra con una mano, raccogliendo la borsa con l'altra, penzolando entrambe a mezz'aria. Il padre di Maurilio declinò persino di guardarla. "Maurilio, vai nella tua stanza e gioca con la tua piccola amica, tieniti semplicemente fuori dai piedi” disse con voce esasperata. Rosaria si sentiva piccola e insignificante, essendo maltrattata e poi congedata così alla...

L'Incantesimo Di Anais

L'Incantesimo Di Anais di

Si sedette, ovviamente consapevole del fatto che stessi studiando il suo corpo, e senza fare alcuno sforzo per nascondere qualcosa al mio sguardo. La scollatura della tunica si allargò piacevolmente, dandomi una piacevole visione della sua scollatura. La sua vita era stretta e divampava sui fianchi in un modo che sembrava supplicare di essere trattenuta. Una creatura seducente, davvero. Ho gent...