Passione Selvaggia: Parte Quarta - L'Epilogo

Luke non avrebbe aspettato che lei cambiasse idea. Le sue labbra scesero dolcemente sulle sue. Lei lo baciò, ricambiandolo appassionatamente, avvolgendogli le braccia attorno al collo, con tutto il suo corpo che formicolava di piacere. Si avvolse le sue grandi mani nei suoi capelli che si erano allentati durante le sue lotte. I suoi capelli caddero sulle sue spalle mentre le sue piccole mani li staccavano. Sospirò quando sentì i fili scivolare sulle sue guance. Come le era mancato farlo. La passione nel loro bacio si approfondì e lui la prese tra le sue braccia. Salì in cima alle scale e mormorò "sinistra, fine, sinistra". Si è infilato nella sua camera da letto per adagiarla sul letto.

Si sedette accanto a lei e le accarezzò i capelli. Lui la baciò di nuovo dolcemente e chiese, "Devo lasciarti da sola?"

Era andata così lontano e voleva di più, voleva tutto lui. Poteva scoprire più tardi per quanto tempo avesse intenzione di rimanere. Proprio ora, in questo momento, il suo desiderio per lui ha annullato tutti i suoi sensi. Il suo bisogno di averlo toccato, di portarla di nuovo sulle vette della passione, calmava la piccola voce nella sua testa che stava cercando di avvertirla, cercando di dirle che non era saggio e stava andando troppo veloce. Allungò la mano e gli passò le mani attorno al collo, baciandolo di nuovo, e poi disse: "No, resta."

Si alzò e andò alla porta. All'inizio era terrorizzata dal fatto che stesse giocando una partita crudele con lei e che stesse per andarsene, ma chiuse la porta e tornò al letto. Ha tolto il cappotto, il panciotto e la maglietta prima di strisciare sul letto verso di lei, immobilizzandola con gli occhi. Un pensiero fluttuò nella sua mente ma poi le labbra di Luke erano di nuovo su quelle di lei e lei dimenticò tutto tranne lui.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Rosso Per Smettere

Rosso Per Smettere di

È andata da lui quella notte. Non aveva nemmeno preso in considerazione la possibilità, quando alla fine era collassato nella sua branda consumata dal giorno. Si arrampicò su di lui mentre i suoi occhi si aprivano sulla sua forma sfocata che si stagliava contro il bagliore delle luci del diluvio all'esterno. "Ti dispiace se mi inserisco?" disse lei, lasciando cadere la sua faccia vicino a quell...

Verso La Libertà

Verso La Libertà di

Una corsa pazza contro il suo aguzzino, una casa appena comprata per sfuggire al suo destino...Le sensazioni salivano dal suo inguine, spronate in avanti ad ogni giro, ogni tocco della sua lingua, ogni gemito vibrante. Quando arrivò, sentì che sarebbe potuta svenire, la testa china, il sangue che le scorreva dentro. Il suo corpo tremava sotto la sua bocca. Sembrava artigliare sulle sue costole ...

Pensieri Illeciti

Pensieri Illeciti di

Ero insensibile alle sue parole, concentrandomi invece sul suo palmo fresco che continuava a vagare tra il mio ginocchio e la parte superiore della mia coscia. Il suo tocco, come sempre, aveva un modo particolare di trascinarmi in uno stato ipnotico, levitante dalla normalità della vita che vivevo. E mentre continuava ad accarezzarmi, stuzzicandomi con la punta delle dita contro le labbra nude ...

Passione Selvaggia: Parte Terza - Verso Una Nuova Vita

Passione Selvaggia: Parte Terza - Verso Una Nuova Vita di

Si era sistemata sulla sua nave di sua spontanea volontà, assicurandosi così di essere in grado di mantenere se stessa una volta che non era più sotto la sua responsabilità, eppure l'aveva assunto aprendo un conto in banca per Willy. Girò e rigirò nel letto cercando di dare un senso a tutto, ma sembrava che, per quanto duramente provasse a vederlo in modo diverso, tornava sempre ad apparire che...

Esibisciti Per Me

Esibisciti Per Me di

"Mi piaci da molto tempo Jay," fece una pausa. "E speravo che anche io piacessi a te. Ero terrorizzata che se tu avessi saputo della mia altra vita avresti pensato che ero una specie di stramba puttana, o qualcosa del genere, e non volessi starmi intorno. Ora che sai e non sei corso via urlando, nè mi hai fatto la predica, o niente di simile, spero che potremo conoscerci meglio. "Il mio cuore ...

Senza Nome

Senza Nome di

Guardò verso di me e sollevai il bicchiere appena in alto. Inclinò leggermente la testa e si alzò, facendomi cenno di andare da lei. Beh, perché no, questa cosa potrebbe andare in qualsiasi modo. Mi alzai e la osservai mentre si faceva strada tra la folla, la ragazza sembrava bellissima da tutti gli angoli. Era un vero ballo per lei, ed era una bellissima ballerina.Si sedette ad un tavolo vuoto...