Le Lezioni Di Suor Helena

Due settimane prima era finita la prima lezione. I ragazzi, diciottenni, avevano ridacchiato e fatto domande imbarazzanti, come previsto. Sebbene suor Helena pensasse che l'ora fosse andata bene.
"Giovanotto, voglio scambiare una parola con te", annunciò suor Helena. Cercò di aggiungere un tono aspro e deciso alla sua voce, anche se una soffusa dolcezza contadina mascherò il tentativo.
Dylan stava alla sua scrivania aspettando pazientemente che gli altri se ne fossero andati. Era preoccupato che potesse essere nei guai, andando troppo lontano questa volta. Aveva una vena ribelle e cercò di comportarsi bene nella classe di sorella Helena. A tutti piaceva come lei fosse buona e giusta, a differenza degli altri.
Tutti facevano domande, ed era evidentemente fuori dalla sua profondità, capace solo di mormorare una risposta generalizzata. Non era un membro del corpo insegnante, quindi le era stata assegnata solo questa classe perché era la matrona che agiva.
I suoi doveri consistevano nell'organizzare il bucato, nel curare tagli e lividi, oltre a confortare quelli che mancavano delle loro madri. Tutti le piacevano e alcuni la adoravano come madre surrogata. Alcuni dei ragazzi avevano una cotta per lei. Probabilmente aveva una bella figura sotto la mantellina nera da pipistrello; come lo chiamavano loro.
"Quella foto è passata in giro, mostramela", ha chiesto.
Mancavano solo poche settimane alla fine del trimestre, quando sarebbero stati liberi da scuola. Non voleva passare il tempo in detenzione, invece di divertirsi con i suoi amici. Non c'era modo di aggirare l’ostacolo, dovette consegnarla. C'era anche qualcosa di malizioso e avvincente nel mostrarla.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Mia

Mia di

Uno stalker. Una passione bruciante. Un'appassionante storia d'amore."Hai mai ucciso qualcuno? "Sussultò Rebecca. "Non ancora", sussurrò mentre le premeva le labbra contro il collo. La sua lingua si allungò per scivolare contro la sua pelle, e ciò rese duro per Rebecca pensare correttamente. "Ucciderei chiunque tentasse di portarti via da me", gemette contro di lei. Le sue dita ruvide si strins...

Il Pieno Controllo

Il Pieno Controllo di

" Ragazza, puoi vestirti ora." Disse e poi andò a farsi una doccia. Guardando indietro a Charlene e Nicole, disse loro: "voi due potete fare la doccia e vestirvi, ma avete solo venticinque minuti". Poi scomparve nello spogliatoio degli uomini.Nicole si guardò intorno e notò che Charlene non esitava ad afferrare la sua borsa da ginnastica e a dirigersi immediatamente verso lo spogliatoio delle d...

Beatrice: I Bisogni Di Una Moglie

Beatrice: I Bisogni Di Una Moglie di

Francesco aveva avuto più donne di quante ne potevi contare, era diabolicamente bello in un modo da zingaro, capelli neri ondulati arruffati, carnagione scura, alto 1,85 trasudava sex appeal, trasudava… infatti, ne aveva abbastanza da affondare una nave da battaglia! Un sorriso assolutamente coinvolgente e un corpo per cui morire. I suoi pari lo odiavano per questo, e diventavano gli uomini del...

Ogni Venerdì Sera

Ogni Venerdì Sera di

"Sei bella in ogni modo, Eva." La sua faccia si avvicinò alla sua e le sue labbra sfiorarono la punta del suo naso, e poi le sue labbra. Le mani di Alex si avvicinarono per coprirle i seni, e quando Stefan si tirò leggermente indietro, Alex usò quelle mani per accoccolarsi la schiena contro il suo petto. Poi le labbra di Stefan erano al suo capezzolo destro, succhiavano avidamente e leccavano. ...

Contro Ogni Probabilità

Contro Ogni Probabilità di

Il generale Desmond provò un brivido di attesa mentre guardava il display; aveva aspettato molto tempo per questo. Per quasi un anno la stava facendo a pezzi con quasi nessun progresso. Se i rapporti erano accurati, il programma aveva gestito anche ciò che non poteva, nonostante l'assimilazione. I suoi capelli castani catturarono il suo sguardo nella cella spoglia. Era seduta su una sedia bassa...

Rosso Per Smettere

Rosso Per Smettere di

È andata da lui quella notte. Non aveva nemmeno preso in considerazione la possibilità, quando alla fine era collassato nella sua branda consumata dal giorno. Si arrampicò su di lui mentre i suoi occhi si aprivano sulla sua forma sfocata che si stagliava contro il bagliore delle luci del diluvio all'esterno. "Ti dispiace se mi inserisco?" disse lei, lasciando cadere la sua faccia vicino a quell...