Le Lezioni Di Suor Helena

Due settimane prima era finita la prima lezione. I ragazzi, diciottenni, avevano ridacchiato e fatto domande imbarazzanti, come previsto. Sebbene suor Helena pensasse che l'ora fosse andata bene.
"Giovanotto, voglio scambiare una parola con te", annunciò suor Helena. Cercò di aggiungere un tono aspro e deciso alla sua voce, anche se una soffusa dolcezza contadina mascherò il tentativo.
Dylan stava alla sua scrivania aspettando pazientemente che gli altri se ne fossero andati. Era preoccupato che potesse essere nei guai, andando troppo lontano questa volta. Aveva una vena ribelle e cercò di comportarsi bene nella classe di sorella Helena. A tutti piaceva come lei fosse buona e giusta, a differenza degli altri.
Tutti facevano domande, ed era evidentemente fuori dalla sua profondità, capace solo di mormorare una risposta generalizzata. Non era un membro del corpo insegnante, quindi le era stata assegnata solo questa classe perché era la matrona che agiva.
I suoi doveri consistevano nell'organizzare il bucato, nel curare tagli e lividi, oltre a confortare quelli che mancavano delle loro madri. Tutti le piacevano e alcuni la adoravano come madre surrogata. Alcuni dei ragazzi avevano una cotta per lei. Probabilmente aveva una bella figura sotto la mantellina nera da pipistrello; come lo chiamavano loro.
"Quella foto è passata in giro, mostramela", ha chiesto.
Mancavano solo poche settimane alla fine del trimestre, quando sarebbero stati liberi da scuola. Non voleva passare il tempo in detenzione, invece di divertirsi con i suoi amici. Non c'era modo di aggirare l’ostacolo, dovette consegnarla. C'era anche qualcosa di malizioso e avvincente nel mostrarla.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

L'Educatore

L'Educatore di

Venerdì 18 giugno l'ho chiamato. Gli ho detto cosa avevo programmato e quale risultato gli ho assicurato che avrebbe avuto. Sua moglie non avrebbe mai più speso più di mille euro al mese senza il suo permesso, non l'avrebbe mai più tormentato per i soldi, sarebbe tornata ad essere la donna sottomessa che era quando si erano sposati. Gli piaceva quello che gli avevo promesso e mi ha chiesto come...

Il Mostro Dentro Di Lui

Il Mostro Dentro Di Lui di

Una fuga nei boschi, inseguita da un uomo astuto e forte pota Claudia a scoprire di più della sua stessa sessualità, a scoprire che il mostro che alberga dentro di lui forse è molto simile a quello che vive dentro di lei...Claudia corse via veloce, disperata, con grandi balzi affannati. Corse come se la sua vita dipendesse da ciò. Corse come se non avesse bisogno di respiro, poi corse ancora pi...

Un'Indagine Finita Male

Un'Indagine Finita Male di

Il tipo muscoloso l'ha sollevata da terra con una mano, raccogliendo la borsa con l'altra, penzolando entrambe a mezz'aria. Il padre di Maurilio declinò persino di guardarla. "Maurilio, vai nella tua stanza e gioca con la tua piccola amica, tieniti semplicemente fuori dai piedi” disse con voce esasperata. Rosaria si sentiva piccola e insignificante, essendo maltrattata e poi congedata così alla...

Seduzione

Seduzione di

L'insieme del vestito era aperto, mostrando il reggiseno e le mutandine delicati. Sebbene non sembrasse notarlo, era terribilmente consapevole della sua quasi nudità davanti a un estraneo. Un flusso silenzioso di lacrime le scorreva lungo le guance. Sentendosi così umile e patetica, fece un singhiozzo sincero. "Ecco, signorina, non morirai dissanguata," le disse. La sua voce era a malapena cald...

Il Fugace Ritorno

Il Fugace Ritorno di

Una telefonata, poche parole ed il passato ritorna, vivido, impetuoso...Mi sentivo a disagio sul pavimento, legata impotente, in attesa che uno di loro effettuasse la prossima mossa. Non ci è voluto molto. Sentii una lieve punta del polpastrello accarezzare a tentoni la mia guancia quasi un attimo dopo che l'oscurità mi aveva bloccata al suo interno. Rimasi senza fiato per colpa del bavaglio al...

Prove Di Sottomissione

Prove Di Sottomissione di

Strinse forte il guinzaglio mentre stava facendo un pensierino per andare al bar. Carolina gli sorrise, cercando di rassicurarlo e motivarlo. Rovinerebbe le cose se lei lo spingesse avanti, perché doveva essere lui a comandare. "Non camminare troppo in fretta", gli ricordò. Carolina si morse la lingua, per ricordarsi di non tormentarlo. Dare le sue istruzioni al suo cosiddetto "padrone" ha rov...