Le Lezioni Di Suor Helena

Due settimane prima era finita la prima lezione. I ragazzi, diciottenni, avevano ridacchiato e fatto domande imbarazzanti, come previsto. Sebbene suor Helena pensasse che l'ora fosse andata bene.
"Giovanotto, voglio scambiare una parola con te", annunciò suor Helena. Cercò di aggiungere un tono aspro e deciso alla sua voce, anche se una soffusa dolcezza contadina mascherò il tentativo.
Dylan stava alla sua scrivania aspettando pazientemente che gli altri se ne fossero andati. Era preoccupato che potesse essere nei guai, andando troppo lontano questa volta. Aveva una vena ribelle e cercò di comportarsi bene nella classe di sorella Helena. A tutti piaceva come lei fosse buona e giusta, a differenza degli altri.
Tutti facevano domande, ed era evidentemente fuori dalla sua profondità, capace solo di mormorare una risposta generalizzata. Non era un membro del corpo insegnante, quindi le era stata assegnata solo questa classe perché era la matrona che agiva.
I suoi doveri consistevano nell'organizzare il bucato, nel curare tagli e lividi, oltre a confortare quelli che mancavano delle loro madri. Tutti le piacevano e alcuni la adoravano come madre surrogata. Alcuni dei ragazzi avevano una cotta per lei. Probabilmente aveva una bella figura sotto la mantellina nera da pipistrello; come lo chiamavano loro.
"Quella foto è passata in giro, mostramela", ha chiesto.
Mancavano solo poche settimane alla fine del trimestre, quando sarebbero stati liberi da scuola. Non voleva passare il tempo in detenzione, invece di divertirsi con i suoi amici. Non c'era modo di aggirare l’ostacolo, dovette consegnarla. C'era anche qualcosa di malizioso e avvincente nel mostrarla.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Ogni Venerdì Sera

Ogni Venerdì Sera di

"Sei bella in ogni modo, Eva." La sua faccia si avvicinò alla sua e le sue labbra sfiorarono la punta del suo naso, e poi le sue labbra. Le mani di Alex si avvicinarono per coprirle i seni, e quando Stefan si tirò leggermente indietro, Alex usò quelle mani per accoccolarsi la schiena contro il suo petto. Poi le labbra di Stefan erano al suo capezzolo destro, succhiavano avidamente e leccavano. ...

Contro Ogni Probabilità

Contro Ogni Probabilità di

Il generale Desmond provò un brivido di attesa mentre guardava il display; aveva aspettato molto tempo per questo. Per quasi un anno la stava facendo a pezzi con quasi nessun progresso. Se i rapporti erano accurati, il programma aveva gestito anche ciò che non poteva, nonostante l'assimilazione. I suoi capelli castani catturarono il suo sguardo nella cella spoglia. Era seduta su una sedia bassa...

Rosso Per Smettere

Rosso Per Smettere di

È andata da lui quella notte. Non aveva nemmeno preso in considerazione la possibilità, quando alla fine era collassato nella sua branda consumata dal giorno. Si arrampicò su di lui mentre i suoi occhi si aprivano sulla sua forma sfocata che si stagliava contro il bagliore delle luci del diluvio all'esterno. "Ti dispiace se mi inserisco?" disse lei, lasciando cadere la sua faccia vicino a quell...

Verso La Libertà

Verso La Libertà di

Una corsa pazza contro il suo aguzzino, una casa appena comprata per sfuggire al suo destino...Le sensazioni salivano dal suo inguine, spronate in avanti ad ogni giro, ogni tocco della sua lingua, ogni gemito vibrante. Quando arrivò, sentì che sarebbe potuta svenire, la testa china, il sangue che le scorreva dentro. Il suo corpo tremava sotto la sua bocca. Sembrava artigliare sulle sue costole ...

Pensieri Illeciti

Pensieri Illeciti di

Ero insensibile alle sue parole, concentrandomi invece sul suo palmo fresco che continuava a vagare tra il mio ginocchio e la parte superiore della mia coscia. Il suo tocco, come sempre, aveva un modo particolare di trascinarmi in uno stato ipnotico, levitante dalla normalità della vita che vivevo. E mentre continuava ad accarezzarmi, stuzzicandomi con la punta delle dita contro le labbra nude ...

Passione Selvaggia: Parte Terza - Verso Una Nuova Vita

Passione Selvaggia: Parte Terza - Verso Una Nuova Vita di

Si era sistemata sulla sua nave di sua spontanea volontà, assicurandosi così di essere in grado di mantenere se stessa una volta che non era più sotto la sua responsabilità, eppure l'aveva assunto aprendo un conto in banca per Willy. Girò e rigirò nel letto cercando di dare un senso a tutto, ma sembrava che, per quanto duramente provasse a vederlo in modo diverso, tornava sempre ad apparire che...