Le Lezioni Di Suor Helena

Due settimane prima era finita la prima lezione. I ragazzi, diciottenni, avevano ridacchiato e fatto domande imbarazzanti, come previsto. Sebbene suor Helena pensasse che l'ora fosse andata bene.
"Giovanotto, voglio scambiare una parola con te", annunciò suor Helena. Cercò di aggiungere un tono aspro e deciso alla sua voce, anche se una soffusa dolcezza contadina mascherò il tentativo.
Dylan stava alla sua scrivania aspettando pazientemente che gli altri se ne fossero andati. Era preoccupato che potesse essere nei guai, andando troppo lontano questa volta. Aveva una vena ribelle e cercò di comportarsi bene nella classe di sorella Helena. A tutti piaceva come lei fosse buona e giusta, a differenza degli altri.
Tutti facevano domande, ed era evidentemente fuori dalla sua profondità, capace solo di mormorare una risposta generalizzata. Non era un membro del corpo insegnante, quindi le era stata assegnata solo questa classe perché era la matrona che agiva.
I suoi doveri consistevano nell'organizzare il bucato, nel curare tagli e lividi, oltre a confortare quelli che mancavano delle loro madri. Tutti le piacevano e alcuni la adoravano come madre surrogata. Alcuni dei ragazzi avevano una cotta per lei. Probabilmente aveva una bella figura sotto la mantellina nera da pipistrello; come lo chiamavano loro.
"Quella foto è passata in giro, mostramela", ha chiesto.
Mancavano solo poche settimane alla fine del trimestre, quando sarebbero stati liberi da scuola. Non voleva passare il tempo in detenzione, invece di divertirsi con i suoi amici. Non c'era modo di aggirare l’ostacolo, dovette consegnarla. C'era anche qualcosa di malizioso e avvincente nel mostrarla.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Nuda E Cruda

Nuda E Cruda di

Può nascere una passione intensa da un'intrusione non autorizzata? Evidentemente sì, oltre la ragione c'è solo il piacere...Un'altra mano scivolò sotto la sua testa e le alzò il viso verso l'alto e poi la bocca scese calda e dura sulla sua bocca sorpresa. Una lingua scottante la leccò dentro la bocca, assaporandola fino a quando un gemito primordiale sembrò quasi essere strappato dal suo uomo d...

L'Intruso

L'Intruso di

Un temporale, la tua mancanza si fa sentire sempre più insistente, poi qualcosa cambia. Qualcuno è entrato in casa....un intruso...Chiudo gli occhi mentre il vino scende e scalda un po' il mio spirito. Guardo il bicchiere ancora sul bancone e vedo che ho solo un sorso a mia disposizione. Tutto ad un tratto, un brivido freddo mi scorre lungo la schiena. Lo soffoco mentre il suono del tuono rimbo...

Mistress

Mistress di

Cos'accade quando incontri la persona che riesce a rivelare le tue più intime inclinazioni? Un legame indissolubile....Svat mi ha chiamata nel suo ufficio dopo il nostro incontro con Angel. L'ufficio era buio perché erano passate le 10 di sera. Mi disse di chiudere la porta dietro di me. "Inginocchiati." L'ho fatto. La guardai in attesa. "Hai riconosciuto che avresti fatto qualsiasi cosa se ti ...

Il Profumo

Il Profumo di

Ho spinto una cartella sul lato della scrivania. A quanto pare ho spinto un po' troppo forte e scivolò sulla scrivania e sul lato della stessa, cadendo tra la scrivania e il muro. La scrivania è piuttosto vicina al muro e non potevo girarla da quella parte. Anche i cassetti erano su quel lato quindi non potevo raggiungere lo spazio da sotto la scrivania per prendere la cartella. Scrutando lo sp...

Fermata Di Autobus

Fermata Di Autobus di

Uno strano individuo, un sequestro lampo che diventa una storia d'amore."Non devi fare nulla", le disse Fabrizio. "Ti lascerò andare quando sarò pronto a lasciarti andare." Aurora sbuffò alla risposta criptica. "E 'questo quello che fai per il tuo divertimento, Fabrizio? Incatenamenti di persone ignare alle pensiline degli autobus per poter giocare a piccoli giochi malati con loro?" Il respiro ...

Mia

Mia di

Uno stalker. Una passione bruciante. Un'appassionante storia d'amore."Hai mai ucciso qualcuno? "Sussultò Rebecca. "Non ancora", sussurrò mentre le premeva le labbra contro il collo. La sua lingua si allungò per scivolare contro la sua pelle, e ciò rese duro per Rebecca pensare correttamente. "Ucciderei chiunque tentasse di portarti via da me", gemette contro di lei. Le sue dita ruvide si strins...