Seduzione

L'insieme del vestito era aperto, mostrando il reggiseno e le mutandine delicati. Sebbene non sembrasse notarlo, era terribilmente consapevole della sua quasi nudità davanti a un estraneo. Un flusso silenzioso di lacrime le scorreva lungo le guance. Sentendosi così umile e patetica, fece un singhiozzo sincero.
"Ecco, signorina, non morirai dissanguata," le disse. La sua voce era a malapena calda, anche se meno roca. Le accarezzò la testa, in un imbarazzante tentativo di consolarla.
Lei lo avvolse con le braccia e pianse sul suo petto. Era passato molto tempo da quando aveva avuto qualcosa su cui piangere. C'era qualcosa che mancava nella sua vita, anche se raggiungere quello che era stato era impossibile. L'emozione proveniente da un profondo vuoto si riversava da lei. Si aggrappò a questo uomo forte e prepotente. Era duro e l'aveva sculacciata, eppure in qualche modo questo la faceva sentire desiderata.
Le lacrime si ritirarono e lei allungò la mano per baciarlo sulla guancia. Aprì la bocca per lamentarsi, così lei baciò automaticamente la sua bocca aperta. La sua lingua penetrò all’interno ed esplorò avidamente, cercando accettazione.
Piero era sbalordito. Sapeva che era una donna, non una ragazza sciocca. Non avrebbe dovuto trattarla come una persona infantile, anche se aveva mostrato tutta l'irresponsabilità di un adolescente.
Non rispondeva, cosa che alimentava un bisogno dentro di lei. Aveva urgente bisogno della sua approvazione e temeva il rifiuto. Non era il vicino di un’amica che cercava di compiacere, era un bisogno interiore di un uomo forte e dominante. Aveva bisogno di qualcuno che la trattasse bene. Premette il suo corpo contro il suo, offrendo sfacciatamente se stessa.
Era grata di sentirlo rispondere, stringendo la lingua stretta e scivolosa. La sollevò sul bordo del lavandino, spingendo tra le sue gambe, costringendola a divaricare le cosce. Solo a metà consapevole di ciò che stava accadendo, divenne molto consapevole della sua durezza che la stava penetrando.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Cassandra Goren

Il Tuo Nuovo Ragazzo

Il Tuo Nuovo Ragazzo di Cassandra Goren

"Ti ho portato una cosa, signorina Callum." Lui sorrise e posò la borsa regalo sul tavolino. "Per favore, chiamami Stella." Gli sorrisi e lo ringraziai mentre prendevo la borsa, e mi avvicinai. Tirai fuori un bellissimo paio di scarpe con tacco alto. Sono sicura di essere rimasta scioccata mentre la mia bocca era aperta. Era un dono di natura più intima di quanto fosse appropriato. Mi sentii ...

Invisibile

Invisibile di Cassandra Goren

Cinque giorni e cinque notti al resort erano ragionevoli e convenienti. Laura prenotò un volo per domenica sera e stava compilando un assegno per tutto, quando la donna dietro la scrivania sospirò e disse: "Vorrei avere il coraggio di andare in un resort nudista". "Eh? Cosa?" Fu la risposta arguta di Laura. "Beh, dice abbigliamento opzionale ma significano la stessa cosa." Laura firmò l'...

Cornuto

Cornuto di Cassandra Goren

Abbiamo parlato a lungo ed è diventato chiaro che la causa alla base delle nostre pause regolari era la semplice frustrazione sessuale. Mi amava, ma questo era un problema serio per lei, il che significava che non potevamo avere futuro. Voleva che tornassimo insieme, ma aveva concluso che era finita; la natura accendi-spegni, accendi-spegni della nostra relazione era troppo dolorosa, per ...

L'Ape Regina

L'Ape Regina di Cassandra Goren

Risero insieme mentre Debra la aiutò a spogliarsi, mentre inciampava e cadeva sul morbido materasso. "Non pensavo di aver bevuto così tanto," sbottò Laura mentre Debra le strappava i jeans che indossava, tirando con sé le mutande. "Dio, sei così bella," sussurrò Debra, le sue dita che trascinavano le gambe nude dell'oggetto del suo desiderio. "Rilassati e lascia che mi prenda cura di te, bella...

Liquida Libidine

Liquida Libidine di Cassandra Goren

Alzati, mi dico. Appena alzata, fai un giro, continuo. Non devi guardarlo in faccia. Ma io voglio guardarlo in faccia. E realizzo qualcosa. Parte della ragione per cui non riesco a muovermi è la pressione sulla mia vescica. Pensavo davvero che sarei arrivata alla fine della sessione, ma dannazione ce la farei se non dovessi fare la pipì. Non volevo perdermi nulla. Questo di solito non è un ...

La Dissolutezza Dentro Di Me

La Dissolutezza Dentro Di Me di Cassandra Goren

La sua mano si avvicinò lentamente a lei come un serpente, convocandola, inducendola ad avvicinarsi, finché non le trovò la vita e la attirò a sé ed i loro corpi si toccarono ai lombi. Aveva sentito il suo pene duro sotto i pantaloni e aveva volontariamente appoggiato i fianchi contro di lui. Tutt'intorno, sentiva l'atmosfera sessualmente carica, le luci che irradiavano un incredibile calore ...