Seduzione

L'insieme del vestito era aperto, mostrando il reggiseno e le mutandine delicati. Sebbene non sembrasse notarlo, era terribilmente consapevole della sua quasi nudità davanti a un estraneo. Un flusso silenzioso di lacrime le scorreva lungo le guance. Sentendosi così umile e patetica, fece un singhiozzo sincero.
"Ecco, signorina, non morirai dissanguata," le disse. La sua voce era a malapena calda, anche se meno roca. Le accarezzò la testa, in un imbarazzante tentativo di consolarla.
Lei lo avvolse con le braccia e pianse sul suo petto. Era passato molto tempo da quando aveva avuto qualcosa su cui piangere. C'era qualcosa che mancava nella sua vita, anche se raggiungere quello che era stato era impossibile. L'emozione proveniente da un profondo vuoto si riversava da lei. Si aggrappò a questo uomo forte e prepotente. Era duro e l'aveva sculacciata, eppure in qualche modo questo la faceva sentire desiderata.
Le lacrime si ritirarono e lei allungò la mano per baciarlo sulla guancia. Aprì la bocca per lamentarsi, così lei baciò automaticamente la sua bocca aperta. La sua lingua penetrò all’interno ed esplorò avidamente, cercando accettazione.
Piero era sbalordito. Sapeva che era una donna, non una ragazza sciocca. Non avrebbe dovuto trattarla come una persona infantile, anche se aveva mostrato tutta l'irresponsabilità di un adolescente.
Non rispondeva, cosa che alimentava un bisogno dentro di lei. Aveva urgente bisogno della sua approvazione e temeva il rifiuto. Non era il vicino di un’amica che cercava di compiacere, era un bisogno interiore di un uomo forte e dominante. Aveva bisogno di qualcuno che la trattasse bene. Premette il suo corpo contro il suo, offrendo sfacciatamente se stessa.
Era grata di sentirlo rispondere, stringendo la lingua stretta e scivolosa. La sollevò sul bordo del lavandino, spingendo tra le sue gambe, costringendola a divaricare le cosce. Solo a metà consapevole di ciò che stava accadendo, divenne molto consapevole della sua durezza che la stava penetrando.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Cassandra Goren

La Dissolutezza Dentro Di Me

La Dissolutezza Dentro Di Me di Cassandra Goren

La sua mano si avvicinò lentamente a lei come un serpente, convocandola, inducendola ad avvicinarsi, finché non le trovò la vita e la attirò a sé ed i loro corpi si toccarono ai lombi. Aveva sentito il suo pene duro sotto i pantaloni e aveva volontariamente appoggiato i fianchi contro di lui. Tutt'intorno, sentiva l'atmosfera sessualmente carica, le luci che irradiavano un incredibile calore ...

Brivido Erotico

Brivido Erotico di Cassandra Goren

L'eccitazione non può essere controllata... Velocemente, Beatrice tolse le scarpe e le posò sulla ringhiera del ponte. Il cemento emanava ancora il calore del giorno ed era caldo sotto i suoi piedi. Poi si chinò, afferrando l'orlo del vestito. Sollevando il vestito verso l'alto, lo tirò sopra la testa e lontano dal suo corpo. Ora stava sul ponte completamente nuda. Avvolgendo il vestito ...

Senza Nome

Senza Nome di Cassandra Goren

Guardò verso di me e sollevai il bicchiere appena in alto. Inclinò leggermente la testa e si alzò, facendomi cenno di andare da lei. Beh, perché no, questa cosa potrebbe andare in qualsiasi modo. Mi alzai e la osservai mentre si faceva strada tra la folla, la ragazza sembrava bellissima da tutti gli angoli. Era un vero ballo per lei, ed era una bellissima ballerina. Si sedette ad un tavolo ...

Esibisciti Per Me

Esibisciti Per Me di Cassandra Goren

"Mi piaci da molto tempo Jay," fece una pausa. "E speravo che anche io piacessi a te. Ero terrorizzata che se tu avessi saputo della mia altra vita avresti pensato che ero una specie di stramba puttana, o qualcosa del genere, e non volessi starmi intorno. Ora che sai e non sei corso via urlando, nè mi hai fatto la predica, o niente di simile, spero che potremo conoscerci meglio. " Il mio cuore...

Di Più

Di Più di Cassandra Goren

Quando le sue dita scivolarono giù verso la mia spalla, sopra l'ampia fascia del corpetto del mio vestito, e sfiorarono il mio braccio nudo, risucchiai il suo respiro nella mia bocca. Perfino attraverso il vestito e il reggiseno, sentivo il calore del suo tocco e mi dolevo perché volevo che mi ingollasse il seno, per alleviare una parte della pressione che provavo da quando ci eravamo ...

Vette Di Piacere

Vette Di Piacere di Cassandra Goren

Quando raggiunsero gli ascensori dell'hotel, Alba allungò il dito e premette l'unico pulsante per l'undicesimo piano. Guardò negli occhi di Alberto e mentre l'ascensore si spostava in fretta, il suo viso si trasformava in un sorriso dolce. Le mani di Alberto si spostarono per tenerla, prendendola delicatamente per mano e conducendola ai pochi gradini lungo il corridoio fino alla sua stanza. ...