Un'Indagine Finita Male

Il tipo muscoloso l'ha sollevata da terra con una mano, raccogliendo la borsa con l'altra, penzolando entrambe a mezz'aria.
Il padre di Maurilio declinò persino di guardarla. "Maurilio, vai nella tua stanza e gioca con la tua piccola amica, tieniti semplicemente fuori dai piedi” disse con voce esasperata.
Rosaria si sentiva piccola e insignificante, essendo maltrattata e poi congedata così alla leggera. Era una donna attraente abituata a far girare la testa nei club e nei bar. Spesso durante un'indagine aveva assunto il ruolo di distrarre un uomo, mentre un collega cercava nella sua stanza d'albergo o in casa. Sapeva come ammaliare un maschio, anche se in questo momento si sentiva piccola e stupida.
Di solito indossava un abito sofisticato e di uno stilista, quindi essere vestita come una ragazza della scuola era uno svantaggio. Con questi gangster in giro aveva un disperato bisogno di mantenere quell'immagine in movimento. La piccola gonna scozzese con una camicetta bianca era l'uniforme di una scuola privata vicina. La indossò più corta e i suoi seni riempirono la parte superiore, rendendo l'uniforme con un aspetto lascivo, in modo da attirare il figlio.
Non era colpa sua se avevano scelto la serata sbagliata per visitare la casa. Come faceva a sapere che stavano organizzando incontri d'affari illeciti?

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Cassandra Goren

Uno Strano Appuntamento

Uno Strano Appuntamento di Cassandra Goren

Guardò mentre infilzava una fragola e gliela portava alle labbra. La frutta succosa sfiorò le sue labbra e scivolò sulla lucentezza del gloss che aveva applicato solo qualche terribile minuto prima. Silenziosamente aprì la bocca e sentì Ettore che faceva scivolare la fragola tra le sue labbra. La morse e lui ritirò la forchetta. La osservò contemplativamente mentre masticava, i succhi della ...

Il Compleanno

Il Compleanno di Cassandra Goren

L'ultimo appello di Brigitta le costò la possibilità di resistere mentre lui guidava un ampio gag tra le sue labbra. Impazzita per la perdita della sua ultima vera speranza di aiutare se stessa, Brigitta si lanciò e gemette in resistenza al suo conato di vomito, ma una volta che la palla fosse passata tra i suoi denti i suoi sforzi divennero stati in gran parte simbolici. I suoi occhi cercarono...

Una Donna In Vetrina

Una Donna In Vetrina di Cassandra Goren

Rosa infilò un perizoma di raso rosso sotto i piedi di Giusy e fece scivolare dentro le sue gambe tese. Giusy non poté fare a meno di stupirsi quando sentì il delicato materiale scivolare tra le sue natiche. Successivamente, una cintura giarrettiera è stata posizionata intorno alla vita di Giusy mentre Anna si avvicinava con le calze. Fatta per bilanciare precariamente su una gamba, Giusy ...

Sola Con Te

Sola Con Te di Cassandra Goren

I gradini del seminterrato echeggiarono minacciosamente mentre Viola li scendeva. I suoi polsi erano stati legati dietro la schiena con la corda, e le manette alla caviglia erano state rimosse. Andrea la seguì da vicino. Guidò attentamente Viola, mentre era ancora bendata e imbavagliata. Una borsa di stoffa conteneva un numero imprecisato di giocattoli e corde, ma Viola non aveva idea di cosa ...

Invisibile

Invisibile di Cassandra Goren

Cinque giorni e cinque notti al resort erano ragionevoli e convenienti. Laura prenotò un volo per domenica sera e stava compilando un assegno per tutto, quando la donna dietro la scrivania sospirò e disse: "Vorrei avere il coraggio di andare in un resort nudista". "Eh? Cosa?" Fu la risposta arguta di Laura. "Beh, dice abbigliamento opzionale ma significano la stessa cosa." Laura firmò l'...

Come Ti Controllo Il Capo

Come Ti Controllo Il Capo di Cassandra Goren

Cosa sei disposta a fare per avere un avanzamento di carriera? E, soprattutto, chi sei disposta a sedurre per questo? ”Guarda ... guardaci” disse, indicando la finestra con il mento. Distolsi lo sguardo dal suo seno che rimbalzava, verso la finestra. Il sole stava calando sulla città, e nella finestra, con la luce com'era, i nostri riflessi traslucidi erano proiettati sul vetro. Grazia era ...