la relazione

Ogni elemento ,in natura, è alla costante ricerca di un equilibrio stabile, signor Smith. E, al momento, nulla, nel nostro Mondo, è in equilibrio stabile.
La nostra Confraternita non fa’ altro che ricercare l’equilibrio naturale delle cose , utilizzando i soldi e il potere. Per avere più soldi e più potere. >>……
<In questo fantomatico “libero mercato”, non prevale il migliore, ma solo il più scaltro,il più disonesto, il più corrotto e quello più capace di corrompere, quello che ha minori scrupoli morali……
Le dirò un solo verbo, signor Smith. Una parola dimenticata e rintanata in qualche angolo nascosto del nostro lessico di uomini moderni e votati al cosiddetto “progresso” : accontentiamoci.
Accontentarsi non vuol dire evitare di migliorarsi . Vuol dire evitare di cercare la felicità dove essa non è. Vuol dire non rovinare la propria vita impazzendo per un po’ di carriera. Vuol dire non acquistare un nuovo telefonino ogni sei mesi. Vuol dire non inseguirla con droghe e alcool. Vuol dire non perseguire comportamenti folli, pur di vedere il proprio viso pubblicato e osservato caritatevolmente da qualcuno su un social network, dandoci l’illusione di aver raggiunto la gloria. Vuol dire non ambire al superfluo, e rendere esso disponibile per coloro che non hanno né il superfluo né il necessario.Ne abbiamo la conferma dal fatto che i pochi che raggiungono il cosiddetto “successo”, non sono affatto soddisfatti né felici ,e vogliono andare “oltre”. E quale è il traguardo finale di questo “oltre”?Una vita infelice. Affidandoci, senza senso critico, a questi desideri, saremo solo schiavi. E di questa schiavitù ne trarranno giovamento solo i miei Padroni, i Potenti del Mondo,gentaglia che vive e si nutre esclusivamente di soldi e potere. Ma anche per loro si tratta di temporaneo e molto effimero appagamento. Perché anche per loro, da qualche parte c’è scritta la parola “Fine”.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di lucio mencatelli

la profezia

la profezia di Lucio mencatelli

L'Umanità ha millenni di storia . E millenni di errori, di tragici fallimenti. Ma sembra non aver imparato nulla dal passato : nonostante il progresso delle scienze e della tecnica, il migliorato accesso alla cultura e alla istruzione, quegli errori e quei fallimenti ,immancabilmente, si ripetono. Quali ne sono le ragioni ? Vi sono cause che possiamo dominare ?

MALASPINA: UNA STORIA DI MORTE E DI VITA

MALASPINA: UNA STORIA DI MORTE E DI VITA di Lucio mencatelli

Il contenuto testuale è quasi analogo a quello di un altro mio libro ("MALA SPINA"). Medesimi sono i drammi descritti, medesime sono le conclusioni e le riflessioni. Ho voluto pubblicare questa nuova formulazione onde arricchirne il significato e, spero, il piacere di leggerlo e ciò, attraverso fotografie che ricostruiscono luoghi , vicende e personaggi di quei tempi terribili e lontani (ma, ...

l'ordine

l'ordine di Lucio mencatelli

Dalla finestra poteva osservare lo spaventoso manto di nubi, che, laggiù, premeva sull’orizzonte ormai sopraffatto. Presto sarebbe arrivata : niente e nessuno avrebbe fermato la tempesta. Il lago, grigio e tremante, sarebbe stato tra non molto preda del vento gelido. Ne avrebbe percosso senza pietà la superficie. E onde spumeggianti si sarebbero infrante sulle rive. Gabbiani e corvi stavano ...

il ciclista

il ciclista di Lucio mencatelli

Era riverso, il corpo raggomitolato, quasi a proteggersi dal gelido abbraccio della morte. Il viso coperto di sangue. L’asfalto, intorno a sé, ruvido e implacabile, era vermiglio, come altare di una offerta sacrificale al Dio degli eroi. Le prime vetture di soccorso arrivarono dopo pochi minuti, mentre, ai lati, scorreva, ad altissima velocità, il grosso dei corridori , come un esercito di ...

l'acqua

l'acqua di Lucio mencatelli

C'è qualcosa che non funziona , nel nostro buon vecchio Mondo ? Spesso, con gli amici e i conoscenti, scambiamo battute usuali, tipo "non ci sono più le mezze stagioni",oppure "le estati e gli inverni non sono più quelli di una volta". Banalità, vero ? Sì, forse sono banalità. O forse non lo sono.

mala  spina

mala spina di Lucio mencatelli

Si potrebbe definire con un termine moderno, una "strage politica", anche se non è avvenuta ai giorni nostri, ma bensì nel 1418. Questo è il racconto dell'eccidio ,consumatosi in quell'anno, nel castello della Verrucola, presso Fivizzano. Un thrilling i cui contorni non sono tutti ben definiti, e forse mai lo saranno. Leggerlo può essere occasione per riflettere di quanto sia cambiato,da quel ...