Ricatto Dal Passato

Il passato che ritorna, la vergogna di ciò che è stato...ma nulla è davvero come sembra!

Il tempo passava lentamente. Stimo che siano passati almeno dieci minuti. Ho sentito la porta aprirsi e poi chiudersi dietro di me. Fu allora che una mano forte afferrò la mia mano destra e sentii un freddo cinturino di cuoio che veniva avvolto sul mio polso. Ha poi fatto lo stesso con il mio polso sinistro; dovevano essere manette ed anche pesanti. Mi tirò avanti di parecchi passi e parlò per la prima volta. "Stai perfettamente ferma, non muoverti finché non ti dico di muoverti."
Ha rapidamente ed efficacemente sbottonato il mio cappotto e l'ha fatto scivolare via dalle mie braccia. Rapidamente, ha sbottonato la mia camicetta bianca e l'ha tolta. Ora ero in reggiseno e felice di aver selezionato un modello più vecchio e coprente. Lo sconosciuto poi mi ha messo le mani davanti e ho sentito uno schiocco mentre venivano bloccate insieme. E 'stato solo un attimo prima di sentire un altro clic e subito ho sentito le mie mani essere tirate sempre più in alto, fino a quando ero in piedi sulla punta dei piedi.
Lo sconosciuto allora sbottonò e aprì la mia gonna e la fece scivolare sui fianchi ondeggianti. Mi ha tirato la sottoveste finché non è riuscito a togliere entrambe da sotto i piedi. Ora ero solo con reggiseno, mutandine e tacchi. Si allontanò per qualche minuto, lasciandomi sospesa, silenziosa e cieca.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Victoria Black

Serate Fra Amiche

Serate Fra Amiche di

Maura si alzò barcollando e si diresse verso il retro e giù per un lungo corridoio, dove si trovavano i bagni. Una porta si spalancò alla sua sinistra facendola sobbalzare. "Ehi, Sonia è qui, non sembra star così bene." Stefano ha spiegato ad una Maura confusa. "Cosa? Perché è lì dentro con te .... ahi !!" Urlò Maura, sentendo una puntura acuta nella spalla. L'ultima cosa che aveva visto prima ...

Tre Volte A Settimana

Tre Volte A Settimana di

Maria Rita emise un ululato di angoscia mentre un altro orgasmo la scuoteva e, superando il suo apice, cominciò a calmarsi un po’. Stava piangendo e la causa del suo pianto era l'assenza dell'unica cosa che voleva così tanto: un uomo.Questo potrebbe sembrare strano dal momento che aveva un marito. Potrebbe sembrare ancora più strano visto che il marito, Ruggero, copulava tre volte a settimana c...

Una Moglie Annoiata: Una Moglie Annoiata

Una Moglie Annoiata: Una Moglie Annoiata di

Si fermò a casa sua, un vecchio magazzino sul lato opposto della città che era stato convertito in appartamenti ed entrò, con la sua borsa in mano mentre cercava il suo appartamento e alla fine bussò alla porta, il suo cuore svolazzante per il nervosismo . La porta si aprì e un uomo alto con i baffi e la corporatura imponente le aprì la porta. ”Ingenuobuco, presumo, vieni tesoro", e lei si tras...

Il Giorno

Il Giorno di

Mi rivolse un sorrisetto mentre mi guardava a metà, chiedendomi quasi scusa per la sua assenza. Scambiammo solo un piccolo contatto visivo. Mi chiedevo se avesse notato qualcosa nello sguardo sul mio viso perché in un attimo seppi di essere tornato a caccia. Il lupo dentro di me ululò. Devo aver sorriso. Ora sapevo che uno dei principali ostacoli per raggiungere il mio obiettivo era stato risol...

Il Premio

Il Premio di

"Non dire una parola, bambina” sussurrò, tracciando le sue labbra attraverso l'orecchio, mandandole un brivido lungo la spina dorsale. "Ora toglierò la mano. Il momento in cui decidi di aprire quella tua bella bocca per gridare è il momento in cui il mio coltello va nel tuo fegato, capito?" Lei rabbrividì e annuì contro la sua forte presa. Le tolse la mano dalla bocca e si girò per fronteggiare...

Pelle A Pelle

Pelle A Pelle di

Diede una scossa contro di lui, ma lui la spinse giù nel materasso, affermando il suo potere su di lei. Lei gemeva, le sue dita si arricciavano nel lenzuolo. Fece scivolare la mano sotto di lei, verso la piccola e stretta collinetta che era il suo punto di piacere e accarezzò a ritmo il suo spingere. Cominciò a contrarsi, urlando di piacere, quasi per buttarlo giù ma lui la strinse con fermezza...