Il Tipo Oscuro: Quando Il Piacere Ti Spezza

Lo stavo baciando di nuovo. La mia bocca invadeva la sua. Le mie mani andarono a sentire le sue braccia che volevano fermarmi. Le sue mani spingevano in alto le mie ginocchia e presto le mie gambe furono avvolte intorno alla sua vita. Le mie mani si abbassarono sul suo petto e giù quando improvvisamente disse: "No, tieni le mani sulla mia spalla".
Ho obbedito e mi ha preso di nuovo la bocca. Tutte le ragioni mi hanno lasciata. Perché ero qui agganciata contro un muro, a bocca aperta contro la sua, quando avevo deciso che lo avrei lasciato?
Non sembrò perdere la passione per un secondo. Pensavo che saremmo rimasti in questa posizione per sempre. Ma ha smesso di respirare e ho colto l'occasione per parlare: "Dobbiamo parlare". Dissi ansimando.
Ma la sua bocca era di nuovo su di me. Sembrava che non volesse parlare. E se mi stava baciando in quel modo, non volevo neanche parlare io.
Ma ovviamente avremmo fatto qualcosa di più che baciarci. Abbiamo dovuto parlare. Ma mi stava molestando… oh, così facilmente. Ho morso la sua lingua, di proposito. Pensavo che l'avrebbe fatto smettere, ma lui gemette e io sentii qualcosa tra le nostre gambe.
Mi ci è voluto un po’per capire che era il suo cazzo, e aveva iniziato a massaggiare delicatamente il suo cavallo contro di me.
Mi sono lamentata del ricordo di ieri mentre stavo succhiando il suo cazzo e ho iniziato a succhiargli la lingua.
Stavo appena entrando veramente nel bacio e mi divertivo davvero quando mi ha rilasciata e fatto un passo indietro.
Mi sono appoggiata al muro ed ho trovato un supporto per stare in piedi. I suoi occhi bruciarono nei miei. Con solo un'occhiata, stavo andando oltre l’essere eccitata.

Lo guardai con lussuria per la prima volta. Osservai i suoi tratti taglienti, gli occhi azzurri, il naso, i capelli arruffati e sexy, le guance rasate e le labbra rosse e succose. La sua ampia corporatura larga, con un torace che mi prometteva caldo quando rannicchiato, lo stomaco teso, le braccia lunghe e gli avambracci, che per qualche ragione mi rendevano eccitata. Le sue gambe erano proporzionali al suo corpo e alla fine un pene ben appeso, e oh, ricordai il suo sedere. Era il sesso stesso, pensavo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Veronique Bertier

La Seduttrice Inaspettata

La Seduttrice Inaspettata di Veronique Bertier

Ero a metà della preparazione del pasto quando, da dietro di me, Romina mi chiese: "Hai bisogno di prendere qualcosa dalla camera da letto? Potrei essere addormentata, altrimenti". Mi voltai e la vidi in piedi, nuda, vicino alla porta della cucina. Preso alla sprovvista, la fissai. Ovviamente si era lavata e aveva i capelli ancora umidi. Vidi la sua grande pancia gonfia ed il suo seno pesante...

Io & Lei

Io & Lei di Veronique Bertier

Indossava solo i pantaloni della tuta, la mia in realtà credo, e una maglietta. Niente reggiseno, era assolutamente senza reggiseno. La sensazione di lei contro il mio corpo era un'illuminazione. Non era mai stato così prima, o non lo so, forse lo era stato e non l'avevo capito coscientemente. Ero acutamente consapevole della sua testa sulla mia spalla e della morbidezza del suo seno che ...

La Gemella

La Gemella di Veronique Bertier

Non poteva davvero accaderle questo. La mente di Clara impose di lottare per scongiurare la sua peggiore paura, nel caso in cui la sua mente non potesse accettarla. La sua grande avventura di vita avrebbe davvero potuto finire in una situazione come questa? Sicuramente era un caso di scambio di identità, intendevano colpire qualcun altro. Nessuno avrebbe avuto motivo di ferirla! Perché mai ...

Nella Notte

Nella Notte di Veronique Bertier

Era buio e freddo. L’inverno non aveva ancora stretto la presa, ma fuori nella notte si sarebbe rimproverato per averlo pensato. Non aveva idea di dove stesse andando e anche se conosceva bene le strade, il buio e il suo umore si univano per rendere il viaggio meno piacevole. E poi la vide. O almeno ha visto la sua macchina in anticipo. Rallentò il furgone chiedendosi che cosa avrebbe potuto ...

Felice E Contenta

Felice E Contenta di Veronique Bertier

Quella era un'idea. Giada aveva partecipato ad un ballo in maschera l'anno precedente e non ci volle molto per rintracciare la maschera veneziana dorata che aveva indossato. La indossò e guardò il suo riflesso nello specchio dell'armadietto dei medicinali. Era sicura di essere irriconoscibile, a patto che si coprisse il tatuaggio sulla spina dorsale, dalla parte sinistra. Ha messo le mani basse...

L'Ultimo Giorno

L'Ultimo Giorno di Veronique Bertier

Fu Gigliola ad aprire la porta, la pelle come seta nonostante l'ora e sembrava infinitamente bella e sexy, se non migliore, come il giorno in cui si erano incontrati la prima volta. Una piccola di un metro e mezzo con seni piccoli e gli occhi più belli del mondo, Gigliola faceva girare la testa ovunque andasse. In effetti, Erasmo ha dovuto ammettere che lei e suo fratello maggiore facevano una ...