Il Grande O: Da frigida a ninfomane in poche settimane

Fino a poco tempo fa la mia più recente esperienza sessuale è stata con Martin Holson. Quando Martin ha iniziato a scoparmi, era un socio senior in uno studio legale locale, ed io ero la sua segretaria. Come il mio primo amante, Martin era più vecchio e dannatamente vicino a un professionista dongiovanni. Per tutto il tempo in cui stava intingendo la sua verga in me, aveva una moglie e almeno un'altra amante. Sapevo dal giorno in cui lo conobbi che Martin era un segugio con la morale di un magnaccia arabo. Non c'era nulla di permanente possibile qui, e al sicuro sia dallo scandalo sia dall'impegno, potevo accettare la nostra relazione per quello che era stata per Martin ... solo un piccolo insignificante passatempo in sordina in un motel squallido.
In qualche modo con il passare degli anni, il sesso era diventato più facile per me quando potevo averlo in quel modo, sfiorandomi il naso come se fossi alle Sorelle della Carità. Martin era un grande amante, almeno questo era il consenso di un intero esercito di donne, la cui opinione era basata sull'esperienza personale. Anche a me è piaciuta la sua tecnica nella camera da letto e, occasionalmente, mi ha persino fatta venire. Come gli altri, tuttavia, non mi ha mai regalato quell'orgasmo erotico travolgente e sconvolgente di cui ho tanto sentito parlare.
A differenza di Jack Olly, tuttavia, Martin non era né coscienzioso né premuroso. Era un bastardo a buon mercato, famoso per aver fottuto le sue segretarie in più modi che non solo con il suo uccello. Non solo portava sempre le sue donne negli hotel e nei motel più economici, fastidiosi, disgustosamente sporchi, ma non avrebbe pagato uno stipendio decente alle sue segretarie, nemmeno ad una di quelle che dormivano con lui.

Alla fine, proprio come tutte le altre segretarie che aveva scopato prima di me, l'ho lasciato per un lavoro che pagava un salario decente. Una volta che me ne fui andata via, ero fuori dalla vista, fuori di testa, e rapidamente fuori dal programma sessuale di Martin. Era circa sei mesi fa, e da allora non ho più avuto un uomo nel mio letto. Devo ammettere che mi è mancato il pene duro di Martin. Povero salario o no, forse non me ne sarei andata se avessi saputo quanto sarei stata eccitata senza di lui.
Ero al terzo cambio di nuove batterie per il mio vibratore quando, improvvisamente, Martin mi ha chiamata per un appuntamento. Per un attimo fui sbalordita, ma risultò che Martin non stava chiamando perché aveva fame del mio corpo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Victoria Black

Quattro Ore Al Piacere

Quattro Ore Al Piacere di

L'attesa del piacere è più eccitante del piacere stesso...La mano che copre la tua bocca si muove verso il basso, stringendoti il collo, mentre l'altra mano armeggia con il chiavistello sul baule che teniamo ai piedi del letto. Spalanco il coperchio, raggiungo l'interno e tiro fuori un paio di manette, usandole per fissarti i polsi dietro la schiena. Ti rigiro, le mie labbra ti devastano in un ...

Serate Fra Amiche

Serate Fra Amiche di

Maura si alzò barcollando e si diresse verso il retro e giù per un lungo corridoio, dove si trovavano i bagni. Una porta si spalancò alla sua sinistra facendola sobbalzare. "Ehi, Sonia è qui, non sembra star così bene." Stefano ha spiegato ad una Maura confusa. "Cosa? Perché è lì dentro con te .... ahi !!" Urlò Maura, sentendo una puntura acuta nella spalla. L'ultima cosa che aveva visto prima ...

Una Moglie Annoiata: Una Moglie Annoiata

Una Moglie Annoiata: Una Moglie Annoiata di

Si fermò a casa sua, un vecchio magazzino sul lato opposto della città che era stato convertito in appartamenti ed entrò, con la sua borsa in mano mentre cercava il suo appartamento e alla fine bussò alla porta, il suo cuore svolazzante per il nervosismo . La porta si aprì e un uomo alto con i baffi e la corporatura imponente le aprì la porta. ”Ingenuobuco, presumo, vieni tesoro", e lei si tras...

Il Giorno

Il Giorno di

Mi rivolse un sorrisetto mentre mi guardava a metà, chiedendomi quasi scusa per la sua assenza. Scambiammo solo un piccolo contatto visivo. Mi chiedevo se avesse notato qualcosa nello sguardo sul mio viso perché in un attimo seppi di essere tornato a caccia. Il lupo dentro di me ululò. Devo aver sorriso. Ora sapevo che uno dei principali ostacoli per raggiungere il mio obiettivo era stato risol...

Il Premio

Il Premio di

"Non dire una parola, bambina” sussurrò, tracciando le sue labbra attraverso l'orecchio, mandandole un brivido lungo la spina dorsale. "Ora toglierò la mano. Il momento in cui decidi di aprire quella tua bella bocca per gridare è il momento in cui il mio coltello va nel tuo fegato, capito?" Lei rabbrividì e annuì contro la sua forte presa. Le tolse la mano dalla bocca e si girò per fronteggiare...

Pelle A Pelle

Pelle A Pelle di

Diede una scossa contro di lui, ma lui la spinse giù nel materasso, affermando il suo potere su di lei. Lei gemeva, le sue dita si arricciavano nel lenzuolo. Fece scivolare la mano sotto di lei, verso la piccola e stretta collinetta che era il suo punto di piacere e accarezzò a ritmo il suo spingere. Cominciò a contrarsi, urlando di piacere, quasi per buttarlo giù ma lui la strinse con fermezza...