Folon: l'uomo invisibile

“Quando muore un Artista e un poeta che ci ha lasciato dentro delle grandi emozioni come Folon, ci si sente tutti un po’ più soli e più poveri, ma noi che restiamo, abbiamo la fortuna di poter godere ancora delle sue opere, del suo insegnamento e della sua lezione di vita. In Italia Folon era molto conosciuto e molto amato non solo da studiosi e critici come Giorgio Soavi, Cristina Taverna, Marilena Pasquali, Aldo Grasso e altri, ma anche dal grande pubblico delle nostre città che ha apprezzato stupefatto e incantato le sue illustrazioni di libri, i suoi manifesti e murales pubblicitari per OLIVETTI, SNAM, ITALGAS, GALLERIA NUAGES. Personalmente ammiro Folon per il suo coraggio di inseguire sempre i suoi sogni, infatti nel ’55 interrompe i suoi studi di architettura e si dedica esclusivamente all’arte e al disegno, o come quando nel 1990 rifiutando di cullarsi sugli allori e godersi la meritata fama internazionale di pittore e illustratore, inizia e vince la sua scommessa con la scultura. E lo fa non solo con la forma più classica della scultura (legno, marmo e poi la materia preferita, il bronzo) ma innestando nella materia la sua capacità visionaria e la sua voglia do sognare(come per l’altro grande artista belga Magritte), di volare e di toccare il cielo, dimostrando a tutti che uomo libero, creativo, invisibile, impalpabile e generoso fosse.” (Donato Di Poce)

Photo by John Robert Marasigan on Unsplash

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Di Poce Donato

Anna Boschi : ContaminAzioni: La lezione di un’Artista in dialogo costante con la Vita e la Poesia

Anna Boschi : ContaminAzioni: La lezione di un’Artista in dialogo costante con la Vita e la Poesia di Di Poce Donato Di Poce Donato

Questo libro, non è un classico libro di critica d’arte, né un catalogo e non ha nessuna pretesa esaustiva, storica o documentale, è semplicemente la piccola storia di un’amicizia tra un’artista e un poeta con molte affinità artistiche e umane, la piccola storia di una contaminAzione. Troverete nel libro ( una sorta di carteggio intimo e segreto) alcune curiosità, carte calligrafiche, poesie ...

Street Art: vandali o artisti? (I Quaderni d'Arte del Bardo)

Street Art: vandali o artisti? (I Quaderni d'Arte del Bardo) di Di Poce Donato Di Poce Donato

Verrebbe da dire subito:” C’era una volta il quadro” , infatti nonostante Duchamp con i suoi ready made, abbia scardinato l’idea classica del quadro, nonostante che i padri e fondatori di queste espressioni artistiche contemporanee, siano due artisti di fama mondiale quali Michel Basquiat e Keith Haring, nonostante che a Berlino esistano ancore 3 km. Di muro (il più importante monumento ...

Santiago Calatrava: I ponti senza tempo

Santiago Calatrava: I ponti senza tempo di Di Poce Donato Di Poce Donato

Conosciuto in tutto il mondo noto come architetto, Calatrava è anche scultore e pittore, sostiene che l'architettura sia un combinare tutte le arti, ricollegandosi così a uno dei suoi ammirati maestri Le Corbusier. La sua poetica infatti richiama molteplicità e contaminazione di stili, materiali e poetiche. Eppure il suo stile unico è caratterizzato da una pulizia, essenzialità e forme primarie...

Alberto Giacometti : l'uomo che cammina

Alberto Giacometti : l'uomo che cammina di Di Poce Donato Di Poce Donato

Forse ci voleva la sensibilità estrema e debordante di Jean Genet ,suo amico ed estimatore, nonché frequentatore del suo Atelier per cogliere l’essenza stessa della scultura di Alberto Giacometti. Quel Genet, ormai idolatrato da Sartre, genio santo e martire della devastazione dell’essere che prima di consegnarsi al silenzio creativo, scrive uno dei testi più belli e necessari per la storia ...

Le fotografie energetiche di Stefano Donno

Le fotografie energetiche di Stefano Donno di Di Poce Donato Di Poce Donato

“Il concept mistico spirituale evidenzia ma non esaurisce l’aura cinetica di Stefano Donno, che nel recente progetto espositivo denominato – EAW, evidenzia da un lato la sua cultura filosofico-mistica, e dall’altra la voglia di sperimentazione avanguardista. Il risultato è decisamente originale e fuori dagli schemi, in equilibrio tra due focus; quello sul movimento e quello sulla luce che trova...

CARMELA CORSITTO: IL BRUSIO DEL NULLA

CARMELA CORSITTO: IL BRUSIO DEL NULLA di Di Poce Donato Di Poce Donato

Donato Di Poce – “In questo breve scritto critico tralasceremo il suo percorso iniziale (che lasciamo agli storici dell’arte, che iniziato negli anni 80 con la pittura figurativa e il disegno, ha proseguito con la sua ricerca muovendosi nell’area Informale e Concettuale) e ci concentreremo più sulla sua definitiva maturità stilistica, che compie quel salto verso il 1995 nel il tridimensionale, ...