Matteo Salvatore. L'ultimo cantastorie

È stato definito “l’unico vero cantastorie italiano”, “un profeta”, “l’ultimo grande poeta popolare, da studiare nelle scuole”, “l’Omero dei diseredati”.
Dagli storici della musica e da Lucio Dalla era considerato il capostipite dei cantautori italiani. Lo hanno paragonato ai grandi di tutti i tempi: da Atahualpa Yupanqui a Simon Diaz, da Bob Dylan a Woody Guthrie, da Leonard Cohen a Johnny Cash.
Considerato un Maestro e amato da intellettuali e cantautori, vecchi e nuovi – da Italo Calvino a Pierpaolo Pasolini, da Giovanna Marini a Eugenio Bennato, da Pino Daniele a Daniele Sepe, da Otello Profazio a Teresa De Sio, da Goffredo Fofi a Moni Ovadia, da Renzo Arbore a Vinicio Capossela – ha avuto una vita rocambolesca, miserabile e fortunata, trionfale e tragica.
Lui è Matteo Salvatore: “portatore” ed esecutore straordinario di un centinaio di melodie “popolari”, legate al mondo dei braccianti, dei diseredati, degli ultimi.
Nato ad Apricena in provincia di Foggia, analfabeta rimasto tale per tutta la vita, Salvatore fu un musicista sublime e allo stesso tempo un uomo istrionico, un imbroglioncello. Fu anche protagonista di un femminicidio. Nel 1973 uccise la sua compagna e “seconda voce”: un caso da prima pagina per i giornali dell’epoca.
Il libro di Beppe Lopez non è solo la biografia che ancora mancava nella storia scritta del Novecento italiano. È una sorta di giallo, un’indagine alla scoperta delle tante verità nascoste o travisate della vita di Salvatore, dall’origine dei suoi canti più celebrati all’omicidio della partner Adriana Doriani.
Su ambedue le cose – lo scoprirete leggendo queste pagine – Matteo aveva barato per tutta la vita.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Beppe Lopez

La Bestia!

La Bestia! di Beppe Lopez Manni

“Il piantone a guardia dello sprangato accesso alla Città s’impietrì, nel vedermi. Non si era accorto del mio silente avvicinamento alle mura.” Comincia così la storia, al di là del tempo e dello spazio, che ripropone l’eterno incontro/scontro con lo straniero. Le reazioni, gli avvenimenti e gli svelamenti determinati dall'arrivo della Bestia mettono in crisi profonda le basi di una società ...