Mia figlia è un'astronave

Napoleone ha quasi trent’anni e vive ancora come un adolescente, complici il suo lavoro di musicista e una storia d’amore finita decisamente male. Avrebbe forse bisogno del consiglio di un padre, ma il suo è un tipo davvero strano – un muratore mancato che per ripiego fa il medico di base – buono solo a chiedergli il numero di telefono di un suo amico cantante. Poi, durante una festa, arriva il colpo di fulmine con Lucia, che come per magia pare essere la grande occasione di diventare finalmente adulto. Se non fosse che lei è già fidanzata con un altro… Jacopo è l’antitesi di Napoleone: preciso, maturo e affidabile, persino troppo. Da quando è diventato padre della piccola Vittoria, ha scoperto non solo la gioia più assoluta ma anche una naturale predisposizione a sentirsi “mammo”, insospettabile persino per lui. Avere figli però non è solo rose e fiori, infatti col passare del tempo certe cose sono diventate difficili. Per esempio il rapporto con la sua compagna… Lucia. Avrà forse ragione un amico di Napoleone, secondo cui “le donne vanno a letto coi cantanti, ma alla fine sposano gli avvocati’’?

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli