Il mito di Alcesti in A. Savinio

Un viaggio alla scoperta della tragedia euripidea di Alcesti, rivisitata in chiave moderna da un grande letterato e pittore novecentesco, Alberto Savinio. Nonostante il suo pseudonimo, data l'identità reale di Alberto de Chirico, fratello minore del famoso pittore metafisico e surrealista Giorgio, Alberto nutriva una passione incontaminata per la letteratura classica, greca e latina, in special modo. Alcesti appare ora come una moderna eroina, forte e determinata, ora come enigmatica e suicida, pronta ad abbandonarsi al destino e a non lottare. L'ambientazione saviniana è quella della Seconda Guerra Mondiale: da qui si parte quindi con un'analisi precisa, sincera, di facile comprensione riguardo alle due versioni di Alcesti in Euripide e in Savinio, per poi passare alle sue rappresentazioni teatrali, dapprima nel 1950 al Piccolo Teatro di Milano, per la regia di G. Strehler, e successivamente nel 1999, al Teatro Argentina di Roma, per la regia di L. Ronconi.
Un libro che dà gusto e sapore ad una tragedia greca aspra e lontana, ma che Savinio con la sua destrezza e creatività, ammoderna, rendendola un'opera fruibile e divertente, ma anche con una profonda morale didattica.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli