Festa di primavera (Future Fiction Vol. 22)

Tradotta per la prima volta in italiano, l’antologia “Festa di primavera” rappresenta un’ottima occasione per scoprire una delle migliori autrici di fantascienza contemporanea cinese.



“L’estate di Tongtong” ruota attorno a una questione di grande attualità: l’uso di androidi come supporto a una popolazione che invecchia rapidamente. Xia Jia ribalta il pregiudizio per cui gli anziani sarebbero persone inutili e immagina un utilizzo sorprendente per degli androidi-badanti chiamati Ah Fu.



“Festa di primavera” racconta semplici vicende tratte dalla vita quotidiana del popolo cinese in un futuro prossimo; le cinque scene di cui è composta la storia corrispondono ad altrettante emozioni: felicità, rabbia, amore, dolore e gioia.

Poche sono le differenze immaginate da Xia Jia nel futuro della Cina: la gente segue ancora i costumi tradizionali, celebra lo Zhuazhou (il primo compleanno di un bambino) e guarda il Gala della Festa di Primavera; le madri invitano le figlie a trovare marito tramite incontri combinati, i vecchi compagni di classe si ritrovano per condividere ricordi e notizie mentre gli anziani si augurano di vivere a lungo. Eppure, qualcosa di profondo e sottile è cambiato e Xia Jia riesce a mostrare – usando un tono delicato e mai critico – come l’influenza della tecnologia s’insinui tra le pieghe dei comportamenti umani.



“Stanotte sfilano cento fantasmi” è ambientato nel contesto della mitologia cinese, una specie di Pinocchio al contrario, dove un ragazzo “vero” deve confrontarsi con le regole di una città popolata interamente da strani fantasmi. Ma come stanno davvero le cose? E cos’è vero e cosa no?



Biografia dell’autrice: Xia Jia (pseudonimo di Wang Yao) è nata nel 1984 a Xan’ji in Cina. Laureata in Scienze dell’Atmosfera all’Università di Pechino, è entrata nel programma di Studi Cinematografici presso l’Università della Comunicazione, dove ha completato la tesi: “Uno studio delle figure femminili nel cinema di fantascienza”. Di recente, ha conseguito un dottorato di ricerca in Letteratura Comparata e Letteratura mondiale all’Università di Pechino sul tema della “Fantascienza cinese e la sua politica culturale dal 1990”. Attualmente insegna presso Università di Xi'an Jiaotong.

Sin dai tempi del college ha pubblicato fantascienza su numerose riviste tra cui Science Fiction World e Jiuzhou Fantasy. Molti suoi racconti hanno vinto il premio Yinhe (Galaxy) e il premio Xingyun (Nebula) i più prestigiosi premi di fantascienza cinese.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli