Un Piano Crudele

Si era addormentata di nuovo. Charlotte si lamentò quando si svegliò ancora prigioniera, il suo stomaco brontolava rumorosamente e le sue mani erano quasi intorpidite. Si girò su un fianco e fletté i polsi, sussultando per la forte puntura di sangue che le entrava nella carne fredda. Rimase immobile per diversi minuti, ascoltando i suoni dall'esterno della porta e abbassò i piedi, mettendo alla prova le gambe per capire se le dessero supporto. Quando non si piegarono sotto di lei, avanzò lentamente verso la porta e si mise in equilibrio su un piede mentre faceva scivolare l'alluce nell'apertura e lentamente la apriva.
"Avevi bisogno di qualcosa?" Lei ansimò, inciampando all'indietro, cadendo goffamente sul letto. Will entrò nella stanza, un ampio sorriso sul suo volto.
"Ho fame, mi piacerebbe avere qualcosa da mangiare ed ho bisogno di usare il bagno."
"Ti porterò a pisciare, Carl, servile del cibo."
"Va bene." Will le afferrò il gomito e la manovrò verso la porta, aiutandola a scendere i gradini e giù nella foresta oscura. Si spostò dietro un albero e si accovacciò, cercando di tenere i piedi fuori dalla scia dell'urina osservando l'uomo mentre camminava avanti e indietro a pochi passi da lei. "Non avere idee sul tentativo di correre e scappare da qui, le scogliere ci circondano e potresti ucciderti al buio."
Charlotte deglutì e si alzò, scuotendosi come meglio poteva e scese da dove si trovava. Lui rise e la scortò fino alla cabina, usando un tovagliolo di carta per pulire le righe di pipì dalle sue gambe.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Veronique Bertier

Mentre Mia Moglie Guarda

Mentre Mia Moglie Guarda di

Indossava uno degli abiti da sole di Gaia, uno rosso stretto attorno al busto ma sciolto dai fianchi in giù, con le calze nere, le cime visibili sotto la linea dell'orlo del vestito e un paio di tacchi neri da 8 cm ". Aveva anche una lunga parrucca bionda, una che Giulio ricordava fosse abbinata ad un costume che Gaia aveva indossato per carnevale qualche anno prima, e la sua faccia era truccat...

La Fantasia Di Mio Marito

La Fantasia Di Mio Marito di

Rimase in piedi per un momento e guardò il mio corpo, apprezzando i miei seni sodi e tondi, le gambe magre e formose quasi perfette. Si sporse in avanti e mi prese a coppa i seni, abbassando il viso verso la loro morbidezza. Con competenza e gentilezza, mi tolse il reggiseno, permettendogli di unirsi al resto degli indumenti sul pavimento. Non so quanto tempo ha trascorso baciando, mordicchiand...

Incontro Al Buio

Incontro Al Buio di

Ho camminato davanti a lui, diventando la regina del mio dominio. I tacchi alti, il completo in pelle e il rossetto rosso hanno reso me la donna forte e sexy che domina ed ha il controllo completo della situazione. Mi sono avvicinata al letto e ho aspettato che si unisse a me. Potevo sentire i miei capelli neri e lisci che mi solleticavano ancora le spalle e ne amavo la sensazione. Si fermò dav...

Il Piacere E' Solo Piacere

Il Piacere E' Solo Piacere di

Luisa allargò le gambe sulla sua sedia da scrivania, premendole le mani, i palmi piatti in mezzo, le cosce che si allargavano sulle sue dita e cominciò a strofinare le labbra attorno alle sue mutande. I suoi pantaloncini si strusciarono e si insinuarono dentro. "Perché no?" Si chiese. Mi sono sentita così bene. La voce era giusta; sapeva esattamente come fare e lei doveva ascoltare.

Attrazione Fatale

Attrazione Fatale di

Quel tocco è stato l'istante più emozionante che abbia vissuto nella mia vita. Non sapevo cosa mi fosse successo. Questo era un semplice maledetto incontro di lavoro con una persona che avrebbe avuto il potere della vita o della morte sul mio lavoro, e mi stavo comportando come un adolescente innamorato. Il mio respiro divenne un po’ 'affannoso. Ero perso nei suoi occhi, tenendole la mano. Peg...

L'Amico Di Mio Figlio

L'Amico Di Mio Figlio di

Ero in piedi di fronte al soffione coperto di sapone, shampoo nei capelli, quando sentii una folata d'aria. Qualcuno aveva aperto la porta del bagno. Qualcuno era in bagno! Ho sentito la tenda della doccia che si è aperta. Non ho nemmeno avuto il tempo di girarmi. All'improvviso sono stata bloccata contro il lato della doccia da due mani potenti. La mia testa era rivolta verso il muro. Ho appen...