Diabolica Personal Trainer

Quando una donna grassa con un bel marito incontra una splendida personal trainer, la donna grassa perde il marito...

Bussai a tentoni, attirando l'attenzione della donna seduta dietro la scrivania, che stava lavorando pigramente sul suo computer. Lei mi guardò mentre entravo.
"Lenora?" Ho chiesto, quella sensazione di farfalle di ritorno. Si alzò da dietro la sua scrivania, permettendomi di osservarla per la prima volta. Sono stata immediatamente sorpreso da quanto fosse voluttuosa. So che dire che qualcuno è voluttuoso a volte può implicare che abbia qualche chilo in più, e Lenora li aveva ... in un certo senso. A differenza di me, però, che avevo qualche chilo in più sulla mia vita e sullo stomaco, tutto il suo peso in più sembrava essere andato alle sue tette. Non ho potuto fare a meno di guardarle apertamente. Erano assolutamente massicce, semplicemente enormi!
I seni impressionanti di Lenora allargavano la parte alta della canottiera che li adornava al massimo, quasi minacciando di liberarsi dal tessuto restrittivo che lottava per contenerli.
Come ho detto, tutto il suo peso extra è andato alle sue tette, perché mentre il mio sguardo si spostava verso sud, cogliendo il resto della sua forma sinuosa, non c'era un po’di grasso da trovare su di lei.
La sua pancia esposta si mostrava liscia, disegnata, addominali e una vita quasi impossibili, che sembravano in contrasto con la curva ampia, dinamica, dei suoi fianchi. Aveva gambe lunghe, abbronzate, muscolose, lasciate esposte dai suoi pantaloncini attillati. Le sue braccia sembravano ferme e forti, i bicipiti stretti, le spalle solide. Non era troppo muscolosa, come molti di quei body builder femminili. Era in forma ma manteneva ancora la sua curvatura femminile. Il suo corpo era chiaramente in forma, ma manteneva ancora la morbidezza che era attraente per gli uomini. Il suo corpo era, in una parola, perfetto ... ideale, anche.
Distolsi gli occhi dalla mia valutazione per alzare lo sguardo sul suo viso giusto in tempo perché lei mi salutasse. Arrossii leggermente, con la consapevolezza che mi ero soffermata troppo a lungo su di lei.
"Ciao” annunciò impassibile. Nessun sorriso le attraversò le labbra, ed i suoi smorti occhi grigi erano freddi, senza vita e senza battere ciglio, fissando penetrantemente i miei, illeggibile. La mia impressione immediata fu che sembrava fredda e disinteressata. annoiata, anche. Non c'era fuoco o luce di alcun tipo dietro quegli occhi, il che era un peccato dato che era assolutamente bellissima. Aveva un viso stupendo, i suoi occhi fumosi sembravano invocare il mistero, le labbra carnose e piene, in una perfetta sfumatura di rosa. Lei aveva quel tipo di bellezza che non richiedeva trucco per migliorare.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Veronique Bertier

La Seduttrice Inaspettata

La Seduttrice Inaspettata di Veronique Bertier

Ero a metà della preparazione del pasto quando, da dietro di me, Romina mi chiese: "Hai bisogno di prendere qualcosa dalla camera da letto? Potrei essere addormentata, altrimenti". Mi voltai e la vidi in piedi, nuda, vicino alla porta della cucina. Preso alla sprovvista, la fissai. Ovviamente si era lavata e aveva i capelli ancora umidi. Vidi la sua grande pancia gonfia ed il suo seno pesante...

Io & Lei

Io & Lei di Veronique Bertier

Indossava solo i pantaloni della tuta, la mia in realtà credo, e una maglietta. Niente reggiseno, era assolutamente senza reggiseno. La sensazione di lei contro il mio corpo era un'illuminazione. Non era mai stato così prima, o non lo so, forse lo era stato e non l'avevo capito coscientemente. Ero acutamente consapevole della sua testa sulla mia spalla e della morbidezza del suo seno che ...

La Gemella

La Gemella di Veronique Bertier

Non poteva davvero accaderle questo. La mente di Clara impose di lottare per scongiurare la sua peggiore paura, nel caso in cui la sua mente non potesse accettarla. La sua grande avventura di vita avrebbe davvero potuto finire in una situazione come questa? Sicuramente era un caso di scambio di identità, intendevano colpire qualcun altro. Nessuno avrebbe avuto motivo di ferirla! Perché mai ...

Nella Notte

Nella Notte di Veronique Bertier

Era buio e freddo. L’inverno non aveva ancora stretto la presa, ma fuori nella notte si sarebbe rimproverato per averlo pensato. Non aveva idea di dove stesse andando e anche se conosceva bene le strade, il buio e il suo umore si univano per rendere il viaggio meno piacevole. E poi la vide. O almeno ha visto la sua macchina in anticipo. Rallentò il furgone chiedendosi che cosa avrebbe potuto ...

Felice E Contenta

Felice E Contenta di Veronique Bertier

Quella era un'idea. Giada aveva partecipato ad un ballo in maschera l'anno precedente e non ci volle molto per rintracciare la maschera veneziana dorata che aveva indossato. La indossò e guardò il suo riflesso nello specchio dell'armadietto dei medicinali. Era sicura di essere irriconoscibile, a patto che si coprisse il tatuaggio sulla spina dorsale, dalla parte sinistra. Ha messo le mani basse...

L'Ultimo Giorno

L'Ultimo Giorno di Veronique Bertier

Fu Gigliola ad aprire la porta, la pelle come seta nonostante l'ora e sembrava infinitamente bella e sexy, se non migliore, come il giorno in cui si erano incontrati la prima volta. Una piccola di un metro e mezzo con seni piccoli e gli occhi più belli del mondo, Gigliola faceva girare la testa ovunque andasse. In effetti, Erasmo ha dovuto ammettere che lei e suo fratello maggiore facevano una ...