In fuga (Super ET)

«Quando leggiamo la Munro, tutto ci sembra incantevole: ma lo sfondo, vasto e intermittente, che si avverte in ogni riga, è pieno di minacce - morti sinistre, destini incomprensibili, dolori che nessuno potrebbe sopportare, disastri, irruzioni di qualcosa che somiglia all'amore, le tremende ferite che ci infliggono i morti; o al contrario, beffe crudeli che realizzano i piani di colei che, forse, porta il nome di Provvidenza».

Pietro Citati



«Nonostante tutto, le ragazze fragili e intelligenti che hanno visto svanire i propri talenti, le signore cariche d'esperienze acuminate come lance mortali, sulle quali Alice Munro concentra l'attenzione, vogliono continuare a vivere. Questo ce le fa amare. La bellezza dei loro mondi interiori, ne siamo certi, è un fuoco che non smetterà mai di ardere e prosperare».

Eraldo Affinati



In questa raccolta della Munro, contrariamente a quanto succede nelle altre, ci sono tre racconti tra loro collegati, che hanno come protagonista la stessa donna, Juliet. I racconti sono separati da bianchi abissi in cui il tempo e i sentimenti precipitano per poi riaffiorare dando vita a situazioni che costituiscono storie a sé stanti. È come se le storie della Munro tutte insieme narrassero un lungo romanzo-mosaico in cui ciascuna tessera è la vita di una donna e del paesaggio umano e naturale che la circonda.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Un precipitare d’anni e d’emozioniIl Consigliere Letterario

Lussureggiante e ricchissima e nello stesso tempo trattenuta, sospesa, cauta, la prosa di Alice Munro sfiora le esistenze che racconta, le osserva evitando ogni giudizio e alle debolezze che registra, alle cadute che mostra offre il sostegno della pietà, della comprensione. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Alice Munro

Troppa felicità (Supercoralli)

Troppa felicità (Supercoralli) di

Gioca a shanghai con le sue storie, Alice Munro, da sempre. Getta sulla pagina posti, alberi, situazioni e donne, cucine, abiti e animali, e con mano ferma se li riprende, li riordina provvisoriamente dentro la storia successiva, di raccolta in raccolta. Intanto passano gli anni e le verità che accendono improvvise i suoi racconti si sono fatte longeve. Non perché durino, ma perché non...

Il sogno di mia madre (Einaudi tascabili. Letteratura Vol. 1232)

Il sogno di mia madre (Einaudi tascabili. Letteratura Vol. 1232) di

Otto storie di donne. Otto racconti magistrali che, come ha scritto Antonia Byatt «contengono elementi del probabile e insieme fratture e disastri. L'interesse di Munro è da sempre rivolto sia al tessuto della "normalità" sia al colpo di forbici che lo taglia di netto...Sono storie di morti violente, di nascite altrettanto violente, e di un solo terrorizzante, aborto».

Le lune di Giove (Super ET)

Le lune di Giove (Super ET) di

In queste storie Alice Munro racconta di donne alle prese con una relazione sentimentale difettosa - una relazione, piú precisamente, il cui immancabile difetto si va in quel momento manifestando, o si è già manifestato - e del loro tentativo di affrontarla senza illusioni ma contemporaneamente senza cinismo, con una conoscenza antica che però non vuole rinunciare al privilegio di farsi sorpr...

Segreti svelati (Super ET)

Segreti svelati (Super ET) di

Louise vede riaffiorare, in un momento inaspettato, il suo sogno d'amore vissuto durante la guerra e infranto dopo il ritorno alla normalità. Gail con la sua intraprendenza si finge quella che non è per poter scoprire cosa le ha portato via un rapporto che lei credeva indistruttibile. Heather Bell scompare misteriosamente durante una gita: non verrà piú trovata ma qualcuno sarà in grado di deci...

Nemico, amico, amante... (Super ET)

Nemico, amico, amante... (Super ET) di

«I racconti contenuti in Nemico, amico, amante... sono tutti bellissimi, e Quello che si ricorda è, a mio parere, il piú bello dei bellissimi. Con una straordinaria parsimonia di mezzi, la Munro descrive il passaggio dalla passione al tranquillo tran tran coniugale, il sorgere imprevisto dell'attrazione sessuale, il cedere ad essa, il ricordo che resta nitido per un'intera vita. C'è tut...

Una cosa che volevo dirti da un po' (Supercoralli)

Una cosa che volevo dirti da un po' (Supercoralli) di

«Il problema, l'unico problema, resta mia madre. Ed è ovviamente lei quella che cerco di afferrare; è per raggiungere lei che è stato intrapreso l'intero viaggio. A quale scopo? Per delimitarla, descriverla, illuminarla, celebrarla, per liberarmene; e non ha funzionato, perché incombe da troppo vicino, come ha sempre fatto. Io potrei sforzarmi in eterno, con tutto il talento che ho, e co...