I VICERE': NOVELS.MAN.10

"Parte prima
1

Giuseppe, dinanzi al portone, trastullava il suo bambino, cullandolo sulle braccia, mostrandogli lo scudo marmoreo infisso al sommo dell'arco, la rastrelliera inchiodata sul muro del vestibolo dove, ai tempi antichi, i lanzi del principe appendevano le alabarde, quando s'udì e crebbe rapidamente il rumore d'una carrozza arrivante a tutta carriera; e prima ancora che egli avesse il tempo di voltarsi, un legnetto sul quale pareva fosse nevicato, dalla tanta polvere, e il cui cavallo era tutto spumante di sudore, entrò nella corte con assordante fracasso. Dall'arco del secondo cortile affacciaronsi servi e famigli: Baldassarre, il maestro di casa, schiuse la vetrata della loggia del secondo piano intanto che Salvatore Cerra precipitavasi dalla carrozzella con una lettera in mano.
«Don Salvatore?... Che c'è?... Che novità!...»
Ma quegli fece col braccio un gesto disperato e salì le scale a quattro a quattro.
Giuseppe, col bambino ancora in collo, era rimasto intontito, non comprendendo; ma sua moglie, la moglie di Baldassarre, la lavandaia, una quantità d'altri servi già circondavano la carrozzella, si segnavano udendo il cocchiere narrare, interrottamente:
«La principessa... Morta d'un colpo... Stamattina, mentre lavavo la carrozza...»
«Gesù!... Gesù!...»..."

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Federico De Roberto

I Viceré (Evergreen)

I Viceré (Evergreen) di

Romanzo storico che narra le vicende di un famiglia catanese, quella degli Uzeda di Francalanza, i cui componenti sono caratterizzati avidità, sete di potere, meschinità e odi che i componenti nutrono l'uno per l'altro e da diverse patologie e malformazioni dovute alla corruzione morale e biologica risultante dai numerosi matrimoni tra consanguinei allo scopo di preservare la razza.

L'illusione (BUR CLASSICI MODERNI)

L'illusione (BUR CLASSICI MODERNI) di

L’inquieta Teresa Uzeda è l’aristocratica siciliana che molti hanno definito la madame Bovary italiana. Come Flaubert, De Roberto si cala nei turbamenti giovanili di una donna e nelle sue adulte disillusioni, spiandone da vicino umori, infelicità e capricci. Colei che sarà la vera protagonista assente dei Viceré, il cui spirito aleggerà sulle vicende della famiglia Uzeda e sulla storia d’Italia...

I vicerè (Romanzi d'Italia)

I vicerè (Romanzi d'Italia) di

Nel momento in cui la storia siciliana si fa storia italiana, De Roberto affonda con gelido distacco il suo bisturi nel “decadimento fisico e morale di una stirpe esausta”, e se ne serve per rappresentare la cancrena di un’intera nazione. Il racconto si svolge tutto fra un testamento e un comizio: il primo apre il romanzo, testimoniando l’antico familismo feudale, il secondo lo chiude, dando vo...

I Viceré (eNewton Classici)

I Viceré (eNewton Classici) di

A cura di Sergio CampaillaEdizione integraleCon I Viceré De Roberto raggiunge la pienezza e la forza espressiva del capolavoro. In questo romanzo storico, paragonabile per impianto e grandezza a I Buddenbrook di Thomas Mann, l’autore crea un equilibrio perfetto fra la rappresentazione del «decadimento fisico e morale d’una stirpe esausta» e le vicende dell’unificazione italiana. Il libro raccon...

La Sorte

La Sorte di

La sorte è, cronologicamente, la prima raccolta di racconti di Federico De Roberto. In questi racconti è abbastanza evidente l'imitazione dei racconti di Giovanni Verga, in particolare di Vagabondaggio e delle Novelle rusticane. In alcuni racconti, tuttavia, si ritrovano alcuni temi presenti nelle opere posteriori; invece dei "poveri diavoli" di Verga e delle macchiette paesane di Luigi Capuana...

La morte dell'amore di Federico De Roberto

La morte dell'amore di Federico De Roberto di

La morte dell'amore di Federico De Roberto