La compagnia della leggera

La compagnia della leggera
Autore
Luciano Zuccoli
Pubblicazione
30/09/2018
Categorie
Gigi Cavalieri, detto Pivione, uscì da Porta Romana e sotto la pioggia dirotta, senza ombrello, con le scarpe scalcagnate, s’inoltrò nella campagna deserta. Egli sentiva i piedi guazzar nell’acqua e la pioggia grondargli per le tese del cappello scolorito fin dentro il collo; la giacca inzuppata esalava un odor d’umido; i calzoni erano inzaccherati di fango fin quasi al ginocchio.
Ma l’uomo non aveva pensiero per un inconveniente che gli era capitato spesso nella sua laboriosa esistenza; egli procedeva svelto e cauto a un tempo, guardandosi intorno, spingendo l’occhio sicuro di là dai filari di pioppi, che l’acqua e la nebbia velavano leggermente. A quell’ora, sulle tre del pomeriggio, e con quel diluvio, Gigi Cavalieri percorse dieci chilometri e non trovò sul suo cammino che un carro di letame e una mendicante.
Quando già le gambe cominciavano a diventargli pesanti per la stanchezza e per il terreno molliccio che faceva il cammino più faticoso, il Pivione si fermò innanzi a una casetta, la quale era poco più larga e più alta d’una capanna. Egli tolse dalla tasca una chiave ed aperse, guardandosi in giro; entrò, richiuse, s’arrampicò per una scala di legno, giunse in una camera squallida.
V’era un letto e sul letto, vestita, una fanciulla bionda, con le labbra enfiate e gli occhi lucidi per febbre; ella stava muta ed immobile, ma allo scricchiolio della scala, girò lentamente la testa e si sforzò a sorridere, vedendo entrare Gigi.
– Come va? – egli domandò sottovoce.
Una donna, vecchia e magra, che sedeva ai piedi del letto, rispose senza muoversi:
– Come vuoi che vada? Sempre lo stesso.
Gigi fece un gesto di dispetto, e trasse dalla tasca un involto accuratamente coperto con un pezzo di tela cerata.
– Ho portato il chinino, – disse poi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Luciano Zuccoli

L'amore di Loredana

L'amore di Loredana di Luciano Zùccoli Passerino

Un romanzo d'amore di inizio Novecento, dove le passioni e sentimenti si intrecciano fortemente dando vita a una trama avvincente.  Luciano Zuccoli, pseudonimo di Luciano von Ingenheim (Calprino, 5 dicembre 1868 – Parigi, 26 novembre 1929), è stato uno scrittore, giornalista e romanziere svizzero naturalizzato italiano.

Romanzi Vol. III

Romanzi Vol. III di Luciano Zuccoli Wikibook

"I romanzi" Vol. I è una selezione di due opere di Luciano Zuccoli: "Il designato" e "Per la sua bocca", scritte, rispettivamente, nel 1894 e nel 1918.

Romanzi Vol. II

Romanzi Vol. II di Luciano Zuccoli Wikibook

"I romanzi" Vol. I è una selezione di due romanzi di Luciano Zuccoli: "La freccia nel fianco" e "Il maleficio occulto", scritti, rispettivamente, nel 1913 e nel 1902.

Farfui

Farfui di Luciano Zuccoli Wikibook

"Farfui" è un romanzo di Luciano Zuccoli scritto nel 1909. Dall'incipit del libro: Perché avesse comperato quella casetta, egli stesso non avrebbe saputo dire. Gliel'avevano offerta in un periodo di fortuna, quando il rialzo di certi valori gli aveva dato larghi profitti. Era una casa a due piani, dipinta in giallo chiaro con le persiane verdi, richiusa da un giardino di mediocre grandezza...

Romanzi - Vol. I

Romanzi - Vol. I di Luciano Zuccoli Wikibook

"I romanzi" Vol. I è una selezione di due opere di Luciano Zuccoli: "L'amore di Loredana e "Roberta", scritte, rispettivamente, nel 1908 e nel 1897.

La compagnia della leggera

La compagnia della leggera di Luciano Zuccoli Wikibook

"La compagnia della leggera" è un romanzo scritto da Luciano Zuccoli nel 1907. Dall'incipit del libro: Gigi Cavalieri, detto Pivione, uscì da Porta Romana e sotto la pioggia dirotta, senza ombrello, con le scarpe scalcagnate, s'inoltrò nella campagna deserta. Egli sentiva i piedi guazzar nell'acqua e la pioggia grondargli per le tese del cappello scolorito fin dentro il collo; la giacca ...