Storie dal domani: I migliori racconti Future Fiction 2014

Cosa succede quando una casa dotata di intelligenza artificiale perde l’inquilino di cui è innamorata?

Qual è la coppia perfetta in una versione tecnologicamente avanzata del gioco del corteggiamento?

Quanti segreti si nascondono nella villa di Aethra dove si creano “soggetti d’arte” al cui interno è intrappolata una copia senziente della padrona di casa?

Chi ha ucciso un famoso indovino in una città modulare dove la divinazione eseguita sul DNA dei cittadini è una pratica obbligatoria?

E come finisce uno splendido matrimonio il giorno in cui una coppia di coniugi quasi-immortali riceve una rarissima e quanto mai preziosa licenza di procreazione?



Questi e molti altri interrogativi trovano risposta nell’antologia dei migliori racconti pubblicati sulla collana Future Fiction nel 2014. Dodici futuri, scritti da nove autori provenienti da otto paesi: Canada, Grecia, Irlanda del Nord, Italia, Nigeria, Regno Unito, Romania, Stati Uniti. Dodici visioni, di scrittori che nei loro paesi sono veri e propri maestri del genere, capaci di aprire incredibili finestre sul mondo che verrà.

Perché anche domani accade oggi.



Indice:

La casa di Bernardo – James Patrick Kelly (U.S.A.)

Caso 74 – Cristian M. Teodorescu (Romania)

Rocket Boy – Paul McAuley (U.K.)

Un buon partito – Ian McDonald (Irlanda del Nord)

Aethra – Michalis Manolios (Grecia)

Guerre genetiche – Paul McAuley (U.K.)

La mano servita – Robert J. Sawyer (Canada)

Eravamo pazzi di gioia – David Marusek (U.S.A)

Big Bang Larissa – Cristian M. Teodorescu (Romania)

L’altra mamma – Michalis Manolios (Grecia)

Riti di passaggio – Giovanni De Matteo (Italia)

Risoluzione 23 – Efe Tobunko (Nigeria)

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di AA. VV.

Mille voci contro la violenza

Mille voci contro la violenza di

Mille voci. Più una. Più due. Più altre mille e mille ancora. Un coro che si innalza, vittorioso, sopra il sangue sparso. Sangue di vittime e di carnefici, sangue reale e metaforico. Sangue nero che sgorga dagli abissi oscuri della violenza, da mondi senza luce, da anime senza sollievo, da mostri senza giustificazione. È di violenza di genere, che si tratta in queste pagine figlie di penne...

Calabria d'autore

Calabria d'autore di

Calabria bella e dannata: un cliché, forse; uno stato d’animo, sicuramente. Realtà geografica e metafisica, questa regione in fondo allo stivale sembra un ossimoro vivente: indolente e indomita, apatica e passionale, docile e faticosa, abbandonata e rimpianta, amata e maledetta. Tra apici di poesia e abissi di illegalità, viene bagnata e divisa da due mari: il Tirreno su cui scendono le...

Donne come noi

Donne come noi di

Noi donne abbiamo bisogno di ispirazione. E quindi di una narrazione delle conquiste e dei successi delle donne. Abbiamo bisogno di «donne che aiutano donne». Raccontare storie non è mai stato così importante.

Il bicchiere mezzo pieno

Il bicchiere mezzo pieno di

Prefazione di Geppi Cucciari «Dieci anni dopo Cuori di Pietra , ventitré donne, scrittrici, giornaliste, esseri umani di varia foggia e sfumatura emotiva contingente, si ritrovano con un obiettivo, comune e chiaro: scrivere. E un altro obiettivo più nebuloso, velleitario, eppure bellissimo. Anzi due: impreziosire la vita di chi legge, magari sorseggiando un drink nel tinello della...

Lui, io, noi (Einaudi. Stile libero extra)

Lui, io, noi (Einaudi. Stile libero extra) di

L'infanzia di Dori e quella di «Bicio», che mostra come la storia sia sempre stata una sola, anche quando loro non si conoscevano. Il primo incontro, a un premio musicale vinto da entrambi, durante il quale non smettevano di guardarsi. La nascita della figlia Luvi e la quotidianità campestre in Gallura. I mesi del sequestro, in cui a sostenerli fu proprio quel legame «fermo, limpido e...

La collezione Cavallini Sgarbi

La collezione Cavallini Sgarbi di

"Quanto assomiglia una collezione a chi l'ha costituita? Se ripenso alle origini dell'impresa, fatico a credere che mi sia stato consentito, nell'arco di nemmeno quarant'anni di trovare le opere degli autori che hanno vissuto con me che mi hanno accompagnato in un ritmo vertiginoso. Noi siamo quelli che eravamo quando iniziammo questo cammino, o siamo diventati altri? Tutto ciò che ho...