L'Eroina

"Hai ancora un gran bel corpo", ha detto. Fece scorrere un dito sul suo braccio bagnato e nudo. L'acqua si era radunata come minuscole perle e lui le osservava mentre il suo dito le turbava. L'acqua si spostò e poi si riformò di nuovo come goccioline. La sua pelle era morbida, ma fredda. Csaba si allontanò interrompendo i suoi pensieri sul loro passato insieme.

"Non farlo", rispose lei. "Sei pazzo?" Il mio fidanzato è qui, per l'amor di Dio. È lì fuori a nuotare e tu mi aggredisci nell'area spogliatoio, smettila di seguirmi, sai che potrei farti arrestare. "

Le mise un dito sulle labbra e lei tacque.

Sorrise, "continui a parlare della polizia, sappiamo entrambi che non puoi chiamare la polizia e, in ogni caso, se lo facessi saresti più in difficoltà di me."

Usando la sua mano sana spinse via alcune ciocche di capelli bagnati dal suo viso. Era un segnale incoraggiante che ancora una volta lei stava facendo come le era stato detto, ma anche che sapeva che aveva molto da perdere. I Magri l'avrebbero lasciata cadere come una pietra in un lago se avessero saputo che era un'ex escort.

Lui la guardò per un momento e poi lentamente raggiunse l'asciugamano avvolto intorno alla sua vita. Si fermò di nuovo per un momento per vedere se avrebbe reagito, e quando lei non lo fece, lo aprì lentamente. L'asciugamano cadde sul pavimento rivelando le sue gambe e il fondoschiena nel costume da bagno. La sua unica reazione fu di guardare brevemente verso il basso, ma rapidamente lei lo guardò, con gli occhi spalancati.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Veronique Bertier

La Seduttrice Inaspettata

La Seduttrice Inaspettata di Veronique Bertier

Ero a metà della preparazione del pasto quando, da dietro di me, Romina mi chiese: "Hai bisogno di prendere qualcosa dalla camera da letto? Potrei essere addormentata, altrimenti". Mi voltai e la vidi in piedi, nuda, vicino alla porta della cucina. Preso alla sprovvista, la fissai. Ovviamente si era lavata e aveva i capelli ancora umidi. Vidi la sua grande pancia gonfia ed il suo seno pesante...

Io & Lei

Io & Lei di Veronique Bertier

Indossava solo i pantaloni della tuta, la mia in realtà credo, e una maglietta. Niente reggiseno, era assolutamente senza reggiseno. La sensazione di lei contro il mio corpo era un'illuminazione. Non era mai stato così prima, o non lo so, forse lo era stato e non l'avevo capito coscientemente. Ero acutamente consapevole della sua testa sulla mia spalla e della morbidezza del suo seno che ...

La Gemella

La Gemella di Veronique Bertier

Non poteva davvero accaderle questo. La mente di Clara impose di lottare per scongiurare la sua peggiore paura, nel caso in cui la sua mente non potesse accettarla. La sua grande avventura di vita avrebbe davvero potuto finire in una situazione come questa? Sicuramente era un caso di scambio di identità, intendevano colpire qualcun altro. Nessuno avrebbe avuto motivo di ferirla! Perché mai ...

Nella Notte

Nella Notte di Veronique Bertier

Era buio e freddo. L’inverno non aveva ancora stretto la presa, ma fuori nella notte si sarebbe rimproverato per averlo pensato. Non aveva idea di dove stesse andando e anche se conosceva bene le strade, il buio e il suo umore si univano per rendere il viaggio meno piacevole. E poi la vide. O almeno ha visto la sua macchina in anticipo. Rallentò il furgone chiedendosi che cosa avrebbe potuto ...

Felice E Contenta

Felice E Contenta di Veronique Bertier

Quella era un'idea. Giada aveva partecipato ad un ballo in maschera l'anno precedente e non ci volle molto per rintracciare la maschera veneziana dorata che aveva indossato. La indossò e guardò il suo riflesso nello specchio dell'armadietto dei medicinali. Era sicura di essere irriconoscibile, a patto che si coprisse il tatuaggio sulla spina dorsale, dalla parte sinistra. Ha messo le mani basse...

L'Ultimo Giorno

L'Ultimo Giorno di Veronique Bertier

Fu Gigliola ad aprire la porta, la pelle come seta nonostante l'ora e sembrava infinitamente bella e sexy, se non migliore, come il giorno in cui si erano incontrati la prima volta. Una piccola di un metro e mezzo con seni piccoli e gli occhi più belli del mondo, Gigliola faceva girare la testa ovunque andasse. In effetti, Erasmo ha dovuto ammettere che lei e suo fratello maggiore facevano una ...