Il tramonto della Repubblica dei partiti: Diari 1985-1989 (Biblioteca storica)

“… un mondo in briciole, dove uomini di partito e di governo, capitani d’industria, giudici, si muovono disordinatamente, senza un obiettivo che non sia quello personale, senza rispettare sequenze e procedure o altre regole, richiedendo continue cuciture, arbitrati, compromessi. Insomma, il contrario dei tanto favoleggiati “poteri forti” o della sempre evocata “stanza dei bottoni””


Sabino Cassese


Dopo la cronaca degli anni trascorsi al Quirinale nel settennato di Pertini, prosegue in questo volume il resoconto dell’esperienza istituzionale di Antonio Maccanico. Trascorso circa un anno e mezzo con Cossiga al Quirinale, all’inizio del 1987 Maccanico è eletto presidente di Mediobanca e in tale veste ne conduce in porto la sofferta privatizzazione. Nell’aprile 1988 assume il primo diretto incarico politico come ministro per gli Affari regionali e problemi istituzionali. Avvia il faticoso percorso delle riforme che sostanzia il tentativo del governo di Ciriaco De Mita, segretario della Dc e presidente del Consiglio. Nel 1989, alla vigilia del disfacimento dei regimi dell’Est europeo, lo sostituiscono rispettivamente Arnaldo Forlani e Giulio Andreotti, che occupavano quei ruoli già 16 anni prima: Maccanico rimane al governo. I diari restituiscono la luce crepuscolare del quinquennio 1985-1989, caratterizzati da scelte che annunciano l’indirizzo dell’economia nella nuova realtà globalizzata e da resistenze che preludono all’esaurimento dei soggetti costituenti.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Antonio Maccanico

Il tramonto della Repubblica dei partiti: Diari 1985-1989 (Biblioteca storica)

Il tramonto della Repubblica dei partiti: Diari 1985-1989 (Biblioteca storica) di Antonio Maccanico Società editrice il Mulino

“… un mondo in briciole, dove uomini di partito e di governo, capitani d’industria, giudici, si muovono disordinatamente, senza un obiettivo che non sia quello personale, senza rispettare sequenze e procedure o altre regole, richiedendo continue cuciture, arbitrati, compromessi. Insomma, il contrario dei tanto favoleggiati “poteri forti” o della sempre evocata “stanza dei bottoni”” Sabino ...

Con Pertini al Quirinale: Diari 1978-1985 (Biblioteca storica)

Con Pertini al Quirinale: Diari 1978-1985 (Biblioteca storica) di Antonio Maccanico Società editrice il Mulino

"Non era facile guidare un uomo come Pertini, specie da quando aveva assunto la più alta carica dello Stato, e non era facile proteggerlo dal suo carattere, dalle decisioni che prendeva più col cuore che con la testa e che attuava immediatamente. Ma Tonino ci riuscì dedicandogli tutto se stesso" Eugenio Scalfari "Il 9 luglio di quest’anno Sandro Pertini è stato eletto Presidente della ...