La memoria dei vivi (Robin&sons)

Settembre 1864. Il cardinale Giovanni Battista Ferrero, a capo della gendarmeria apostolica dello Stato della Chiesa, si trova a Torino per celebrare le nozze della nipote Eveline con Gabriele Pedrana di Nebbiuno.
La città è in fermento per l’accordo con Parigi che sancisce il disimpegno della Francia da Roma e soprattutto per la notizia che la capitale sarà trasferita a Firenze.
In questo clima arroventato il cardinal Ferrero si sta preparando a salutare i parenti e a fare ritorno a Roma quando, subito dopo aver celebrato la prima messa del mattino, una giovane donna entrata in chiesa per cercare aiuto gli muore tra le braccia dopo aver pronunciato due sole parole: “Mia cita”.
Il prelato, spinto dal fatto che la ragazza abbia cercato rifugio in un luogo sacro e soprattutto dal timore che ci sia una bambina rimasta sola, si sente in dovere di indagare, cercando in primo luogo di scoprire l’identità della giovane che a prima vista sembra una donna di malaffare.
Sarà un’indagine complessa che lo condurrà nei quartieri degradati della Torino dell’epoca e gli farà incontrare persone del suo passato torinese come don Giovanni Bosco e soprattutto Lucia, la donna che lui aveva abbandonato tanti anni prima per diventare sacerdote, in un crescendo dei tumulti che lo coinvolgeranno in prima persona.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Rita Garzetti

In hora mortis nostrae

In hora mortis nostrae di Rita Garzetti Bibliotheka Edizioni

Dopo Omicidio in vaticano e La memoria dei vivi, ritornano le indagini del cardinale Giovanni Battista Ferrero. Roma, Natale 1864, un anziano monsignore francese, studioso di archeologia, viene trovato morto con le mani mozzate nei pressi del Circo Massimo. Carnevale 1865, monsignor Calandrelli, docente di astronomia, viene ritrovato evirato nell’alcova dove si intratteneva con la sua amante...

Omicidio in Vaticano

Omicidio in Vaticano di Rita Garzetti Libromania

La morte violenta di un ecclesiastico è sempre sinonimo di grattacapi rifletteva il Cardinale Ferrero, ancora prima di vedere il corpo del canonico Zucco riverso su stesso, con la gola tagliata e uno squarcio nel ventre. Perché un insegnante di latino, il confessore delle giovani nobildonne romane, è stato barbaramente ucciso? Tra intrighi e segreti della nobiltà e della curia romana di metà ...

La memoria dei vivi (Robin&sons)

La memoria dei vivi (Robin&sons) di Rita Garzetti Robin Edizioni

Settembre 1864. Il cardinale Giovanni Battista Ferrero, a capo della gendarmeria apostolica dello Stato della Chiesa, si trova a Torino per celebrare le nozze della nipote Eveline con Gabriele Pedrana di Nebbiuno. La città è in fermento per l’accordo con Parigi che sancisce il disimpegno della Francia da Roma e soprattutto per la notizia che la capitale sarà trasferita a Firenze. In questo ...