Fino A Domani

Fino A Domani
Autore
Anastasia B.
Pubblicazione
09/10/2018
Categorie
Mentre ti sporgi sopra la vasca senti un altro rumore direttamente dietro di te e ti giri piena di paura. Ti trovi ad affrontare un intruso mascherato che punta un coltello verso di te. Sei congelata dallo shock e senti che le ginocchia stanno per cedere, ma in qualche modo rimani in piedi. Indossa quella che sembra essere una maschera da sci nera, in modo che solo i suoi occhi penetranti siano visibili.
Fa un cenno con il coltello e ti dice di stare di fronte allo specchio, istruzioni alle quali ubbidisci per paura. Ti tiene il coltello sul lato del viso e dice "Non voglio tagliare la tua bella faccia, ma lo farò se griderai o cercherai di scappare". Si allunga e ti copre il seno destro con la mano mentre ti abbassi, con panico. Nessuno ti ha mai toccato il seno eccetto Giordano e persino il pensiero di farglielo fare ti fa star male.
Si allunga dietro di te e sgancia il tuo reggiseno lasciandolo cadere sul pavimento. I tuoi seni sono improvvisamente esposti ai suoi occhi abbaglianti nello specchio e tu li copri istintivamente con entrambe le mani. "Metti giù le mani", grida e obbedisci al suo ordine all'istante. Si allunga e prende a coppa di nuovo il seno destro e inizia a spremere il capezzolo. Chiudi gli occhi per l’umiliazione e cerchi di distogliere lo sguardo quando ti sorprende con un "apri gli occhi, cagna e guarda cosa sto facendo!" Ti preme il coltello in faccia per rafforzare la sua minaccia e ti rendi conto che dovresti obbedire meglio .

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Anastasia B.

Malizioso Bluff

Malizioso Bluff di Anastasia B.

Alzandosi sui gomiti, Soraya sganciò la parte superiore del bikini, lasciandola scivolare giù per la pancia. Prendendo la bottiglia di lozione cominciò a massaggiare ogni seno giovane e sodo. Aveva una coppa media, erano di una sfumatura di bronzo leggermente più chiara del resto del corpo, a causa di una reticenza iniziale a spogliarsi che non sembrava più avere importanza. Il movimento ...

Coma Sensuale: Quando Il Piacere Ti Travolge

Coma Sensuale: Quando Il Piacere Ti Travolge di Anastasia B.

La mano di William allungò la mano per prenderle il mento e le sollevò il viso verso l'alto, le labbra contro le sue. Quel primo tocco fu come una scossa elettrica, i suoi occhi si aprirono completamente per guardare in quelli di William, le sue labbra si aprirono e sentì la punta della sua lingua muoversi tra loro. La sua lingua si allungò per incontrare la sua, per toccarlo, per cercare di ...

Eros No Stop

Eros No Stop di Anastasia B.

Il giorno seguente, incontrò Massimiliano, come d'accordo, per dargli un resoconto della sua prima missione. Per prima cosa descrisse dettagliatamente come si era vestita. Guardò il suo viso arrossire delicatamente, ed i suoi occhi si velarono leggermente mentre lui la visualizzava in quell'attrezzatura sexy. Sapeva che avrebbe voluto essere al club con loro. Il racconto della serata è ...

Il Dono

Il Dono di Anastasia B.

Brett fece finta di essere serio. "Ginger mi ha chiesto di essere la schiava del sesso di qualcun altro per un giorno. Questa è stata la sua richiesta. Personalmente ho pensato che fosse un'idea stravagante, eccitante, qualcosa per ravvivare la nostra relazione. Le ho chiesto se aveva qualcuno in mente, e lei ti ha immediatamente nominato. " "Me?" Ho soffocato. Sembrava così sincero, mi dava ...

Vestita Per Compiacere

Vestita Per Compiacere di Anastasia B.

Ho fatto scivolare un po’indietro la sedia ed ho fatto scivolare il vestito per permettermi di sganciare la cintura del reggicalze. Didier non fece alcun tentativo di starmi addosso e rimase seduto sorridendo. Ho sganciato le calze e una ad una le ho tirate giù per la gamba. Alzandole le ho sistemate al centro del tavolo. Ho alzato di nuovo lo sguardo. Stava ancora sorridendo. Sollevandomi il ...

Il Vicino Di Casa

Il Vicino Di Casa di Anastasia B.

Durante quel pomeriggio mentre stavo guardando la Tv, suonò il campanello della porta. Mi sono fatta prendere dal panico, sono corsa rapidamente al piano di sopra e mi sono messa l'accappatoio. Ho risposto alla porta e c'era Osvaldo Magnone, il mio vicino, con le braccia dietro la schiena. Mi sentivo come una nana di fronte a lui. I suoi occhi mi attraversarono come se non stessi indossando un ...