Pensieri Illeciti

Ero insensibile alle sue parole, concentrandomi invece sul suo palmo fresco che continuava a vagare tra il mio ginocchio e la parte superiore della mia coscia. Il suo tocco, come sempre, aveva un modo particolare di trascinarmi in uno stato ipnotico, levitante dalla normalità della vita che vivevo. E mentre continuava ad accarezzarmi, stuzzicandomi con la punta delle dita contro le labbra nude e bagnate, ondeggiai contro di lui.
"Per favore toccami."
"Ti tocco dove?" disse con un'aria di nonchalance mentre guardava la mia mente verso lo scenario sottostante.
"Il clitoride, per favore."
Il suo silenzio mi ha lasciata innervosita dall'anticipazione.
"Per favore", ho detto di nuovo, "strofina il mio clitoride".
Invece scelse di carezzarmi il seno con l'altra mano, mantenendo il ritmo morbido della sua esplorazione sotto la gonna. Potevo sentire il calore della mia stessa lubrificazione bagnare le mie gambe, mentre le sue dita danzavano sempre vicine al calore della mia fica. Prendere la sua mano tra le mie gambe sarebbe stato solo motivo di punizione, e finché non avesse deciso che era giunto il momento di esaudire la mia richiesta, non avevo altra scelta che stringermi tra le sue braccia.
Dolcemente e lentamente, prese il mio capezzolo tra il pollice e l'indice, aumentando la pressione ogni secondo che passava.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Cassandra Goren

Il Tuo Nuovo Ragazzo

Il Tuo Nuovo Ragazzo di Cassandra Goren

"Ti ho portato una cosa, signorina Callum." Lui sorrise e posò la borsa regalo sul tavolino. "Per favore, chiamami Stella." Gli sorrisi e lo ringraziai mentre prendevo la borsa, e mi avvicinai. Tirai fuori un bellissimo paio di scarpe con tacco alto. Sono sicura di essere rimasta scioccata mentre la mia bocca era aperta. Era un dono di natura più intima di quanto fosse appropriato. Mi sentii ...

Invisibile

Invisibile di Cassandra Goren

Cinque giorni e cinque notti al resort erano ragionevoli e convenienti. Laura prenotò un volo per domenica sera e stava compilando un assegno per tutto, quando la donna dietro la scrivania sospirò e disse: "Vorrei avere il coraggio di andare in un resort nudista". "Eh? Cosa?" Fu la risposta arguta di Laura. "Beh, dice abbigliamento opzionale ma significano la stessa cosa." Laura firmò l'...

Cornuto

Cornuto di Cassandra Goren

Abbiamo parlato a lungo ed è diventato chiaro che la causa alla base delle nostre pause regolari era la semplice frustrazione sessuale. Mi amava, ma questo era un problema serio per lei, il che significava che non potevamo avere futuro. Voleva che tornassimo insieme, ma aveva concluso che era finita; la natura accendi-spegni, accendi-spegni della nostra relazione era troppo dolorosa, per ...

L'Ape Regina

L'Ape Regina di Cassandra Goren

Risero insieme mentre Debra la aiutò a spogliarsi, mentre inciampava e cadeva sul morbido materasso. "Non pensavo di aver bevuto così tanto," sbottò Laura mentre Debra le strappava i jeans che indossava, tirando con sé le mutande. "Dio, sei così bella," sussurrò Debra, le sue dita che trascinavano le gambe nude dell'oggetto del suo desiderio. "Rilassati e lascia che mi prenda cura di te, bella...

Liquida Libidine

Liquida Libidine di Cassandra Goren

Alzati, mi dico. Appena alzata, fai un giro, continuo. Non devi guardarlo in faccia. Ma io voglio guardarlo in faccia. E realizzo qualcosa. Parte della ragione per cui non riesco a muovermi è la pressione sulla mia vescica. Pensavo davvero che sarei arrivata alla fine della sessione, ma dannazione ce la farei se non dovessi fare la pipì. Non volevo perdermi nulla. Questo di solito non è un ...

La Dissolutezza Dentro Di Me

La Dissolutezza Dentro Di Me di Cassandra Goren

La sua mano si avvicinò lentamente a lei come un serpente, convocandola, inducendola ad avvicinarsi, finché non le trovò la vita e la attirò a sé ed i loro corpi si toccarono ai lombi. Aveva sentito il suo pene duro sotto i pantaloni e aveva volontariamente appoggiato i fianchi contro di lui. Tutt'intorno, sentiva l'atmosfera sessualmente carica, le luci che irradiavano un incredibile calore ...