Il Pieno Controllo

" Ragazza, puoi vestirti ora." Disse e poi andò a farsi una doccia. Guardando indietro a Charlene e Nicole, disse loro: "voi due potete fare la doccia e vestirvi, ma avete solo venticinque minuti". Poi scomparve nello spogliatoio degli uomini.
Nicole si guardò intorno e notò che Charlene non esitava ad afferrare la sua borsa da ginnastica e a dirigersi immediatamente verso lo spogliatoio delle donne. Rimase nuda, fece un passo nella doccia e cominciò a lavarsi. Questa era una donna che era in ritardo per tutto tranne che per il lavoro, e questo allenamento ha richiesto uno sforzo gigantesco. Eppure da quando era con Ricky non era mai stata in ritardo, e non era mai stata affrettata. C'era una nuova calma in Charlene che era completamente estranea a quelli che la conoscevano da quando era al college e la voce era che fosse ancora peggio al liceo. La cosa che spiccava di più, tuttavia, era che l'autostima di Charlene era salita alle stelle e la sua capacità di fare le cose, anche le più difficili, non era altro che una giornata normale in ufficio.
Lasciò cadere i pensieri e guardò il suo corpo atletico sullo specchio. Era sbalordita dalla mancanza di lividi sul viso, dove in cui era caduto il pugno di Ricky. Adesso il rossore era completamente scomparso, guardò il suo corpo abbronzato e prese il suo piccolo ma molto ben proporzionato seno con l'areola che accentuava la pelle pallida del segno del bikini. Le piaceva la vista del suo corpo e seguiva la curva dei suoi addominali stretti fino alla punta di peli che teneva come un puntatore verso il centro del suo piacere.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Cassandra Goren

Il Tuo Nuovo Ragazzo

Il Tuo Nuovo Ragazzo di Cassandra Goren

"Ti ho portato una cosa, signorina Callum." Lui sorrise e posò la borsa regalo sul tavolino. "Per favore, chiamami Stella." Gli sorrisi e lo ringraziai mentre prendevo la borsa, e mi avvicinai. Tirai fuori un bellissimo paio di scarpe con tacco alto. Sono sicura di essere rimasta scioccata mentre la mia bocca era aperta. Era un dono di natura più intima di quanto fosse appropriato. Mi sentii ...

Invisibile

Invisibile di Cassandra Goren

Cinque giorni e cinque notti al resort erano ragionevoli e convenienti. Laura prenotò un volo per domenica sera e stava compilando un assegno per tutto, quando la donna dietro la scrivania sospirò e disse: "Vorrei avere il coraggio di andare in un resort nudista". "Eh? Cosa?" Fu la risposta arguta di Laura. "Beh, dice abbigliamento opzionale ma significano la stessa cosa." Laura firmò l'...

Cornuto

Cornuto di Cassandra Goren

Abbiamo parlato a lungo ed è diventato chiaro che la causa alla base delle nostre pause regolari era la semplice frustrazione sessuale. Mi amava, ma questo era un problema serio per lei, il che significava che non potevamo avere futuro. Voleva che tornassimo insieme, ma aveva concluso che era finita; la natura accendi-spegni, accendi-spegni della nostra relazione era troppo dolorosa, per ...

L'Ape Regina

L'Ape Regina di Cassandra Goren

Risero insieme mentre Debra la aiutò a spogliarsi, mentre inciampava e cadeva sul morbido materasso. "Non pensavo di aver bevuto così tanto," sbottò Laura mentre Debra le strappava i jeans che indossava, tirando con sé le mutande. "Dio, sei così bella," sussurrò Debra, le sue dita che trascinavano le gambe nude dell'oggetto del suo desiderio. "Rilassati e lascia che mi prenda cura di te, bella...

Liquida Libidine

Liquida Libidine di Cassandra Goren

Alzati, mi dico. Appena alzata, fai un giro, continuo. Non devi guardarlo in faccia. Ma io voglio guardarlo in faccia. E realizzo qualcosa. Parte della ragione per cui non riesco a muovermi è la pressione sulla mia vescica. Pensavo davvero che sarei arrivata alla fine della sessione, ma dannazione ce la farei se non dovessi fare la pipì. Non volevo perdermi nulla. Questo di solito non è un ...

La Dissolutezza Dentro Di Me

La Dissolutezza Dentro Di Me di Cassandra Goren

La sua mano si avvicinò lentamente a lei come un serpente, convocandola, inducendola ad avvicinarsi, finché non le trovò la vita e la attirò a sé ed i loro corpi si toccarono ai lombi. Aveva sentito il suo pene duro sotto i pantaloni e aveva volontariamente appoggiato i fianchi contro di lui. Tutt'intorno, sentiva l'atmosfera sessualmente carica, le luci che irradiavano un incredibile calore ...