Tre campanellini d'oro

Karl e Greta sono due giovani ebrei uniti da un amore profondo. Ben presto vengono risucchiati dal vortice d'odio delle persecuzioni naziste e deportati rispettivamente a Dachau e a Mauthausen. Un piccolo campanellino d'oro è tutto ciò che a Greta rimane di Karl: un oggetto delicato, dolce ma misterioso, che ben presto porterà alla luce dettagli scomodi e pericolosi per la sua stessa vita. Lei è perfetta e la sua bellezza non può passare inosservata. Ne vivrà inevitabilmente le conseguenze, attraverso un percorso straziante ma parallelo a quello di Karl, alla ricerca della salvezza.

“Gli anni della follia nazifascista e del buio della Ragione che sembrò accecare in modo irreversibile il genere umano vanno analizzati e raccontati non come se appartenessero a un’età mitologica e a noi lontana, ma facendo parlare la concretezza del terrore, del dolore, della fatica, della disperazione, dei sogni, anche, e delle speranze vissuti dagli attori, protagonisti incolpevoli, di quei giorni”.
(dalla Prefazione)

Nicola Mazzacane è nato a Bari nel 1979.
Da sempre appassionato di archeologia e storia, in particolare quella medievale e del XX secolo, ha studiato giurisprudenza e ama leggere e scrivere fin da ragazzino. Impiegato nel settore commerciale, è sposato e ha due figli. Tre campanellini d’oro è il suo romanzo d’esordio.
 

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli