Quasi Donna

Nina è una giovane ragazza che ha alle spalle una situazione famigliare complicata.

Un padre che pensa più a ubriacarsi e andare a donne piuttosto che a lavorare. Una sera, i padre, decide di non rientrare e così quella dopo, per poi, abbandonare definitivamente la famiglia.

Una madre che crede di essere sempre in credito con tutti, con idee rigide riguardo al futuro dei figli, e che vuol governare una barca che fa acqua da tutte le parti, senza esserne cosciente.

Il fratello grande che prende il posto del padre appena lui sparisce di casa, con il permesso della madre e inizia subito a tiranneggiare lei e il fratello piccolo, timido e introverso.

Lei si sente mancare il respiro in una situazione del genere.

Un giorno, per svagarsi, decide di evadere dalla città in cui vive e prender un treno per recarsi a Pisa e poter così passare qualche ora spensierata.

Passeggiando per le vie del centro storico, nota un cartello sulla porta di un bar; un’offerta di lavoro. Lei la prende come un soccorso da parte del destino, entra nel bar, parla con il proprietario ed è subito assunta.

A quel punto decide di andare oltre e trovarsi addirittura una stanza in città, dove abitare e dare un taglio, anche se non definitivo, con la sua famiglia.

Il padre, quando ancora viveva con loro, le aveva regalato un giorno, di nascosto dai fratelli, una macchina fotografica. Lei sorpresa per il regalo inatteso, subito, la nasconde nell’armadio, non sapendo bene che cosa farci, ma poi diventerà un oggetto estremamente importante per il suo futuro.

Punterà tutto su quell’oggetto, vuole fermamente diventare fotografa.

Andata via di casa inizia la sua nuova vita, la sua crescita, di giovane ragazza ancora acerba. Un giorno conosce un ragazzo cinese, da prima le sembra una conoscenza inutile e fastidiosa, poi invece, dopo un piccolo evento di erotismo, tra loro, decide di chiedergli di diventare il suo modello.

In seguito scoprono che nonostante la diversità di costumi e di razza, hanno una cosa in comune, che li farà diventare amici, la solitudine.

In tutto il romanzo è presente il difficile rapporto che ha con la famiglia; lei combatterà con tutta se stessa, per poter fargli capire la propria voglia di libertà.

Grazie alla fotografia, al voler inseguire i suoi sogni e ai suoi conflitti con la madre, nel cercare di farle capire le sue scelte, crescere, matura e riesce alla fine, a tagliare quel cordone ombelicale che ancora la lega alla madre.

Nel romanzo ci sono alcune parti di erotismo. Quell’erotismo che vive una giovane in crescita.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo