Il Fugace Ritorno

Una telefonata, poche parole ed il passato ritorna, vivido, impetuoso...


Mi sentivo a disagio sul pavimento, legata impotente, in attesa che uno di loro effettuasse la prossima mossa. Non ci è voluto molto. Sentii una lieve punta del polpastrello accarezzare a tentoni la mia guancia quasi un attimo dopo che l'oscurità mi aveva bloccata al suo interno. Rimasi senza fiato per colpa del bavaglio al tocco, e subito guizzò via. Era Oscar? Era Marzia? Non lo sapevo. Ma in pochi istanti era tornato, qualcuno sentiva e tastava il mio collo, la curva delle mie spalle e poi si dirigeva verso il mio seno.

Ho trattenuto il respiro dentro, il petto si era spinto fuori con impazienza, la carne tremava impotente mentre la mano toccava dolcemente i miei capezzoli. Nessun pizzicotto, solo accarezzare, toccare, sentire, esplorare. Poi un'altra mano sul petto opposto, accarezzando altrettanto delicatamente. Cieca e ansimante per dover respirare attorno alla palla-bavaglio, rabbrividii. Le mani si fermarono interrogativamente, aspettando che il mio respiro si calmasse. Ma non potevo sistemarmi. Il calore tra le mie gambe si stava diffondendo nel mio corpo, le mie ossa sembravano trasformarsi in gelatina, tutto il mio corpo si sollevava e pulsava di desiderio. Volevo aprire le gambe, per alleviare il calore tra le mie cosce, ma ero abbastanza indifesa, legata com'ero.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cassandra Goren

Fermata Di Autobus

Fermata Di Autobus di

Uno strano individuo, un sequestro lampo che diventa una storia d'amore."Non devi fare nulla", le disse Fabrizio. "Ti lascerò andare quando sarò pronto a lasciarti andare." Aurora sbuffò alla risposta criptica. "E 'questo quello che fai per il tuo divertimento, Fabrizio? Incatenamenti di persone ignare alle pensiline degli autobus per poter giocare a piccoli giochi malati con loro?" Il respiro ...

Liquida Libidine

Liquida Libidine di

Alzati, mi dico. Appena alzata, fai un giro, continuo. Non devi guardarlo in faccia. Ma io voglio guardarlo in faccia.E realizzo qualcosa. Parte della ragione per cui non riesco a muovermi è la pressione sulla mia vescica. Pensavo davvero che sarei arrivata alla fine della sessione, ma dannazione ce la farei se non dovessi fare la pipì. Non volevo perdermi nulla.Questo di solito non è un proble...

Mia

Mia di

Uno stalker. Una passione bruciante. Un'appassionante storia d'amore."Hai mai ucciso qualcuno? "Sussultò Rebecca. "Non ancora", sussurrò mentre le premeva le labbra contro il collo. La sua lingua si allungò per scivolare contro la sua pelle, e ciò rese duro per Rebecca pensare correttamente. "Ucciderei chiunque tentasse di portarti via da me", gemette contro di lei. Le sue dita ruvide si strins...

Il Pieno Controllo

Il Pieno Controllo di

" Ragazza, puoi vestirti ora." Disse e poi andò a farsi una doccia. Guardando indietro a Charlene e Nicole, disse loro: "voi due potete fare la doccia e vestirvi, ma avete solo venticinque minuti". Poi scomparve nello spogliatoio degli uomini.Nicole si guardò intorno e notò che Charlene non esitava ad afferrare la sua borsa da ginnastica e a dirigersi immediatamente verso lo spogliatoio delle d...

Beatrice: I Bisogni Di Una Moglie

Beatrice: I Bisogni Di Una Moglie di

Francesco aveva avuto più donne di quante ne potevi contare, era diabolicamente bello in un modo da zingaro, capelli neri ondulati arruffati, carnagione scura, alto 1,85 trasudava sex appeal, trasudava… infatti, ne aveva abbastanza da affondare una nave da battaglia! Un sorriso assolutamente coinvolgente e un corpo per cui morire. I suoi pari lo odiavano per questo, e diventavano gli uomini del...

Ogni Venerdì Sera

Ogni Venerdì Sera di

"Sei bella in ogni modo, Eva." La sua faccia si avvicinò alla sua e le sue labbra sfiorarono la punta del suo naso, e poi le sue labbra. Le mani di Alex si avvicinarono per coprirle i seni, e quando Stefan si tirò leggermente indietro, Alex usò quelle mani per accoccolarsi la schiena contro il suo petto. Poi le labbra di Stefan erano al suo capezzolo destro, succhiavano avidamente e leccavano. ...