Antologia: Ricordi di un Ufficiale Confederato di stato maggiore & Tre mesi negli Stati del Sud

G. Sorrel era un ufficiale volontario dell’esercito confederato nello stato maggiore del I Corpo dell'armata del generale Lee, A. Fremantle era un ufficiale di carriera della guardia della Regina nell'esercito inglese. I loro brevi e piacevoli libri di ricordi della Guerra di Secessione americana, qui proposti insieme, non sono però veri e propri libri di memorie militari. Il complesso dei loro racconti descrive anche uomini, situazioni ed aspetti della vita militare e civile di tutti i giorni; così ci danno una rara visione generale della Confederazione, dietro la ‘prima linea’. Le storie dei due autori si incrociarono nella battaglia di Gettysburg.
Gilbert M. Sorrel non aveva tenuto un diario del periodo della guerra; di conseguenza per scrivere il libro andò a memoria; non c’è nessuna descrizione di operazioni militari terrestri o analisi critica delle decisioni militari prese; le battaglie sono nominate perché costituiscono il filo conduttore dei ricordi; l’approccio fu di tipo “giornalistico”, ritratti sintetici di tutti i protagonisti incontrati, e rapide descrizioni di fatti di cui fu testimone. Sulla battaglia di Gettysburg, come sulle altre a cui partecipò, Sorrel non scrive nuove ‘verità’, invitando il lettore a farsi una idea diretta sulla base dei tanti scritti disponibili dopo quasi trent’anni dalla fine della guerra.
Arthur Fremantle nel suo viaggio di osservazione fu libero di muoversi in tutto il Sud, dal confine messicano con il Texas alla Virginia e infine a New York, conversando con persone di tutte le classi sociali, tra le quali quasi tutti i più importanti leader, militari e civili, della Confederazione. Diligentemente registrò gli incontri nel diario e così i vari momenti vissuti formano insieme un racconto avvincente del popolo del Sud in guerra. Il diario, anche se pervaso dalla simpatia di Fremantle per la causa sudista, mostra con obiettività il clima unitario che prevaleva nella Confederazione: il Sud e la sua popolazione civile resistevano, malgrado le privazioni e le distruzioni, mentre montava l’odio contro gli yankee. Fremantle non sembra invece particolarmente turbato dalla “peculiare istituzione” del Sud, come veniva chiamata a quel tempo la schiavitù. Non c’è dubbio che la presenza alla battaglia di Gettysburg sia il fatto militare cruciale del diario; Fremantle si unì all’avanzata dell’armata di Lee, vide la battaglia e seguì la successiva ritirata fino al Potomac.
Entrambi i libri sono tra quelli consigliati da storici famosi quali D. Freeman e R. Luraghi nelle loro bibliografie.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli