LUCE DI CIELO

Fissò il dolce alzarsi e abbassarsi delle spalle di Trisha mentre dormiva. Lei era immobile e respirava costantemente. Nessun brutto sogno Si chiese se quello che avevano fatto avesse qualcosa a riguardo. O forse mentre dormiva, sapendo che era accanto a lei, era sufficiente protezione dagli incubi.Sperava così.



Ha anche sperato in qualcosa di più.



Lo fece rabbrividire. Gli ho detto che dovrebbe andarsene, tornare alla normalità. Ma qualcosa riguardo la scorsa notte. . . E non era solo perché era stata vergine. Qualcosa si spostò su di lui, un cambiamento che non sarebbe mai stato annullato. Il primo segno era la necessità di guardarla negli occhi, di toccarla. Per vedere se lei lo toccherebbe da sola, senza bisogno della sua protezione.



All'improvviso, la sua spalla si irrigidì. Il suo respiro accelerò. Dornan era proprio dietro di lei, un braccio intorno alla vita e le sue labbra premute sul lato del collo, sulla spalla. Le sue gambe si muovevano svogliatamente e lui doveva gettarle sopra per fermarla. Sentì il momento in cui i suoi occhi si aprirono e lei capì dove si trovava.



" D-Dornan ?" Sussurrò, sembrando spaventata.



"Sono qui." La baciò sulla spalla e la strinse. "Stavi sognando?"


Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Nina Bonita

TUTTO IL TEMPO

TUTTO IL TEMPO di Nina Bonita

La risata di Jacintha fu una campana d'argento mentre si strappava il maglione, strappandole la camicia. Niente reggiseno, grazie a dio, pensò George, gemendo. Nonostante fosse pesante con il latte, i suoi seni erano ancora piccoli ma i suoi capezzoli sembravano più rosa che mai, e più grandi. Si leccò le labbra mentre veniva rivelata la maggior parte della pelle chiara di sua moglie. Ringhiò ...

DOLCE SULLA LINGUA

DOLCE SULLA LINGUA di Nina Bonita

Emmeline allunga la mano e afferra la sua mano, portandola ai suoi capelli sciolti. Desmond prende il suggerimento e avvolge la mano intorno ai fili, aggrappandosi come se fosse l'imbracatura di un cavallo. Tira bruscamente, osservando mentre getta indietro la testa e rantola. La sua gola è lunga e pallida, perfetta per lui. Si sporge in avanti, succhiando un segno nel suo punto di impulso...