DOLCE SULLA LINGUA

Emmeline allunga la mano e afferra la sua mano, portandola ai suoi capelli sciolti. Desmond prende il suggerimento e avvolge la mano intorno ai fili, aggrappandosi come se fosse l'imbracatura di un cavallo. Tira bruscamente, osservando mentre getta indietro la testa e rantola. La sua gola è lunga e pallida, perfetta per lui. Si sporge in avanti, succhiando un segno nel suo punto di impulso.



" Oh , Desmond, sono vicino", si lamenta e sa di essere sull'orlo del suo orgasmo. È la prima volta che parla inglese tutta la notte.



" Anche io , piccola," sbuffa, schioccando i fianchi più velocemente di prima.



Un fuoco inizia nella sua pancia, le fiamme lambiscono il suo interno fino a quando non si trasforma in cenere. Tutto il suo corpo si agita quando lui viene, si infila in lei e resta lì. Emmeline geme con il movimento, rimanendo immobile come una statua al Louvre . Bella e sassosa, pelle fatta di marmo.



Lui la conosce e lei assolutamente non ha ancora lo sperma, quindi tira fuori e sostituisce il suo cazzo con le dita, pompando rapidamente con tre dita mentre il suo pollice si sfrega cerchi nel suo clitoride.



"Desmond," si strozza il suo nome, le nocche diventano bianche dove si aggrappano al divano.



Ci vogliono due cose per farla venire. Il primo è una sfilza di parole, un'ammissione sussurrata inviata nell'aria. Il secondo è uno schiaffo al culo, duro e acuto, che lascia un segno rosso quando allontana la mano e vede la forma della sua palma segnata nella sua pelle. Pensa di averle fatto del male, ma quando le sue gambe iniziano a tremare sa che è l'esatto contrario.


Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Nina Bonita

TUTTO IL TEMPO

TUTTO IL TEMPO di Nina Bonita

La risata di Jacintha fu una campana d'argento mentre si strappava il maglione, strappandole la camicia. Niente reggiseno, grazie a dio, pensò George, gemendo. Nonostante fosse pesante con il latte, i suoi seni erano ancora piccoli ma i suoi capezzoli sembravano più rosa che mai, e più grandi. Si leccò le labbra mentre veniva rivelata la maggior parte della pelle chiara di sua moglie. Ringhiò ...

LUCE DI CIELO

LUCE DI CIELO di Nina Bonita

Fissò il dolce alzarsi e abbassarsi delle spalle di Trisha mentre dormiva. Lei era immobile e respirava costantemente. Nessun brutto sogno Si chiese se quello che avevano fatto avesse qualcosa a riguardo. O forse mentre dormiva, sapendo che era accanto a lei, era sufficiente protezione dagli incubi.Sperava così. Ha anche sperato in qualcosa di più. Lo fece rabbrividire. Gli ho detto che ...