Dracula: Ediz. integrale (Grandi Classici)

Compra su Amazon

Dracula: Ediz. integrale (Grandi Classici)
Autore
Bram Stoker
Editore
Crescere
Pubblicazione
04/11/2015
Categorie
EDIZIONE MIGLIORATA 04/11/2015. Nel 1890 Bram Stoker aveva incontrato il professore ungherese Arminius Vambéry, che gli aveva raccontato l’affascinante leggenda di Dracula, ovvero Vlad III principe di Valacchia, vissuto nel XV secolo. Questo personaggio è ricordato dalla storia per essere stato particolarmente sanguinario e crudele; più volte guidò violenti attacchi alle città della Transilvania, riservando ai suoi nemici terribili supplizi. Nel romanzo di Stoker, scritto sotto forma di raccolta di lettere, articoli e brani dei diari dei protagonisti, come se si trattasse di un’inchiesta giornalistica, si raccontano le vicende del giovane avvocato Jonathan Harker, che deve recarsi in Transilvania per curare l’acquisto di un’abitazione londinese da parte di un anziano nobile del posto. In un crescendo di tensione e terrore, l’avvocato giungerà a scoprire il terribile segreto dell’uomo: il Conte Dracula è un vampiro, che si nutre di sangue umano! In questa terra misteriosa, ricca di castelli e leggende, Stoker ambienta quindi il suo straordinario racconto dedicato all’angosciante figura del vampiro, diffusa nel folklore di tutto il mondo, e realizza un’opera dalle tinte cupe e misteriose, in cui il terrore la fa da padrone, incalzando i protagonisti dalla prima all’ultima pagina. Ripreso da innumerevoli film, libri e spettacoli teatrali, Dracula, pubblicato nel 1897, rappresenta l’ultimo grande romanzo gotico.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Bram Stoker

Dracula - DELUXE

Dracula - DELUXE di

Dalla periferia della Certosa il mare non si vede. Lì la gente tira a campare tra i capannoni dismessi della vecchia Genova operaia che ora non c'è più, all'ombra del grande ponte autostradale su cui s'infrange ogni occasione di riscatto. A Certosa non c'è nessun posto al sole per la diciassettenne Blondi che abita in un buco d'appartamento insieme alla madre, single trasandata che quando non l...

Dracula

Dracula di

Dracula è unromanzo horror gotico del 1897 dello scrittore irlandese Bram Stoker . Introdusse il personaggio del Conte Dracula e stabilì molte convenzioni sulla successiva fantasia dei vampiri . Il romanzo racconta la storia del tentativo di Dracula di spostarsi dalla Transilvania in Inghilterra in modo che possa trovare nuovo sangue e diffondere la maledizione dei non morti, e della battaglia ...

Dracula

Dracula di

Con Dracula, pubblicato nel 1897 e considerato una straordinaria rivisitazione del romanzo gotico, Bram Stoker consacra definitivamente il mito del vampiro, facendolo divenire tra l’altro l’antesignano del genere “horror”, nonché un classico tout court della letteratura europea.

Dracula (DeA Classici)

Dracula (DeA Classici) di

È una notte gelida quella in cui Jonathan Harker, giovane avvocato inglese, arriva in Transilvania per incontrare un nuovo cliente, il conte Dracula. Il nobile lo accoglie nel suo castello, un tetro maniero in rovina, dove ben presto – tra spaventose visioni notturne e agghiaccianti sospetti sul suo ospite – il soggiorno di Jonathan diventa un incubo… Intanto, sulle coste nebbiose dell’Inghilte...

La vergine di Norimberga (Aurora)

La vergine di Norimberga (Aurora) di

Sei racconti horror dalla penna di Bram Stoker, tra cui spicca "L'ospite di Dracula", che nelle intenzioni dell'autore irlandese avrebbe dovuto essere il primo capitolo del suo romanzo più famoso.Ma Stoker porta il lettore in territori sempre diversi della narrativa fantastica e dell'orrore, partendo dalle situazioni tipiche del genere per arrivare a soluzioni brillanti e coraggiose: dalla casa...

Dracula

Dracula di

Il volto era grifagno, accentuatamente tale, l'arco del naso sporgente e sottile, con le narici particolarmente dilatate; la fronte era alta, a cupola, e i capelli erano radi attorno alle tempie, ma altrove abbondanti. Le sopracciglia, quasi unite alla radice del naso, erano così cespugliose che i peli sembravano attorcigliarvisi. La bocca, per quel tanto che mi riusciva di vederla sotto i baff...