TUTTO IL TEMPO

La risata di Jacintha fu una campana d'argento mentre si strappava il maglione, strappandole la camicia. Niente reggiseno, grazie a dio, pensò George, gemendo. Nonostante fosse pesante con il latte, i suoi seni erano ancora piccoli ma i suoi capezzoli sembravano più rosa che mai, e più grandi. Si leccò le labbra mentre veniva rivelata la maggior parte della pelle chiara di sua moglie. Ringhiò quando i suoi pantaloni si rifiutarono di aprirsi, gli diede un duro strattone prima che cedesse alle sue mani forti.



Fianchi larghi, cosce muscolose e muscolose, gambe forti. Tra di loro c'era lo stretto triangolo delle sue mutandine di cotone bianco, sensuali ma così peccaminose. La bocca di George si inumidì mentre profumava la familiare vaniglia e le pesche che venivano dalle sue gambe. Quando uscì dalle sue mutandine, i suoi occhi quasi incrociavano la dea che gli stava di fronte.



La gravidanza aveva ammorbidito i duri angoli del corpo di Jacintha, ma Dio, lui la voleva più che mai. Tese le braccia verso di lei e Jacintha, respirando di nuovo il suo nome, volò verso di loro.



"Mi sei mancato" sussurrò tra baci febbricitanti, i loro denti si scontrarono, le lingue si aggrovigliano, le bocche aperte per catturare l'altro. George. Giorgio. Mi sei mancato tanto."



"Mi sei mancato anche tu, Jacintha," gemette contro le sue labbra. Le loro mani erano disperate per mapparsi a vicenda. Jacintha accarezzò i muscoli duri delle sue spalle, gemendo mentre i capelli crespi del suo petto solleticavano i suoi palmi e il suo seno sensibile. George si strinse la mano intorno ai capelli, tirandola indietro, inarcandola verso di lui. La leccò dalla gola alla valle tra i suoi seni, dove odorava di latte e vaniglia.



"George, per favore", lo implorò stringendo il pugno intorno ai suoi capelli e tirandola in un inchino più profondo.



"Ti voglio così tanto," disse, avvolgendo le labbra attorno a un capezzolo gonfio. Lo succhiò e lo leccò e Jacintha si portò la testa al seno mentre una goccia bianca e bagnata sbocciava dalla punta del suo capezzolo. Ringhiando, George serrò le sue labbra attorno a sé e succhiò, riempiendo la stanza con i suoi suoni affamati e umidi.



"Così dolce," sussurrò prima di succhiare di nuovo, inondando la sua bocca con il suo latte.



Quando Jacintha cadde supina sul letto, il latte aveva cominciato a fuoriuscire dal suo altro seno. George l'ha anche leccato e con le dita che ruotano attorno al suo clitoride la sensazione era troppo, era troppo.



Il latte scorreva in grossi ruscelli lungo il suo petto, fino allo stomaco, mescolandosi al miele che correva tra le sue cosce. Le dita spietate di George emettevano suoni di click-clacking mentre spingevano dentro e fuori dal suo sesso sopping. Troppo. Troppo buono.



Jacintha era una massa pulsante di sensazioni. "George, per favore. Non posso Non posso “



Ma George semplicemente strinse la bocca attorno al suo capezzolo, le sue dita si spinsero profondamente nel suo sesso. Jacintha ansimò come se fosse frustato, il suo corpo sbatté contro il suo e tremò. Il suo nome era strozzato dalla sua gola, il suo desiderio per lui pronunciato in frasi spezzate. L'unica cosa che ha finito di dire è che lei lo ha voluto tutto il tempo. E...


Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Nina Bonita

DOLCE SULLA LINGUA

DOLCE SULLA LINGUA di Nina Bonita

Emmeline allunga la mano e afferra la sua mano, portandola ai suoi capelli sciolti. Desmond prende il suggerimento e avvolge la mano intorno ai fili, aggrappandosi come se fosse l'imbracatura di un cavallo. Tira bruscamente, osservando mentre getta indietro la testa e rantola. La sua gola è lunga e pallida, perfetta per lui. Si sporge in avanti, succhiando un segno nel suo punto di impulso...

LUCE DI CIELO

LUCE DI CIELO di Nina Bonita

Fissò il dolce alzarsi e abbassarsi delle spalle di Trisha mentre dormiva. Lei era immobile e respirava costantemente. Nessun brutto sogno Si chiese se quello che avevano fatto avesse qualcosa a riguardo. O forse mentre dormiva, sapendo che era accanto a lei, era sufficiente protezione dagli incubi.Sperava così. Ha anche sperato in qualcosa di più. Lo fece rabbrividire. Gli ho detto che ...