Lettere d'amore

Cortese Avvocato,
ieri sera ho ritrovato fra le pagine del suo libro un poco di quella fraternità spirituale che la sua offerta mi rivela. Il rimpianto di ciò che fu, e l’ansia di ciò che non è ancora, e il sottile tormento del dubbio, e l’ebrezza folle del sogno, tutte le cose belle e perfide di cui noi poeti si vive e ci s’avvelena.
Non ho ancora assaporato le squisitezze dell’arte, solo ho sfiorato l’essenza, l’anima della sua poesia: un’anima un poco amara, un poco inferma. 
Non ho ancora assaporato le squisitezze dell’arte, solo ho sfiorato l’essenza, l’anima della sua poesia: un’anima un poco amara, un poco inferma. Spero che la sua fraternità non sarà più tanto silenziosa, ch’essa vorrà esprimersi in modo più diretto.
Cordialmente

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Amalia Guglielminetti

Le ore inutili (Novelle)

Le ore inutili (Novelle) di Amalia Guglielminetti Youcanprint

Amalia Guglielminetti (Torino, 4 aprile 1881 – Torino, 4 dicembre 1941) è stata una scrittrice e poetessa italiana. Le poesie de "Le Vergini folli", il cui manoscritto fu offerto in visione al professor Arturo Graf, fu da questi pubblicamente definito «collana preziosissima» di versi «belli e nuovi». Successivamente, a pubblicazione avvenuta, in un biglietto ad Amalia, Graf scrisse: «la sua ...

Le vergini folli

Le vergini folli di Amalia Guglielminetti

Le seduzioni

Le seduzioni di Amalia Guglielminetti

L'amante ignoto

L'amante ignoto di Amalia Guglielminetti

Appare l’ampio atrio d’una villa settecentesca a colonne e ad archi, a marmi e ad ori tutto aperto nel fondo per una larga scalèa sul parco che si stende fino al Lago e addensa le sue ombre sotto il fogliame degli elci secolari. È una notte di fine settembre torbida e molle. Rade torcie a vento infitte ai fusti diritti degli abeti rischiarano con una lugubrità festosa, ad intervalli lunghi, i ...