L'assassino timido

Dall’autrice del romanzo La figlia, un caso letterario in Italia e un grande successo di critica e di pubblico, la storia di Sandra Mozarowsky, giovanissima attrice celebre in Spagna negli anni Settanta, una delle «Lolite» di quel cinema che si contrapponeva alla censura producendo film ad alto contenuto erotico. Morta all’età di 18 anni dopo essersi gettata dal balcone di casa, Clara Usón ricostruisce il tragico avvenimento cercando di far luce sul sospetto che Sandra sia stata uccisa dai servizi segreti a causa di una relazione con il Re Juan Carlos del quale era rimasta incinta. E nel seguire quest’indagine piena di suspense, tra verità e finzione, tra documentazione e immaginazione, l’autrice riscopre la propria giovinezza, l’irrequietezza e il desiderio di libertà e di eccessi, un sogno di ribellione in un periodo storico di grande trasformazione per un paese che si stava finalmente lasciando alle spalle i decenni bui del franchismo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli