Andrà tutto abbastanza bene: romanzo

Pozzoleone, 1915. Isetta vive serena con i due fratelli e la mamma fino a quando una tragedia la priva dei suoi affetti più cari e persino della sua identità, che viene attribuita dal padre, perennemente ubriaco, alla sorella morta. La bambina conosce così povertà e soprusi, ma ha una forza: non batte ciglio. Lei è una che non si fa domande, perché nessuno le ha mai insegnato a farsele. Attraversa così, tra peripezie, incontri surreali ed equivoci anagrafici due guerre mondiali. Isetta, assieme al cugino Aldo, bellissimo ma un po’ cialtrone, zia Maria, donna forse troppo pratica, e Giovanni, fidanzato prima, marito poi, cresce e diventa donna semplice ma risoluta e intelligente, arrivando ad una semplice ma importante conclusione: «Alla fine, andrà tutto bene. O, perlomeno, abbastanza.»

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

In una vita, il vivereIl Consigliere Letterario

Oltre la biografia e l’autobiografia, al di là dei richiami al lacerante passato d’Italia, il romanzo di Arianna Franzan colpisce e conquista per la delicatezza del linguaggio, per la sua capacità di scorrere, come acqua, dalla sofferenza alla pace del cuore, e in special modo per la prospettiva da cui sceglie di guardare la realtà, soffusa di candore, certo, ma non per questo priva di intelligenza e di una sottile, irresisitibile malizia. Andrà tutto abbastanza bene, in una parola, è un felice, felicissimo esordio. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.