Polvere di storia: Testo storico, sociologico e delle codificazioni

Questo lavoro è nato sotto la spinta emozionale della lettura di documenti originali inseriti in un arco di tempo che va dal 1500 al 1900, giunti in possesso dell’autrice per una circostanza inaspettata in cui lei ama immaginare non sia stata estranea «la mano del destino». Tali documenti, amanuensi e con l’inchiostro schiarito dal tempo, trattano di gente umile e di problemi che non sembrerebbero meritare l’attenzione degli «Storici». Tuttavia, nello scorrere con lo sguardo, con interesse sempre crescente quegli episodi di vita legati al «cittadino comune» l’autrice si è chiesta: tali personaggi «minori» del grande romanzo della vita, che non si sono distinti nelle vicende del vivere quotidiano con azioni particolarmente eccezionali, e non hanno lasciato altro di sé sulla terra che l’impronta della loro presenza attraverso i propri discendenti, (ma a volte neanche questa), come si pongono di fronte alla storia? Da tale indagine mentale è scaturita una risposta: - Essi sono la particella infinitesimale di quella popolazione che ha vissuto ed ha involontariamente creato «pagine di storia». Storia di un popolo, come quello Cilentano, così maltrattato, così indifeso di fronte alla legge dei più forti. Interessandosi e coinvolgendosi sempre di più in quelle problematiche avventure di vita, l'autrice è giunta alla conclusione che ogni «storia», che riguardi l’esistenza in particolare di un essere facente parte di quella popolazione che abita il Cilento da millenni, per quanto granello infinitesimale, sia essenziale e possa essere definita «polvere di storia». E' giunta infine il convincimento che quelle storie, svoltesi all’ombra della «Storia» grande, fatta più spesso dai potenti che dagli umili, ma vissuta sulla pelle di ogni individuo, formano il tessuto connettivo senza il quale la Storia perderebbe ogni consistenza umana e temporale; questo perché ogni vita, vissuta all’ombra della Storia che si studia sui libri, è stata influenzata o indirizzata, nel bene e più spesso nel male, dalle decisioni «dei grandi», di quelli cioè che nel libro della Storia hanno lasciato il loro nome e cognome e nel libro della Vita l’impronta del loro esistere. A motivo di ciò ha deciso di dedicare questo lavoro a quanti, nel libro di Storia, non hanno lasciato apparentemente nulla, eppure l’hanno permeato con l’essenza stessa della loro esperienza umana cui pochi prestano attenzione.
Il testo contiene nomi e cognomi, da Apicella a Trucido Alessandro,
oltre una breve storia, degli emigranti del salernitano tra 1800 e 1900,nei brani tratti da un volumetto stampato in San Martin di Buenos Aires verso la fine dell’800, dal titolo: «Dizionario Biografico degli Italiani al Piata», a cura degli editori Barozzi, Baldissini & C. (edizione fuori commercio e oramai pressoché introvabile). Edito dalla Loffredo nel 1999. Rivisitato per l' ebook, ulteriormente controllato per la sua versione cartacea nel 2017.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Bianca Fasano

Salire in sella: Racconto

Salire in sella: Racconto di

Un mio nuovo racconto (i racconti sono brevi) gratis per i prossimi due mesi sui link che permettono il gratuito. La speranza è che il lettore, dopo avere scorso, spero con interesse, le poche pagine di questa storia, si guardi intorno sul Web e si renda conto che vi sono molti miei scritti, su argomenti differenti, che attendono di essere letti. Mi farebbe piacere, inoltre, che un lettore ar...

La grafia dell'amore e dell'odio ed altri metodi di conoscenza dell'essere umano.: Parte III Conoscere se stessi e gli altri Vivere meglio con se stessi ... intervento di MR scientist Fabrizio Fasano

La grafia dell'amore e dell'odio ed altri metodi di conoscenza dell'essere umano.: Parte III Conoscere se stessi e gli altri Vivere meglio con se stessi ... intervento di MR scientist Fabrizio Fasano di

Riconoscere i segni. La comunicazione non verbale. -"Lei capiva meglio il linguaggio di suo figlio appena nato. Forse perché lui non mentiva: caldo, freddo, fame, sonno, paura di silenzio, voglia di coccole. Il suo linguaggio era chiaro. Quello di Valeriano invece sfuggiva: gelosia era amore o odio? Freddezza era disinteresse o stanchezza? Passione era rabbia o paura?"- (Da: Quel magico mon...

La grafia dell'amore e dell'odio ed altri metodi di conoscenza dell'essere umano.: Parte III Conoscere se stessi e gli altri Vivere meglio con se stessi ... intervento di MR scientist Fabrizio Fasano

La grafia dell'amore e dell'odio ed altri metodi di conoscenza dell'essere umano.: Parte III Conoscere se stessi e gli altri Vivere meglio con se stessi ... intervento di MR scientist Fabrizio Fasano di

Riprendiamo il nostro discorso sulla grafologia. Nella prima parte già pubblicata di questo lavoro,ho trattato di una serie di persone del passato e del presente, definendo più o meno approfonditamente la loro biografia e dando - in modo differentemente limitato - una chiave di lettura attraverso le grafie, prima di cominciare a trattare, nella seconda parte del lavoro (la presente), il tipo d...

Theodore Robert (Cowell) Bundy il Killer che affascinava: Vita e grafia.

Theodore Robert (Cowell) Bundy il Killer che affascinava: Vita e grafia. di

Lo scritto "Theodore Robert (Cowell) Bundy il Killer che affascinava. Vita e Grafia", è tratto dal mio libro di grafologia “La grafia dell’amore e dell’odio ed altri metodi di conoscenza dell’essere umano Parte I”, in cui ho inserito, tra le “grafie dell’odio”, anche uno studio di quella di Theodore Robert (Cowell) Bundy, un pericolosissimo killer sfuggito per anni ed anni dall’essere fermato, ...

"L'ingenua": Racconto breve.

"L'ingenua": Racconto breve. di

Un mio racconto (i racconti sono brevi), in regalo, come un “assaggio” di conoscenza, sui link che permettono il gratuito. Per chi voglia leggere più a lungo ci sono molti miei lavori sul web. L’ingenua è una storia fresca di scrittura. Parla di una donna che, forse, non sapeva vedere ciò che le accadeva, troppo presa a vivere ciò che era necessario vivere. Una donna non più giovane, colt...

"Tre interviste impossibili": A: Gaetano Fasano, Anna Marchesini e Alan Mathison Turing.

"Tre interviste impossibili": A: Gaetano Fasano, Anna Marchesini e Alan Mathison Turing. di

L'idea di scrivere questa intervista ad Anna Marchesini che è nata dall'incontro in un ristorante del Vomero, con l'attore Massimo Lopez. Avrei voluto abbracciarlo, per ringraziarlo della sua capacità di farci ridere, con ironia e intelligenza.La cosa che considero più straordinaria nella vita di una scrittrice (di un’artista in generale), è la possibilità di giocare con la fantasia.Non solo qu...