"Chiazze d'azzurro" Poesie.

Presentazione dell’autore.

A mio parere un poeta non è un filosofo della vita. Forse anche questo, sì, filosofo della vita, ma non soltanto questo. Poeta nascitur, orator fit. Poeti si nasce, oratori si diventa. Le ragioni della poesia? Se vi fossero “ragioni”, come quelle che intendiamo per la logica economica che ci spinge ad alcune azioni, non parleremmo più di poesia. Sono divenuta un po’ incredula rispetto a quanti si definiscono “poeti”, ma nella loro vita non mostrano quella sorta di serena, costante innocenza che dovrebbe contraddistinguerli. Non l’innocenza del bambino, che a volte può essere anche cattiva, nell’uccisione di un insetto, una lucertola o un passerotto o nei confronti dei propri simili. L’innocenza del poeta è quella che, pur riconoscendo “il male”, semplicemente lo rifiuta. Rifiuta di utilizzarlo come arma. Il poeta ha come arma i suoi versi. Arma contro il proprio dolore, anche. Arma per ritrovare nei propri versi quell’istinto che li fece nascere. Scrivere una poesia è per me, un rifugio al dolore o alla gioia. Sì, anche alla gioia, in quanto, da poeti, “la soffriamo”. Parti del nostro esistere sono nelle poesie che abbiamo scritto. Alcune “trasparenti”, mostrano “le motivazioni” che ci spinsero a scriverle, altre sono più misteriose, sottese, comprensibili soltanto a noi. Ed è bene così: il poeta, difatti, è nudo.
Questa la ragione per cui molte delle mie poesie non saranno mai lette da altri che da me stessa. Sono nate per “consolarmi” e per essere rilette, di tanto in tanto, come se fossero un “cassetto segreto” in cui sono stati riposti i ricordi. Noi poeti ci ritroviamo in quei versi, a volte sorridendo della persona “altra” che li scrisse, a volte compiangendola per l’emozione che li fece nascere. Non saranno letti da altri. Per alcuni, dopo la nostra morte, vi sarà il silenzio.
Pubblico, quindi, versi che parlano di me o della mia visione del mondo in cui altri, forse, si riconosceranno, ma con prudenza, come quando affidiamo al mondo qualcosa di terribilmente nostro.
Grazie per l’attenzione. Bianca Fasano.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Bianca Fasano

Monna Lisa a Lagonegro: e altri racconti dell'insolito

Monna Lisa a Lagonegro: e altri racconti dell'insolito di Bianca Fasano Bianca Fasano

Ho avuto sempre una propensione per la ricerca di un mondo "altro". Forse per la convinzione che esista davvero. No: non soltanto quello religioso dove circolano le anime, piuttosto mondi differenti, alternativi al nostro, in cui la causalità e la casualità possano trovare tempi diversi da quelli che avvengono nella nostra linea di vita. Intendo una dimensione parallela o un universo parallelo...

"Morire d'odio": Racconto

"Morire d'odio": Racconto di Bianca Fasano Bianca Fasano Accademia dei Parmenidei

IPOTESI Il mio racconto "Morire d'odio", mi è stato ispirato dalla consapevolezza che, benché sia necessario punire un colpevole, ancora più importante sia non porre in carcere un innocente. Non si riporta un caso soltanto in cui la vittima "sia scomparsa" e mai ritrovata, malgrado le ricerche. In America secondo l'Fbi nel solo 2012 i casi di missing sono stati oltre seicentomila, poco meno ...

"Lo specchio": Racconto in lettura gratuita

"Lo specchio": Racconto in lettura gratuita di Bianca Fasano Bianca Fasano Accademia dei Parmenidei

"Lo specchio è nato da un fatto reale, come spesso capita per molti miei racconti brevi. Più che "ispirato a", proprio "inerente a." Offro questo mio racconto, come ho fatto per altri, in lettura gratuita come un biglietto di presentazione. Da "Il sogno", gratuito anch'esso, ho avuto grandi soddisfazioni. Più che per altri. Mi sono chiesta il perché, senza risposta. Nessuno dei miei lettori ...

L'isola di Down sul Pianeta Sereno e la "sindrome di high".: Racconto

L'isola di Down sul Pianeta Sereno e la "sindrome di high".: Racconto di Bianca Fasano Bianca Fasano Accademia dei Parmenidei

Questo racconto è nato dal fatto di avere notato come le persone che nascono con la sindrome di down siano, per quanto ho avuto modo di notare, molto dolci e gentili. La sindrome di Down non è una malattia e non può essere curata: è una caratteristica della persona che la accompagna per tutta la vita. I dati principali che annotiamo noi, dall'esterno ci portano a vedere che quanti nascono con ...

Grafia suicidaria. Studi

Grafia suicidaria. Studi di Bianca Fasano Bianca Fasano Accademia dei Parmenidei

Suicidi. Segnali. Quando qualcosa di inaspettato (o temuto), capita nella vita di qualcuno, come, ad esempio, il suicidio di un amico, di un familiare, di un conoscente, viene fatto di chiedersi se, in qualche modo, quella tragedia si sarebbe potuta evitare. In pratica, se la persona che si è tolta la vita aveva dato cenni della sua intenzione, se, in qualche modo, si sarebbe potuto ...

"Another Marilyne": Dedicato.

"Another Marilyne": Dedicato. di Bianca Fasano Bianca Fasano Accademia dei Parmenidei

Dedicato a Norma Jean, che non riuscì mai a divenire Marilyn Monroe Questo mio “singolo” è dedicato ad un personaggio che mi è particolarmente caro: Marilyn Monroe. Un’attrice che è passata nel mondo della celluloide in un lasso di tempo brevissimo, lasciando un profondissimo segno. E’ stato il periodo del mio “Il tempo degli eroi” , un libro che per me ha significato molto. Tra il...