Samuele Stochino

Un ampio spaccato della società ogliastrina dei primi del ´900 ruota intorno alla figura di Samuele Stocchino, il bandito per il quale Mussolini stabilì la taglia più alta mai fissata per un ricercato. Reduce della Grande Guerra, sottufficiale della Brigata Sassari, decorato con medaglia d´argento al valor militare, egli fu, a parere di molti, un innocente ingiustamente perseguitato, vittima di false accuse, divenuto per sete di vendetta un "giustiziere" sanguinario, autore di una lunga serie di delitti. La plasticità linguistica, la fantasia nei travestimenti, la sapienza degli espedienti, l´autocontrollo, lo scatto, la perseverante precisione permisero a Samuele una latitanza quasi decennale. La Tigre d´Ogliastra ispirava terrore e ammirazione ad un tempo, la sua vera storia è avvolta dalle leggende che la sua figura ha ispirato.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli