Senza Nome

Guardò verso di me e sollevai il bicchiere appena in alto. Inclinò leggermente la testa e si alzò, facendomi cenno di andare da lei. Beh, perché no, questa cosa potrebbe andare in qualsiasi modo.
Mi alzai e la osservai mentre si faceva strada tra la folla, la ragazza sembrava bellissima da tutti gli angoli. Era un vero ballo per lei, ed era una bellissima ballerina.
Si sedette ad un tavolo vuoto nell'angolo. Sono arrivato solo un secondo dopo di lei. Non disse nulla, si limitò a scivolare indietro sulla panca e tamburellò sul sedile accanto a lei, sempre gentilmente, come se chiedesse ad un bambino di sedersi.
Normalmente sarei stato sconvolto dalla condiscendenza. Ma c'era qualcosa in quella faccia da ragazza che mi diceva che non mi trattava né con condiscendenza né mi riservava il trattamento come se fossi un bambino.
Mi sono seduto accanto a lei.
"Ciao, mi chiamo ..." Mi mise un dito sulla bocca per zittirmi.
"Nessun nome", sospirò, "È meglio così."
"Voglio mostrarti qualcosa". Sollevò il vestito un po’. Le sue gambe erano splendide, la pelle liscia e cremosa, così invitanti, volevo accarezzarle. Mentre il suo vestito scivolava un po’di più, potei dire che non avesse biancheria intima. Immagino che l'espressione sul mio viso fosse comica, perché lei emise una piccola risatina.
"Non preoccuparti, goditi il tuo drink, per ora." La sua affermazione era satura di insinuazioni, goditi il tuo drink per ora, e poi più tardi ...
Prese il drink e bevve un elegante sorso. Ho seguito l'esempio. Stavo cominciando a godermi tutto questo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Cassandra Goren

Il Tuo Nuovo Ragazzo

Il Tuo Nuovo Ragazzo di Cassandra Goren

"Ti ho portato una cosa, signorina Callum." Lui sorrise e posò la borsa regalo sul tavolino. "Per favore, chiamami Stella." Gli sorrisi e lo ringraziai mentre prendevo la borsa, e mi avvicinai. Tirai fuori un bellissimo paio di scarpe con tacco alto. Sono sicura di essere rimasta scioccata mentre la mia bocca era aperta. Era un dono di natura più intima di quanto fosse appropriato. Mi sentii ...

Invisibile

Invisibile di Cassandra Goren

Cinque giorni e cinque notti al resort erano ragionevoli e convenienti. Laura prenotò un volo per domenica sera e stava compilando un assegno per tutto, quando la donna dietro la scrivania sospirò e disse: "Vorrei avere il coraggio di andare in un resort nudista". "Eh? Cosa?" Fu la risposta arguta di Laura. "Beh, dice abbigliamento opzionale ma significano la stessa cosa." Laura firmò l'...

Cornuto

Cornuto di Cassandra Goren

Abbiamo parlato a lungo ed è diventato chiaro che la causa alla base delle nostre pause regolari era la semplice frustrazione sessuale. Mi amava, ma questo era un problema serio per lei, il che significava che non potevamo avere futuro. Voleva che tornassimo insieme, ma aveva concluso che era finita; la natura accendi-spegni, accendi-spegni della nostra relazione era troppo dolorosa, per ...

L'Ape Regina

L'Ape Regina di Cassandra Goren

Risero insieme mentre Debra la aiutò a spogliarsi, mentre inciampava e cadeva sul morbido materasso. "Non pensavo di aver bevuto così tanto," sbottò Laura mentre Debra le strappava i jeans che indossava, tirando con sé le mutande. "Dio, sei così bella," sussurrò Debra, le sue dita che trascinavano le gambe nude dell'oggetto del suo desiderio. "Rilassati e lascia che mi prenda cura di te, bella...

Liquida Libidine

Liquida Libidine di Cassandra Goren

Alzati, mi dico. Appena alzata, fai un giro, continuo. Non devi guardarlo in faccia. Ma io voglio guardarlo in faccia. E realizzo qualcosa. Parte della ragione per cui non riesco a muovermi è la pressione sulla mia vescica. Pensavo davvero che sarei arrivata alla fine della sessione, ma dannazione ce la farei se non dovessi fare la pipì. Non volevo perdermi nulla. Questo di solito non è un ...

La Dissolutezza Dentro Di Me

La Dissolutezza Dentro Di Me di Cassandra Goren

La sua mano si avvicinò lentamente a lei come un serpente, convocandola, inducendola ad avvicinarsi, finché non le trovò la vita e la attirò a sé ed i loro corpi si toccarono ai lombi. Aveva sentito il suo pene duro sotto i pantaloni e aveva volontariamente appoggiato i fianchi contro di lui. Tutt'intorno, sentiva l'atmosfera sessualmente carica, le luci che irradiavano un incredibile calore ...