Tiki-taka Budapest. Leggenda, ascesa e declino dell'Ungheria di Puskas

Compra su Amazon

Tiki-taka Budapest. Leggenda, ascesa e declino dell'Ungheria di Puskas
Autore
Diego Mariottini
Editore
Bradipolibri
Pubblicazione
14/06/2016
Valutazione
1
Categorie
“Tiki-taka Budapest” può essere definito un libro che parla di uomini, di sogni, di speranze in un futuro migliore. Dell’eterno conflitto fra ragione e sentimento. E lo fa grazie al racconto di una delle più belle e potenti creazioni dello sport moderno. La Nazionale ungherese di calcio del dopoguerra era la carta da parati dietro la quale si nascondeva la vita misera e senza prospettive di un intero popolo. Lo sport racconta episodi e sentimenti umani in maniera unica. Ecco, di sicuro “Tiki-taka Budapest” è un libro di passioni. Una squadra imbattibile. Un allenatore che è insieme un organizzatore, un tattico, un secondo padre o, se si preferisce, uno zio. 11 giocatori che non sono tutti campioni, ma la cui somma in campo dà molto più di 11. Un gioco mai visto prima. Una visione spregiudicata e modernissima di concepire gli spazi in campo. Un numero infinito di partite di fila senza perderne una. L’Ungheria della prima metà degli anni ’50 è più che una squadra di calcio: è strategia vincente, è bellezza. È arte al servizio del pallone, ma anche uno strumento politico. La formazione allenata da Gusztáv Sebes è pianificata per vincere. Vincere e basta. L’ammirazione del mondo intero, la vittoria alle Olimpiadi di Helsinki 1952. Un’epica di squadra che il regime di Budapest fa propria e che usa per far dimenticare al popolo, fame, povertà, assenza di libertà. La Nazionale ungherese allevia le sofferenze di 9 milioni di connazionali, ma il giorno del giudizio è in agguato. Il 4 luglio del 1954 i più forti al mondo riesconoa perdere un Mondiale praticamente già vinto. Tutto crolla: il mito dell’imbattibilità, il dogma dell’infallibilità del Partito. La disillusione che rende violenti, il risveglio di un popolo che si sentiva nell’Empireo calcistico ma che deve ammettere di essere Terzo Mondo. “Tiki-taka Budapest” racconta 60 anni di sport e politica nel Paese del gulasch e di Ferenc Puskás, gli effetti di una rivoluzione tradita, ma anche la morte di un movimento che a suo tempo ha generato campioni in serie e che ora tenta di risorgere con difficoltà.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

RecensioniLibri.org

Tiki-taka Budapest | Diego MariottiniRecensioniLibri.org

L’intento di Mariottini è quello di far vestire al lettore i panni di Zoltán, un ipotetico operaio di Buda, della casalinga Zsuzsanna, dei braccianti György e Rózsa, innamorati di quel collettivo meraviglioso fino alla gloria spezzata che riporta il popolo alla vita vera e a combattere per la propria libertà. Continua…

Registrati o Accedi per commentare.