Le notti bianche: Una storia sentimentale dal diario di un sognatore

Romanzo breve sul significato dell’amore altruistico, sulla solitudine e sulle emozioni dolci-amare dell’amicizia e della perdita di essa tra due estranei, "Le notti bianche" venne pubblicato per la prima volta nel 1848 e costituisce uno dei primi lavori dello scrittore russo. Racconta in prima persona la storia di un giovane solitario nel corso delle quattro notti successive a un incontro fatale che egli ha con una bella ragazza di nome Nastenka. Timido sognatore dalla fervida immaginazione, egli vive ai margini della vita di San Pietroburgo e trascorre quasi tutto il suo tempo da solo. Una sera, durante il suo peregrinare per la città, incontra la ragazza sul lungofiume e immediatamente se ne innamora. Ella, essendo rimasta orfana e dedicandosi completamente alle esclusive cure della nonna, proprio come lui non ha amici ed è altrettanto solitaria. Nonostante le affinità tra i due, il sentimento amoroso rimane non corrisposto poiché lei è già innamorata di un altro. Innamorato sinceramente di lei e non dell’idea dell’amore, o di una sorta di visione idealizzata di come potrebbe essere la loro vita insieme, il giovane, nella consapevolezza che la ragazza non potrebbe mai essere felice se non con l’uomo che ama, sa rinunciare con coraggio e con altruistico spirito di sacrificio a lei, comprendendo la profondità e complessità dell’alchimia amorosa. Dostoevskij descrive la lotta emotiva che si svolge nell’animo del protagonista con tale magistrale forza di penetrazione e brillantezza da riuscire a rendere la sua parabola sentimentale universale, poiché tutti i giovani di ogni epoca, indipendentemente dalla nazione e dalla cultura, attraversano simili fasi esistenziali ed emotive.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di FËDOR DOSTOEVSKIJ

L'idiota

L'idiota di

Il protagonista del secondo grande romanzo di Dostoevskij, "L'idiota", pubblicato nel 1869, è il principe Myskin, ultimo erede di una grande famiglia decaduta. Il personaggio è una creatura spiritualmente superiore, in cui la generosità d'animo e la candida fede nel prossimo si accompagnano ad una totale inesperienza di vita e ad una sorta di paralisi della volontà. Queste sue caratteristiche s...

Povera gente

Povera gente di

Varvara Dobroselova e Makar Alekseevič Devushkin sono cugini di secondo grado e vivono uno di fronte all'altra sulla stessa strada in due appartamenti fatiscenti. Devushkin vive con diversi altri inquilini, come i Gorshkovs, il cui figlio malato soffre la fame e alla fine della storia muore. Devushkin e Dobroselova si scambiano lettere che attestano le loro terribili condizioni di vita e il con...

Delitto e castigo

Delitto e castigo di

Lo svolgimento dei fatti è quasi tutto a Pietroburgo, nel corso di un'afosa estate. L'epilogo invece si svolge nella prigione-fortezza di una località non espressamente nominata, sulle rive del fiume Irtyš. Il romanzo ha il suo evento chiave in un duplice omicidio dettato dall'ostilità sociale: quello premeditato di un'avida vecchia usuraia e quello imprevisto della sua mite sorella più giovane...

Il sosia: Poema pietroburghese

Il sosia: Poema pietroburghese di

“Il sosia” è una delle opere giovanili del grande scrittore russo Dostoevskij.Ambientato nella lussuosa San Pietroburgo, all’epoca capitale del grande impero russo, narra le gesta “eroiche” del consigliere titolare Goljadkin, un sempliciotto che si lamenta della noiosa routine della sua vita e che si ritrova a dover affrontare l’arrivo sulle scene di un altro lui, una sua copia identica. Questo...

Netočka Nezvanova

Netočka Nezvanova di

In una nuova traduzione, il romanzo che Dostoevskij stava scrivendo al momento del suo arresto per mano della polizia zarista. Le prime tre parti di "Netočka" vennero pubblicate all’inizio del 1849: a fine aprile Dostoevskij fu arrestato, condannato a morte, graziato mentre già si trovava sul patibolo. A ciò seguirono la deportazione, i lavori forzati, il confino: dieci anni nel buio della step...

Umiliati e offesi

Umiliati e offesi di

Quando, nel 1859, Dostoevskij ottenne il permesso di rientrare dalla deportazione nella Russia europea, aveva bisogno di qualcosa di clamoroso per riaffermare la propria posizione nel panorama letterario dell’epoca. Fu così che nella primavera del 1860 si dedicò alla stesura di un "roman-feuilleton" pieno di situazioni estreme, spregiudicate, delle quali si parlava con relativa disinvoltura, in...